Il Fila ingaggia Astou Traoré, leggenda del basket africano

L’A.S. San Martino è lieta di annunciare l’ingaggio per la stagione sportiva 2020/21 di Astou Traoré, ala senegalese di 182 cm dall’importante profilo internazionale. Giocatrice di grande esperienza (è nata il 30 aprile 1981), Traoré ha alle spalle una lunga carriera di successi e soddisfazioni, tanto che è conosciuta con l’appellativo di “leggenda” del basket senegalese e africano.

Proprio dal suo rapporto con la Nazionale bisogna partire per raccontarne la carriera, perché è con la maglia del Senegal che Traoré ha conquistato probabilmente le sue soddisfazioni più belle. Addirittura vanta la palma di migliore marcatrice della storia di Afrobasket, con più di 800 punti realizzati nelle otto edizioni della competizione continentale a cui ha preso parte fra il 2005 e il 2019, finendo sempre sul podio. In due di queste ha guidato il Senegal al titolo (2009 e 2015), altre cinque volte ha conquistato la medaglia d’argento e in un’occasione quella di bronzo. Nell’edizione del 2017, chiusa al secondo posto dietro alla Nigeria e giocata a quasi 21 punti di media, è stata eletta MVP della competizione. E anche in quella dell’anno scorso, terminata allo stesso modo per la formazione gialloverde (nonostante nella volata finale la neo giocatrice del Fila avesse agguantato il pareggio a 2′ dalla sirena), è stata la migliore marcatrice (15.2) e rimbalzista (8.2) della squadra.

Con il Senegal ha preso parte inoltre alle Olimpiadi di Rio 2016, dove è stata anche in questo caso la migliore marcatrice delle sue con 15.6 punti a gara. A questa entusiasmante esperienza, che ogni giocatrice sogna di vivere nella propria carriera, vanno aggiunte poi tre edizioni dei Mondiali nel 2006, 2010 e 2018, nelle quali ha realizzato rispettivamente 9.8, 9.4 e 13.8 punti di media, segnalandosi sempre come una delle migliori della rassegna iridata. Nel suo ricco palmarès internazionale, anche due ori ai Giochi Africani nel 2007 e 2011.

Brillante anche la carriera a livello di club, sviluppatasi soprattutto tra Francia e Spagna. Dopo le esperienze con Chateauroux e Flammes Carolo, nel 2007 approda nel campionato spagnolo. Partendo dalla seconda lega, che vince nel 2009 con la maglia del Girona (18 punti e 7 rimbalzi a partita), si impone presto anche nel massimo torneo, dove resta fino al 2013 vestendo le divise di La Seu D’urgell e Juventut Mariana. Nelle ultime due stagioni è fra le top scorer del campionato, viaggiando attorno ai 16 punti di media.

Nel 2013 torna in Francia, a Saint-Amand Hainaut (squadra nella quale in seguito giocherà anche Egle Sulciute, e dove quest’anno è approdata l’ex giallonera Jasmine Bailey), con la quale disputa due stagioni: nella prima risulterà top scorer del campionato, a oltre 19 di media, con l’aggiunta di 8 rimbalzi a partita. Nel mezzo anche una breve esperienza all’U.T.E., squadra dell’Ecuador con cui nell’estate del 2014 prende parte a un prestigioso torneo internazionale con le migliori squadre sudamericane: qui conquisterà la medaglia di bronzo e sarà la migliore realizzatrice della manifestazione con 29.4 punti a partita, a cui aggiungerà anche 8.2 rimbalzi e 3.4 assist.

Nel 2015 inizia la sua avventura in Belgio, con il Belfius Namur. Ancora una volta è fra le top scorer del campionato (18.6 punti a uscita), e il suo club arriva fino alla finale playoff, persa con Castors Braine. La rivincita arriva nella Coppa del Belgio, con la conquista del trofeo e il premio di MVP della finale. Con la formazione belga è protagonista anche in Eurocup, proprio come l’anno seguente, iniziato di nuovo in Spagna al Gipuzkoa (18.1 punti in 9 gare) e concluso in Turchia al Galatasaray. Qui firma 13.2 punti sia in campionato che appunto in Eurocup, e in entrambi i casi la squadra arriverà fino alla semifinale.

Nel 2017/18 è di nuovo a Girona, dove a quasi dieci anni dalla promozione nel massimo campionato contribuisce ancora una volta al raggiungimento della finale per il titolo e di Coppa di Lega, oltre al traguardo dei quarti di finale in Eurocup. Dopo una stagione a Ensino Lugo, dove tra l’altro è compagna di squadra dell’azzurra Marzia Tagliamento, nel dicembre 2019 intraprende una nuova esperienza in Angola, all’Inter Clube. Qui disputa la FIBA Africa Women’s Champions Cup, di fatto l’Eurolega africana, trascinando la squadra in finale (persa 91-90 in overtime) e risultando la terza marcatrice della competizione a 21.5 punti di media. A gennaio l’ennesimo ritorno in Spagna, al Clarinos San Cristobal, con cui fa tempo a giocare solo 7 partite (10.6 punti di media tirando con un 12/24 complessivo da tre) prima dell’interruzione per l’emergenza Covid-19.

Ora finalmente Astou Traoré sbarca per la prima volta nel campionato italiano. Il suo è il quinto nome ufficiale del Fila 2020/21, dopo quelli già annunciati di Sulciute, Ciavarella, Fogg e Fietta. Le rivolgiamo un caloroso benvenuto e un in bocca al lupo, non vediamo l’ora di vederla all’opera!

FONTE: Ufficio Stampa A.S. San Martino

Commenta
(Visited 70 times, 1 visits today)

About The Author

Martino Ruggiero Nato a Taranto, trasferito a Roma tre anni fa per inseguire il mio sogno e per studiare Giurisprudenza, 21 anni. Seguo qualsiasi sport da quando sono nato. Per la pallacanestro ho fatto il giocatore, l'allenatore e il telecronista ma i tasti più consumati del mio telecomando sono quelli che mi portano al calcio. Amante delle storie sportive, da raccontare, da leggere e da ascoltare. Appassionato di viaggi, non conosco un stato d'animo diverso dall'ottimismo.