Il Geas sfiora l’impresa con la capolista Lucca

A un passo dall’impresa, contro la capolista: si può riassumere così il 71- 74 con cui Lucca passa al PalaNat contro un Geas che, nonostante la sconfitta, esce con fiducia da un testa-coda on cui le rossonere hanno dimostrato di voler e poter lottare fino alla fine per la salvezza. Dopo la vittoria con Battipaglia, un’altra buona prestazione per la squadra di coach Zanotti, che ha tenuto botta contro una Lucca non al meglio del suo potenziale ma comunque squadra di altro livello rispetto a questo Geas. È mancato poco alle rossonere per riuscire nel colpaccio, nonostante tante, anzi troppe palle perse (24) e i tanti rimbalzi concessi a Lucca, soprattutto nell’area rossonera (18 i rimbalzi offensivi concessi alle toscane). Sarà ora decisiva la sfida del 28 febbraio in casa di Cagliari, avversaria diretta in chiave salvezza.

Soddisfatta, anche se con un pizzico di rammarico, coach Zanotti: “Devo dire che stasera abbiamo dato un bel segnale: dopo la vittoria con Battipaglia non potevamo certo pretendere di battere Lucca, ma ci abbiamo provato fino all’ultimo, trovando anche buone soluzioni offensive. Purtroppo ci è mancato qualcosa, ma davvero non posso rimproverare nulla alle ragazze. Sono state brave a rientrare nei momenti difficili e a mantenere il contatto contro una squadra che fa dell’aggressività e della difesa le sua armi principali. Adesso, con fiducia, dobbiamo continuare a lavorare e cercare, sin dalla prossima partita, di portare a casa anche dei punti oltre ai complimenti”.

La cronaca della gara inizia con una prima fase equilibrata, con le due squadre che nelle prime azioni cercano pe rispettive pivot, andando a segno da sotto con Pedersen da una parte e Mandache e Correal dall’altra (6-7). Il primo tentativo di fuga è di Lucca, che trova tre canestri in fila firmati da Harmon, propiziati anche da due perse banali delle playmaker geassine. Sul 6-15 le rossonere reagiscono: tripla dal nulla e piazzato di Mandache e Geas di nuovo a contatto. Entra poi in partita la grande ex Crippa, che piazza cinque punti in fila seguiti, nel momento più difficile, da una tripla di Madonna e da due ottime giocate a firma Kacerik e Mandache che riportano il Geas sotto la doppia cifra di svantaggio (20-27).

Dopo un primo quarto scoppiettante, le due squadre calano leggermente. Il Geas trova in Madonna un infallibile cecchina, ma una sanguinosa persa di Arturi a metà campo consegna a Templari la palla del +10 Lucca. Il timeout di Zanotti rivitalizza le geassine, spinte da Brown che entra finalmente in partita rispondendo ai canestri di una scatenata Harmon (già a quota 11 punti). Sul 27-37 tre triple, a firma Madonna, Arturi (non al top a causa del mal di schiena) e Brown, rilanciano il Geas, che spinto dal pubblico riesce con rabbia a chiudere il primo tempo sul 41-41 grazie a una spettacolare tripla di Brown.

Dopo l’intervallo le due squadre appaiono stanche, gli errori fioccano ma a regnare è ancora l’equilibrio. I canestri di una precisissima Harmon e i rimbalzi offensivi di Lucca continuano ad essere un problema per un Geas che però trova energia grazie ai canestri di Correal e soprattutto di Barberis (45-50). Lucca è però più precisa, Crippa e Harmon continuano a trovare il canestro con regolarità anche grazie a qualche errore di posizionamento della difesa rossonera. Il momento chiave arriva a due minuti dalla fine del quarto, quando Dotto trova due bombe in fila lanciando Lucca sul +12 (50-62). Brown risponde in penetrazione, ma l’ultimo canestro del quarto arriva per mano di Templari (52-63).

L’ultimo periodo è bellissimo e intenso: per il Geas Correal e Barberis salgono sugli scudi, Harmon però continua a mantenere percentuali ottime frustrando, insieme a Templari, ogni tentativo di rimonta rossonero (58-72). A 3’ dalla fine le rossonere provano l’ultimo tentativo di rimonta, che parte grazie alla sferzata di Brown e alla presenza in post di Correal (ottima con 14 punti e 6 rimbalzi). Pedersen ridà ossigeno a Lucca, ma il gioco da tre punti dell’ottima Barberis tiene accesa la speranza del pubblico geassino. Sull’ultimo attacco la palla non entra, Lucca sbaglia lasciando al Geas la consolazione di trovare, con Brown il canestro del -3. Finisce 71-74, con gli applausi del pubblico rossonero che certificano la buona prova delle ragazze di coach Zanotti.

 

Jacopo Cattaneo

Commenta
(Visited 5 times, 1 visits today)

About The Author