Il Globo Isernia - Cesarano Scafati Basket 70-72

La vittoria contro Scafati era ad un passo. Dopo aver rimontato uno svantaggio di oltre venti punti accumulato in un primo tempo giocato in maniera superficiale, a pochi secondi dalla fine Il Globo Isernia era sotto di sole due lunghezze. Visti i primi due quarti, nessuno avrebbe mai scommesso su un risveglio degli uomini di Cardinale che, con una maturità ed una freddezza difficili da trovare in giocatori così giovani, sono tornati in campo dopo la pausa convinti e determinati. Un super Patani (18 punti e 9 rimbalzi) suona la carica e Isernia risale. Un ottimo Smorra (12 punti e 3 rimbalzi) ed un grintoso Esposito (11 punti e 3 rimbalzi) iniziano a creare problemi alla difesa scafatese e gli isernini chiudono il terzo quarto con dodici punti da recuperare. Nell’ultimo e decisivo periodo Il Globo gioca molto bene. Smorra e Patani continuano a segnare, coadiuvati da Guagliardi (10 punti e 5 rimbalzi) e Poggi (8 punti e 5 rimbalzi). Purtroppo, come troppo spesso accade nei momenti caldi, l’Isernia viene penalizzata da alcune decisioni arbitrali. È ormai fin troppo evidente che la compagine molisana non gode del rispetto dei direttori di gara: è una piccola realtà, giovane, che rappresenta (insieme a Venafro) una minuscola regione. E quindi antisportivo inventato a Patani (che poco dopo esce per falli a causa di uno sfondamento discutibile)  e altri pasticci. Eppure Il Globo è ancora lì, con il fiato sul collo dell’avversario. E anche quando Scafati prova a ricacciare indietro i padroni di casa con Carrichiello e Di Capua (15 punti per entrambi), gli isernini non mollano. A pochi minuti dal termine, sul +6 per i campani, Poggi è costretto ad uscire per infortunio. La pressione inizia a farsi sentire, l’Isernia commette alcuni gravi errori, ma è sempre lì. A pochi secondi dal termine ha l’opportunità di pareggiare. Guagliardi taglia la difesa, penetra e va a canestro subendo un contatto sospetto, ma gli arbitri non fischiano. Esposito cattura il rimbalzo, tenta la soluzione e probabilmente subisce fallo. Nessun fischio. Bisogna essere una squadra di alto rango per ricevere un fischio a favore in un momento così decisivo.

Questa sconfitta fa male parecchio, anche perché Venafro ha battuto Maddaloni e raggiunto gli isernini a quota 8, ma può contare sul vantaggio negli scontri diretti. Ora Il Globo è penultimo, seguito solo da Fondi. Il cammino per la salvezza si complica, ma la grinta e la voglia di vincere di questi ragazzini terribili fanno ben sperare. Il calendario non è dei migliori però: il 3 aprile si va a Palermo e il 9 arriva Scauri.

 

Il Globo Isernia – Cesarano Scafati 70 – 72 (15 – 27; 13 – 20; 20 – 13; 22 – 12)

Il Globo Isernia:

Triggiani 5, Patani 18, Werlich 4, Poggi 8, Smorra 12, Guagliardi 10, Esposito 11, Bisciotti ne, Sansone, Carosi 2.

All. Cardinale

Cesarano Scafati:

Di Capua 15, Mlinar 9, Carrichiello 15, Cucco 5, Sergio 5, Seguenti Monacelli 10, Malpede 2, Falco ne, Dieye 3, Salvatore Maria 8.

All. Iovino

Arbitri: Battista e Giansante

Commenta
(Visited 12 times, 1 visits today)

About The Author