Il Globo Isernia perde il derby contro Venafro

Il derby contro Venafro non è  mai una gara come le altre. È agonismo puro, lotta su ogni possesso, nervosismo e muscoli. Non possono non riaffiorare alla mente degli appassionati quelle gare sofferte, dure: serie C2, play-off,play-out, DNC, ora serie B. Spesso non vince chi è più in forma, ma chi scende in campo con la mentalità giusta. Isernia sembrava favorita, essendo reduce da tre partite giocate egregiamente: domenica scorsa ha dato parecchi grattacapi addirittura alla capolista Eurobasket Roma. Venafro, invece, aveva subito una pesantissima sconfitta nella gara d’esordio contro Scauri e aveva perso 83-56 contro Fondi. Eppure i ragazzi di Mascio sono scesi in campo convinti e decisi, giocando un ottimo primo tempo. Si sa, il campo dei venafrani non è affatto facile: piccolo, con il pubblico a rumoreggiare a bordo campo, la condensa che si forma quando c’è troppa gente. Il Globo ha pagato un primo tempo anonimo, caratterizzato da un abuso di tiri da tre (7/33 a fine serata) e da alcune decisioni affrettate.

Non è una giornata facile, e lo si capisce dall’avvio della partita. Venafro va subito sul 6-0. Patani (7 punti e 8 rimbalzi) accorcia le distanze e Poggi (9 punti e 6 rimbalzi) pareggia (-5’52”). Tamburrini (14 punti) riporta avanti i suoi. Capitan Gentili (25 punti) non ci sta e piazza la tripla che vale il +1. Ed è di nuovo lui, sempre dalla lunga distanza, a firmare l’allungo:+4 per i ragazzi di Cardinale. L’ex Loughlimi (17 punti, 3/4 da tre) accorcia le distanze. Una serie di errori degli isernini permette ai padroni di casa di riprendere il largo con una tripla di un infallibile Minchella (27 punti e 5 rimbalzi con percentuali da capogiro). Coach Cardinale chiama timeout, ma Isernia non riesce a tornare su. Minchella piazza un’altra bomba che permette a Venafro di chiudere il primo quarto in vantaggio 16-12.

Il Globo sembra tornare in campo con più convinzione. Guagliardi (17 punti) recupera palla e imbocca Triggiani (4 punti) che firma il canestro del -2. Venafro non riesce a concretizzare la successiva azione di gioco e Fiorentino (10 punti e 6 rimbalzi) prende un prezioso rimbalzo in attacco, segna e subisce il fallo. L’Isernia pareggia. Loughlimi risponde prontamente e il Venafro torna avanti. Gli uomini di Cardinale si caricano di falli (molti discutibili) e vanno sotto di dodici lunghezze. Gentili recupera palla e subisce un fallo antisportivo di Loughlimi. Isernia ha la possibilità di accorciare le distanze ma la sciupa. I padroni di casa volano sul +15. Poggi (9 punti e 6 rimbalzi) prova a scuotere i suoi con un canestro e un fallo subito. Il tiro libero supplementare va a segno e Isernia torna a respirare. Poco dopo Guagliardi chiude il contropiede segnando da tre e subendo anche fallo. Il Globo risale fino al -7, ma una tripla di Minchella ricaccia indietro i biancocelesti. Venafro ci crede e mette la quinta. Ci pensano Gentili e Guagliardi a ridurre il divario tra le due squadre, permettendo ai ragazzi di Cardinale di andare al riposo lungo con dieci punti da recuperare (43-33).

Il Globo apre il terzo quarto con una poderosa schiacciata a due mani di Patani.  La squadra isernina acquista fiducia e risale fino al -4 grazie ai canestri di Poggi e Gentili. Loughlimi ricaccia indietro gli avversari con una tripla e Minchella continua l’opera. L’Isernia è di nuovo giù. Quando mancano poco più di tre minuti al termine Guagliardi scivola a causa della condensa ed è costretto ad uscire. Si temeva il peggio, ma per fortuna il romano ritornerà in campo. Nonostante tutto l’Isernia riesce a rimanere in partita e chiude la frazione con dodici punti da recuperare.

I ragazzi di Cardinale danno il tutto per tutto nell’ultima frazione. Pazientemente, con la grinta che ormai conosciamo bene, risalgono fino al -4 a -5’50” dal termine. Poco dopo gli arbitri iniziano a prendere decisioni assurde. Fino a quel momento l’arbitraggio non era stato dei migliori, ma nell’ ultimo quarto si sono visti fischi allucinanti. Prima, un inesistente blocco irregolare fischiato a Patani che permette a Venafro di recuperare un prezioso possesso e di tornare sul +6. Poi, dopo che Fiorentino  aveva subito fallo e accorciato le distanze dalla lunetta, nel contropiede successivo gli arbitri ravvisano un’infrazione di passi dello stesso laddove avrebbero dovuto fischiare fallo. Gli isernini sono bravi a mantenere la calma e ad evitare tecnici inutili. Minchella approfitta di queste decisioni arbitrali e riporta i suoi sul +7 (-1’35”).  Isernia prova a rosicchiare punti con il fallo sistematico, anche se i padroni di casa sono quasi infallibili ai liberi. Mancano circa 25” e gli uomini di Mascio sono in vantaggio 75-69. Capuano commette ingenuamente fallo e manda in lunetta Gentili. Il capitano è sfortunato, il primo tiro viene sputato dal ferro, mentre il secondo va a segno. E qui un’altra decisione pazzesca degli arbitri: antisportivo all’Isernia che stava facendo fallo sistematico (sic!). È un fischio che taglia le gambe ai biancocelesti, che però, come sempre, non demordono. Va in lunetta Cardarelli, che mette solo il secondo tiro libero. +6 Venafro. Guagliardi è bravo a subire il fallo di Capuano mentre stava tirando da tre. Il romano mette tutti e tre i liberi a segno. 76-73 a -4”. Ancora fallo sistematico, Capuano va in lunetta. Sbaglia il primo, mette il secondo. È un tiro libero decisivo che rende inutile il successivo canestro da distanza siderale di Guagliardi che beffardamente fissa il punteggio sul  77 – 76.

Bisogna pensare alla gara contro Fondi e mettere da parte questa sconfitta che comunque fa male, ma può essere utile per capire cosa correggere. Sicuramente domenica vedremo un’Isernia diversa, convinta e concentrata fin dall’inizio. I ragazzi di Cardinale hanno dimostrato di poter fare grandi cose e certamente non deluderanno i loro tifosi, numerosi e chiassosi anche oggi contro Venafro.

 

Dynamic Venafro – Il Globo Isernia 77 – 76 (16 – 12; 43 – 33; 61 – 49)

Dynamic Venafro:

Loughlimi 17, Minchella 27, Tamburrini 14, Fossati 6, Chiari 5, Capuano 7, Brusello, Cardarelli 1, Montanaro, D’Amico ne.

All. Mascio

 

Il Globo Isernia:

Guagliardi 17, Gentili 25, Patani 7, Poggi 9, Strati 2, Triggiani 4, Bisciotti, Fiorentino 10, Werlich 2, D’Adamo ne.

All. Cardinale

Arbitri:Bernassola e Rubera

Messaggi – Contatti – Calendario – Opzioni – PEC webmail – Logout

Copyright © 2014 – Aruba S.p.A. – tutti i diritti riservati

Commenta
(Visited 8 times, 1 visits today)

About The Author