Il momento nero della Fortitudo Viterbo

Con la sconfitta nella tana della Lazio Riano sabato scorso, si è chiuso un mese è mezzo di campionato molto difficile per la Nuova Fortitudo/MbMaccarese, incappata in un inizio di stagione nerissimo andato oltre ogni più cupa aspettativa. Zero vittorie in sei gare disputate e ultimo posto in classifica nel girone laziale della Dnc. I numeri (purtroppo) parlano chiaro:  la squadra di coach Tiziano Carradore sta faticando da matti, e  sembrano giungere veramente a pennello le due settimane di pausa, complice il turno di riposo forzato, che potranno  essere sfruttate dai biancoverdi per confrontarsi e guardarsi bene negli occhi.

“Dobbiamo metterci tutti una mano sulla coscienza  –  dichiara senza nascondersi il capitano, Giacomo Peroni – Il momento è duro, la classifica non lascia scampo ad alibi: dobbiamo fare qualcosa in più e insieme, da squadra, cercare di uscire da questa ingarbugliata situazione. Queste settimane saranno molto importanti, e tutti noi dovremo essere vogliosi e attenti per cercare di  trarre vantaggio da questi giorni che avremo a disposizione”.

Giorni, e testa, sul quale dovrà lavorare bene tutto il roster, sembrato in miglioramento graduale sul piano delle prestazioni, ma forse ancora carente sotto il punto di vista del carattere. Punto, e non dettaglio, imprescindibile per uscire da questo momento e guardare al futuro con più convinzione.

“A mio avviso non è stato tutto da buttare questo primo mese – riprende Peroni –  sul piano del gioco siamo molto migliorati, ma dobbiamo ancora lavorare sulla testa dell’attenzione, per cercare di gestire meglio i momenti chiave delle partite. Sapeva che non sarebbe stato facile – prosegue il veterano biancoverde – questo non è il progetto dello scorso anno, il campo e la poca continuità di numero negli allenamenti,  ci stanno togliendo sicuramente qualcosa. Ma posso assicurare che quello della Fortitudo e un gruppo compatto, e dal gruppo dobbiamo ripartire. Cose buone si sono viste – ribadisce l’ex Stella Azzurra Roma –  e questa squadra ha nelle sue fila qualità. Per questo penso che si possa uscire dal tunnel e risollevarci in classifica”.

Il calendario, però, continua a non strizzare l’occhio ai biancoverdi, che alla ripresa si ritroveranno un altro pool di squadra da prima fascia.

“In questo momento non dobbiamo guardare l’avversario ma concentrarsi su noi stessi –  spiega Peroni –  Le partite contro Sora e Aprlia hanno confermato che con l’intensità e la difesa giusta ce la possiamo giocare anche con squadre di fascia alta. L’importante ora è capire gli errori, allenarsi con impegno e farci ritrovare pronti e carichi per la ripresa. Sono sicuro che con impegno, dedizione e serietà – conclude Peroni – potremo uscire da questo momento togliendoci alla lunga anche qualche bella soddisfazione”.

Commenta
(Visited 10 times, 1 visits today)

About The Author