Clamorosa indiscrezione della Gazzetta dello Sport: Pozzecco e Sassari ai saluti!

La domenica del basket italiano, 14 giugno 2020, si apre con una notizia che, se confermata, avrebbe davvero del clamoroso. Secondo i rumors riportati dalla Gazzetta dello Sport, Gianmarco Pozzecco non sarebbe più l’allenatore della Dinamo Sassari e l’ufficialità dovrebbe arrivare a breve, con Stefano Sardara che ha convocato per domani una conferenza stampa.

Stando a quanto riporta la Rosea, i rapporti tra il Poz ed il patron di Sassari sarebbero complessi da tempo, sia per il fatto che entrambi hanno caratteri forti sia per alcune scelte a livello di mercato. Negli ultimi giorni, quindi, la situazione sarebbe precipitata, al punto che da venerdì, sempre secondo la Gazzetta e in modo quasi sintomatico, sono pervenute a Sardara molte offerte di allenatori da parte dei rispettivi procuratori.

Il patron della Dinamo è stato raggiunto via telefono dalla stessa Gazzetta per dei chiarimenti in merito, e Sardara si è espresso così: “In questi giorni stiamo valutando se i presupposti che ci siamo dati a febbraio 2019 sono ancora tutti validi per poter proseguire il nostro rapporto professionale, consolidato da una vera amicizia personale che ci lega“.

Fatto sta che, comunque vada a finire la faccenda, Pozzecco ha davvero dato una sferzata netta alla sua carriera da allenatore in Sardegna, rilanciandosi e lanciando anche giocatori italiani (Spissu su tutti), oltre a creare una simbiosi con i tifosi della società sarda, portando anche a casa una FIBA Europe Cup (2019) e una Supercoppa Italiana (2019), oltre ad arrivare alle Finali Scudetto (2019) e a lasciare una squadra seconda in classifica in Serie A al momento dell’interruzione per la pandemia, poi divenuta definitiva, a -4 dalla Virtus Bologna.

 

Commenta
(Visited 128 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.