Interviste Tuttobasket.net: Angri, coach Iovino: " Non abbiamo paura! Il nostro obiettivo è vincere quante più partite possibili!"

Dopo le annate con Scafati, nuovi stimoli per coach Luigi Iovino,coach della Montoro Angri, già protagonista in questa prima parte di Serie  C Silver Campana.

Noi di Tuttobasket.net, lo abbiamo intervistato.

 

Angri, una squadra per vincere? Ci si vuole nascondere? Primato in classifica condiviso con Pozzuoli, sconfitta in casa da Stabia

 

La società ha allestito un roster importante ed ambizioso. Non giochiamo per perdere e quindi non abbiamo paura di dire che il nostro obiettivo è sicuramente vincere quante piu’ partite possibile. Quello di quest’anno è un campionato competitivo con almeno 5 squadre costruite con la forte ambizione di voler provare a vincere il campionato. Ad oggi, siamo ad 8 vittorie ed una sola sconfitta. Dispiace ancora oggi per la sconfitta subita tra le mura amiche con Battipaglia e siamo motivati a terminare il girone di andata con una sola sconfitta:questo è l’obiettivo che ci siamo prefissati. Non sarà semplice perché dovremo affrontare partite insidiose ed in particolar modo la gara con Pozzuoli. I puteolani sono squadra temibile e con giocatori importanti per la categoria.

Hanckerson da 60 punti contro Casapulla. che giocatore è?

Prima di parlare di che giocatore sia, rispondo parlando dell’uomo. E’ una grande persona, un ragazzo che ha grande umiltà e voglia di migliorarsi. Passa le sue giornate in palestra con interminabili sedute di tiro ed è sempre pronto ad ascoltare. Su questo aspetto posso dire che siamo stati piu’ che fortunati sia con lui che con l’altro giocatore extracomunitario che abbiamo con noi,Jevoni Robinson. Per Hankerson è il primo anno fuori dal college e si è trovato catapultato in un basket completamente diverso da quello collegiale. Ha doti fisiche e tecniche che lo candidano ad essere un giocatore importante anche per la serie A2: se vuole diventarlo però deve lavorare molto sulla comprensione del gioco e sulla concentrazione durante l’intero arco della gara. E’ però, per la Serie C un giocatore determinante!”

Nuova sfida per lei coach, dopo le cavalcate vincenti con Scafati…

Dopo l’entusiasmante avventura con Scafati e le promozioni che ci hanno portato dalla prima Divisione ai play-off per l’A2 e la successiva vendita del titolo a Forlì , mi sono trovato a ragionare su dove continuare a coltivare questa mia passione. Mi ha fatto piacere ricevere piu’ di una telefonata e ringrazio chi ha pensato a me come possibile allenatore della sua squadra. Ero chiamato a scegliere tra un’esperienza in categoria superiore da capo allenatore fuori dalla Campania o un progetto con grande entusiasmo e con tanta voglia di far bene. La scelta è ricaduta sul continuare a conciliare la pallacanestro con l’attività professionale e su un progetto che somigliasse a quello di Scafati. Sono stato colpito subito dalla voglia di fare del presidente e dei dirigenti della società angrese ed ancor di piu’dal grande clima di entusiasmo che si respirava intorno a questa squadra. Oggi sono contentissimo della scelta fatta: la società ha preso il palazzetto in gestione accollandosi le spese per l’installazione del parquet e per un restyling completo. La domenica al palazzetto si fatica a trovare un posto libero sugli spalti e c’è un gruppo di tifosi che ci segue sempre, dagli allenamenti alle partite. Penso che ci siano veramente tutti gli ingredienti per provare a centrare qualcosa di importante. Ora tocca a noi fare!”

Commenta
(Visited 116 times, 1 visits today)

About The Author