Italo Leo sarà il Coordinatore dell'Area Medica della Virtus Arechi Salerno

La Virtus Arechi Salerno ha definito anche lo staff sanitario per la stagione 2017/2018. Il compito di coordinatore dell’area medica è stato affidato ad Italo Leo. 42 anni da compiere ad ottobre, il dottor Leo è ormai una figura di riferimento dello sport salernitano. E può essere considerato anche un portafortuna, visti i risultati raccolti negli ultimi anni. Italo Leo, medico sociale della Salernitana ormai da anni, in passato è stato il Coordinatore medico delle Rappresentative FIGC (Federazione Italiana Giuoco Calcio), della Pdo Salerno (Serie A1 di pallamano femminile), della Royal Salerno Volley (Serie C di pallavolo femminile) e della Pallacanestro Salerno (Serie C), oltre ad essere consulente esterno di numerose società sportive. In carriera, il dottor Leo vanta un palmares di tutto rispetto: 4 Campionati e 2 Coppe vinti con la Salernitana, 1 Scudetto e 1 Coppa Italia vinti con la Pdo Salerno, 1 campionato vinto con la Pallacanestro Salerno, 1 Campionato di Serie B vinto lo scorso anno con il Cuore Napoli Basket.

Ecco il suo pensiero alla vigilia dell’inizio della stagione 2017/18 della Virtus Arechi Salerno.

– Cosa ti aspetti da questa nuova esperienza nella tua città?

«Sono davvero felice di ritornare ad occuparmi in maniera attiva del basket, sport che da sempre mi affascina per la sua unicità di accorpare doti tecniche a capacità coordinative motorie – ha dichiarato Italo Leo –. Sono orgoglioso, inoltre, di essere stato scelto dal presidente Renzullo, esponente di spicco della riabilitazione Campana. Sportivamente mi aspetto una stagione di rilancio per il basket cittadino dopo tanti anni di anonimato. Devo dire grazie al direttore sportivo Pino Corvo, con cui ho già collaborato la scorsa stagione al Napoli Basket vincendo il campionato di Serie B. È lui che mi ha voluto fortemente».

– Quanto conta nello sport tutto ciò che ruota attorno all’ambito medico?

«Oggi, purtroppo, trovare società che vogliano investire nell’area medica non è affatto semplice. Il mio motto, invece, è sempre lo stesso: “Un atleta in meno, uno staff medico e fisioterapico all’altezza”. Sono contento dell’attenzione che il presidente Renzullo ha dimostrato anche a questo aspetto, che ritengo fondamentale per la vita di una società».

– In che modo cercherai di fornire allo staff il tuo contributo?

«Cercherò di portare la mia esperienza ormai ultradecennale in campo sportivo al servizio della società, sia dal punto visto prettamente medico che gestionale. Leozone sarà il centro medico fisioterapico di riferimento. Massimo Crescenzi sarà il medico sociale, avremo con noi i fisioterapisti Michele Cuoco e Rosario Ferraiolo. Siamo pronti a dare il nostro contributo alla causa della Virtus Arechi Salerno».

Commenta
(Visited 32 times, 1 visits today)

About The Author

Mirko Pellecchia Nato e cresciuto ad Avellino. Studente, amo la pallacanestro in ogni sua forma essendo essa metafora della vita.