Juve Caserta: coach Baioni fa il punto della situazione

Amedeo Tessitori e Giacomo Baioni a “Cestisticamente Parlando” di Radio PrimaRete Caserta da ora anche in podcast.

Nono appuntamento stagionale con “Cestisticamente Parlando”, il rotocalco settimanale di Radio Prima Rete condotto da Francesco Gazzillo, Rosario Pascarella, Sante Roperto e Eugenio Simioli (con regia di Imma Tedesco) in onda dalle ore 19.35 alle ore 20.55 sui 95 Mhz F.M., in streaming su www.radioprimarete.it (in replica ogni giovedì alle 0.05) oppure in podcast sul canale Youtube “Cestisticamente Parlando” e sulla pagina FB Cestisticamente Parlando – Radioprimarete.

Amedeo Tessitori:

Cantù, con un Hodge in più, andrà a Caserta per vincere?

Assolutamente si, ce la metteremo tutta per portare a casa i due punti.

Quanto è stata importante per te la stagione a Caserta l’anno scorso?

È stata importante per me, visto che ho potuto recuperare la condizione fisica al meglio dopo l’infortunio alla mano. Anche quest’anno sto avendo qualche problema fisico, ma lo sto gestendo al meglio.

In futuro potresti diventare un 4 tiratore?

Se riesco a migliorare il mio tiro da fuori, assolutamente si. Ormai però sono un paio di anni che non uso il tiro da tre punti.

Cosa ti chiede coach Corbani in campo?

Mi chiede di essere aggressivo, ma senza commettere falli stupidi, come mi è capitato molto spesso in questo inizio stagione. Per il resto, io cerco di fare le cose utili per la squadra, come un rimbalzo preso o una difesa sul Pick’n’Roll.

Qualche istantanea della tua esperienza casertana?

Ho bei ricordi soprattutto del gruppo che si era creato l’anno scorso, purtroppo siamo stati penalizzati dal forte inizio.


Hai conosciuto il nuovo proprietario? Che impressione hai avuto?

Mi ha dato un’ottima impressione, una persona molto passionale, che ci tiene tanto alla nostra squadra.

Giacomo Baioni:

Ci spieghi la querelle Gaddefors-El Amin?

Purtroppo la realtà dei fatti è così, non dobbiamo farci travolgere dagli eventi, le prestazioni di squadra cambiano di partita in partita. Noi dobbiamo evitare di cadere nel tranello dei processi, perché secondo me questo non è il modo migliore per sostenere la squadra.

Secondo te la quota salvezza si alzerà?

Credo proprio di sì, la logica e l’andamento del campionato dicono questo, c’è un grande equilibrio, dobbiamo stare attenti a quello che succede in campo ogni domenica.

Una JuveCaserta a due facce nella partita di Pistoia: come te lo spieghi?

C’è stato un grande cambiamento nelle scelte tattiche dopo l’infortunio di Siva. La prestazione del nostro play è stata fortemente condizionata dal quarto fallo commesso a 8 minuti alla fine della partita. Adesso con il roster al completo stiamo cercando una nuova identità, ma la prestazione di Pistoia ci dà fiducia per le prossime partite.

Come cambiano le spaziature della JuveCaserta con Siva in campo?

Cambiano tanto, lui crea tantissimo anche da una semplice situazione di Pick’n’Roll. Lui è stato importante nel suo ingresso in campo a Pistoia, per cui dobbiamo prolungare il suo impiego in campo, visto che è un giocatore esclusivo e che ha delle qualità uniche che ci possono far fare un salto enorme nelle nostre prestazioni.

Commenta
(Visited 6 times, 1 visits today)

About The Author