Juvecaserta, il DS Nevola sul momento difficile della squadra: "Infortunio di Bostic molto pesante, il campionato e la classifica restano però molto equilibrati"

Antonello Nevola, direttore sportivo della Juvecaserta,  è intervenuto a “Cestisticamente Parlando”, il magazine di Radio PRIMARETE Caserta, per analizzare il momento negativo della squadra campana reduce da 7 sconfitte nelle ultime 9 partite.

7 sconfitte nelle ultime 9 partite: il momento della squadra?

Indubbiamente è un momento in cui la squadra non sta rendendo al meglio, e questo è abbastanza evidente, poi ci sono dei dati come l’assenza di Bostic che ha pesato al di là del valore tecnico del giocatore, visto che era un giocatore che metteva equilibrio nel nostro gioco e quindi sicuramente è un dato di fatto che le ultime vittorie che abbiamo avuto nell’ultimo periodo sono avvenute quando Bostic ha giocato.

La difficoltà di trovare nuovi equilibri ha inciso sul calo di rendimento di alcuni giocatori?

Credo che le cose vadano un po’ divise: Bostic era una pedina che metteva equilibrio nel nostro sistema ed era una pedina importante, come già detto, poi è evidente che non è un momento non molto positivo…tutto questo dipende dall’assenza di Bostic, ma non è l’unica motivazione….

Alcuni giocatori come Giuri e Watt si sono persi nelle ultime partite. E’ un loop di natura psicologica o è dovuto alla condizione fisica?

Non credo che sia una questione fisica, ma psicologica. In realtà bisogna cercare di andare ad analizzare le cose nel momento in cui accadono: mentre tutto andava abbastanza bene, l’infortunio di Bostic ha rovinato quello che avevamo costruito e ritrovare dei nuovi equilibri ha comportato maggiori difficoltà da parte di alcuni giocatori in una fase in cui il livello medio del campionato si è alzato.

Nelle ultime 9 partite solo 4 punti raccolti: con queste premesse i playoff sono una chimera e sarà importante cominciare a guardarsi alle spalle…

Credo che in realtà bisogna sempre guardarsi dietro, perché come abbiamo visto negli anni scorsi le situazioni possono cambiare nelle ultime giornate e non porsi nel migliore dei modi. Però comunque adesso parliamo di un campionato e di una classifica molto equilibrati, dove nessuna squadra tranne alcune è in striscia positiva, ma hanno risultati abbastanza altalenanti. Le possibilità di migliorare ci sono ancora, perché quando ci sono pochi punti di differenza in classifica la situazione non è irrecuperabile. Se prima guardarsi alle spalle poteva avere meno importanza, oggi sicuramente è importante.

La società sta monitorando per intervenire qualora ce ne fosse bisogno?

Si, sicuramente la società sta monitorando il mercato, però in questo momento non ci sono grandi possibilità e non c’è disponibilità di giocatori di buon livello. Se capiterà l’occasione, noi la coglieremo, però è evidente che non sarà una cosa così semplice.

Commenta
(Visited 78 times, 1 visits today)

About The Author