La Blukart cede a Lecco dopo una gara tiratissima (81-75). Coach Barsotti: "Ci vorrà concentrazione in Gara 3 per decidere la serie"

 

GIMAR Lecco – Blukart Etrusca San Miniato 81 – 75

Lecco: Fumagalli 21, Peroni 4, Todeschini 2, Brambilla 2, Siberna 7, Balanzoni 5, Urbani, De Paoli 7, Quartieri 21, Spera 12. All. Meneguzzo Ass. Perego e Vitelli

Etrusca: Grassi 7, Giacomelli 3, Stefanelli 22, Zita 8, Bertolini 12, Benites 1, Giarelli 20, Gaye 2, Perin, Capozio. All. Barsotti Ass. Ierardi e Carlotti

Parziali: 23 – 18, 38 – 32, 59 – 53, 81 – 75

Arbitri: Spinelli Matteo e Bariano Stefano di Roma

 

Una Blukart combattiva non basta ad avere la meglio di una determinata Lecco, che mantiene il fattore campo e porta la serie alla bella, che si disputerà domenica 7 maggio alle 18 a Fontevivo. I padroni di casa mettono subito in chiaro fin dalle prima battute di voler allungare la serie: Quartieri e compagni piazzano subito un terrificante 9 a 0 nei primi due minuti di gara e coach Barsotti è costretto al time out per scuotere subito la squadra. Giarelli e compagni sono bravi a reagire subito ed il primo quarto si chiude con i padroni di casa avanti di solo 5 lunghezze. Nel secondo quarto c’è più equilibrio fra le due squadre, in una partita frammentata dai tanti interventi arbitrali, con tanti tiri liberi tirati da una parte e dall’altra: i padroni di casa si affidano al tiro dagli scarichi di Spera per mantenere il vantaggio, mentre l’attacco di San MINIATO trova linfa dalle iniziative offensive di Giarelli e Stefanelli, che chiuderanno entrambi la gara sopra i venti punti, con 20 e 22 punti rispettivamente. All’intervallo lungo Lecco ha sempre un margine importante di 6 punti, sul 38 a 32. Al rientro dagli spogliatoi la Blukart trova le energie per impattare la gara in più momenti, grazie soprattutto alla buona verve di Zita e Grassi, senza però mai avere la forza di mettere la testa avanti e un 6 a 0 firmato Quartieri, chiude il terzo quarto sul 59 a 53. Nell’ultimo quarto sale in cattedra Fumagalli per i padroni di casa, che sigla ben 13 punti in dieci minuti, che non annientano però una Blukart che sembra non morire mai; nonostante uno svantaggio sempre tra i 5 e gli 8 punti, la squadra di coach Barsotti, ricucendo ogni strappo, in un finale convulso ha addirittura la palla del pareggio sul meno 3 a 19 secondi dalla fine. Il tiro di Giacomelli finisce corto e Lecco festeggia davanti al suo pubblico un successo che porta la serie alla bella, che deciderà chi fra le due squadre potrà volare in semifinale. “Un’altra autentica battaglia che stavolta purtroppo non siamo riusciti a portare a casa.” il commento lapidario di coach Federico Barsotti a fine gara “Siamo partiti poco aggressivi, andando nettamente in svantaggio, ma abbiamo immediatamente reagito; da lì la gara è stata un elastico nel punteggio, che ci ha visto però sempre in minimo svantaggio. C’è da sottolineare che i nostri avversari stasera hanno giocato davvero una buona gara, con percentuali alte e segnando in più di un’occasione canestri davvero difficili. Noi però siamo stati difensivamente più imprecisi rispetto a gara uno, commettendo talvolta delle chiare ingenuità, che a questo livello alla fine si pagano. Dobbiamo fare esperienza di questa serata ed essere pronti a fare tutti un piccolo passo in avanti sotto ogni aspetto domenica in gara tre. Per noi è un appuntamento storico e i ragazzi devono giocarlo con la massima concentrazione, ma anche con la felicità di chi è consapevole di aver raggiunto un traguardo eccezionale ed inaspettato ad inizio stagione.”.

 

 

fonte: ufficio stampa Blukart San Miniato

Commenta
(Visited 30 times, 1 visits today)

About The Author