La BPC Virtus Cassino supera lo scoglio Viterbo e riprende la corsa

“Non era una partita semplice , non poteva esserlo e lo sapevamo , ma aver portato a casa i due punti è stato molto importante”così al termine della gara il coach cassinate Luca Vettese .

Come al solito , Luca Vettese ha fotografato molto bene la partita. Per due ordini di motivi. Intanto le due diverse angolazioni emotive attraverso le quali hanno approcciato al match le formazioni rivali che stasera si sono sfidate di fronte a 400 spettatori . La Stella Azzurra Viterbo arrivava al Pala Soriano di Atina sulle ali dell’entusiasmo delle due vittorie consecutive e caricata a mille dalla consapevolezza di essere formazione sbarazzina ma soprattutto solida nei punti di riferimento Marsili , Rovere e Marcante oltre al giovane play Giancarli. Dall’altro canto Cassino che aveva approcciato al match dopo una settimana difficile, con le scorie e le tossine del match , perso , contro Palestrina . Il match di domenica scorsa inevitabilmente aveva scalfito certezze tra le menti di Carrizo e compagni. “Dovevamo rialzarci subito e dimostrare a tutta questa gente che ormai ci segue che il nostro campo non sarà facile da violare “ conferma Vettese .

L’altro motivo di interesse , l’aspetto tattico.

“Non abbiamo ancora trovato un assetto definitivo , abbiamo ancora in cantiere alcune situazioni tattiche , Del Brocco una di queste “ continua Vettese “ che ci impediscono di ruotare come vorrei il roster” conclude.

Viterbo invece è apparsa una macchina ben rodata e con certezze tattiche assolutamente gerarchizzate come detto . Fanciullo ha lavorato con competenza ed ha portato il roster a trovare gli equilibri giusti , anche quando , e si era nel corso sia del terzo che del quarto minitempo, la sua formazione ha toccato il distacco di 14 punti . Marsili e compagni non si sono mai disuniti ed hanno riportato la linea di galleggiamento sempre sotto le dieci unità numeriche di distacco.

In casa BPC Virtus Cassino. Sì Del Brocco. E’ chiaramente sulla via del recupero ma ancora molto appare da fare per il team tecnico della Virtus Cassino se vuole riportarlo ad una condizione di forma accettabile . L’infortunio di inizio stagione non ha facilitato l’inserimento del ragazzo che tuttavia adesso ha intrapreso la via del pieno recupero ed appare come un arma decisiva, per la sua fisicità, per il prosieguo del campionato.

La gara non è stata bellissima ma ha lasciato incollati sui loro sediolini tutto il numeroso pubblico accorso in una piovosissima giornata di inizio ottobre ’15 al Palasport di Atina . Partita ricca di pathos con il punteggio sempre in equilibrio e con tentativi di fuga ripetuti della Virtus Cassino .

Cassino infatti mette il muso avanti definitivamente , nel punteggio , alla fine della prima frazione di gioco e da questo momento non abbandonerà più il comando delle operazioni. Viterbo è una squadra che resta attaccata all’osso per tutta la durata del match ma Cassino non da mai l’impressione di non essere in controllo della gara .

Ed in effetti la vittoria Carrizo e compagni se la sono costruita con una progressione continua senza mai strappi nel punteggio . Pian piano hanno preso in mano le operazioni e non hanno mai ceduto di fronte ai tentativi di risalita della Stella viterbese.

La partenza è stata quanto mai equilibrata con il punteggio che viaggia sui binari dell’equilibrio, poco dopo la metà del quarto Marsili prova a realizzare il primo break ospite dando il +5 alla Stella Azzurra. La risposta cassinate arriva dalle mani di Dri, che firma il riaggancio e poi da quelle di Grilli, che firma il 21-17 con cui si va al primo riposo. All’inizio della seconda frazione Marcante e Rovere riportano i viterbesi a -1 ma l’ottimo lavoro di Chiacig sotto il ferro avversario e la tripla di Castelluccia servono a ricacciare indietro gli ospiti. Grazie all’ex pivot della Nazionale i cassinati toccano il massimo vantaggio (+9) ma l’appoggio di Mathlouthi dopo un’azione confusa fissa il punteggio sul 37-30 all’intervallo lungo.

Le distanze rimangono invariate nella prima parte della terza frazione, poi una tripla di Carrizo manda i rossoblu sul +11 anche se Rovere è bravo a rispondere immediatamente. E’ ancora una volta Daniele Grilli a prendere per mano la BPC, regalando ai suoi il +14, parzialmente attenuato da Marcante prima dell’ultima pausa: 58-47 al 30′. I 12 punti di distacco dati dalla tripla di Carrizo a 7,30′ dalla fine sembrano mettere una pietra sul match, anche perché la Virtus gestisce senza troppi problemi e conduce 68-55 a 180″ dal termine con l’ennesima tripla di Grilli. La squadra di Vettese però tira i remi in barca troppo presto e subisce prima due bombe da Rovere, poi due liberi da Giancarli per il 68-63 che riapre i giochi a 36″ dal termine. Sulla rimessa successiva la Virtus rischia grosso perché Carrizo regala palla ai biancoblu, fortunatamente la tripla di Marcante trova solo il ferro e l’ex Ferentino sigilla il successo dalla lunetta.

BPC Virtus Tsb Cassino – Stella Azzurra Viterbo : 70 – 63

(21-17, 16-13, 21-17, 12-16)

BPC Virtus Tsb Cassino: Daniele Grilli 24 (2/2, 4/6), Luca Castelluccia 3 (1/4 da tre), Giovanni Ausiello 3 (1/2, 0/3), Roberto Chiacig 10 (3/6 da due), Luca Ianes 11 (5/8 da due), Manuel Antonio Carrizo Cordova 14 (2/3, 2/6), Fabio Lovatti, Filiberto Dri 5 (1/2, 0/3), Manuel Del Brocco, Marco Cerniz

Tiri Liberi: 21/28 – Rimbalzi: 46 38+8 (Luca Ianes 14) – Assist: 20 (Luca Ianes 5)

Stella Azzurra VT: Michele Peroni, Giulio Cianci, Semir Giotto Mathlouthi 6 (3/7, 0/3), Semir Giotto Mathlouthi 6 (3/7, 0/3), Valerio Marsili 11 (5/12, 0/3), Marco Giancarli 12 (1/4, 2/5), Fallou Ndiaye, Andrea Meroi, Andrea Meroi, Riccardo Rovere 22 (4/6, 4/6), Fabio Marcante 12 (4/10, 1/5)

Tiri Liberi: 8/10 – Rimbalzi: 31 20+11 (Valerio Marsili 10) – Assist: 15 (Fabio Marcante 7)

MVP : Grilli

Commenta
(Visited 16 times, 1 visits today)

About The Author