La Cesarano lascia il segno nel derby campano

Emozioni uniche al Palamangano, il derby finisce con una straordinaria vittoria della Cesarano Scafati Basket che porta a casa due punti importantissimi contro una delle squadre più forti del girone. Una gara molto accesa con i padroni di casa che, alla fine, hanno ottenuto il successo grazie alla grinta, la passione e alla voglia di crederci fino all’ultimo. Una sfida sensazionale, un ultimo quarto da cardiopalma.

Di seguito il tabellino della gara: Cesarano Scafati Basket – Mimi’s Napoli Basket 57-64
(15-14) (30-40)(50-51) (69-64)

Cesarano Scafati Basket: Sansone, Monacelli 2, Di Capua 15, Mlinar 5, Carrichiello 17, Petrucci 4, Malpede 6, Massimino, Sergio 16, Cucco 4. Coach: Iovino L.
Mimi’s Napoli Basket: Spera 6, Iannone 8, Martino 2, Serino 1, Villani 22, Berti 7, Giovanatto 5, Sabbatino 7, Fall 2, Parrillo 4. Coach: Di Lorenzo

Primo quarto subito teso, con la Cesarano che parte con Cucco, Di Capua, Carrichiello, Petrucci e Sergio. I ritmi sono alti e il risultato è assestato sulla parità. Dopo 5’ di gara, infatti, il match è ancora
fermo sul 6 pari, a dimostrazione del forte agonismo presente in campo, con difese ben schierate, che non consentono il tiro facile. Per i gialloblù esce Petrucci ed entra Marko Mlinar: il coach vuole provare ad aumentare consistenza sotto canestro. Sarà un tiro libero di Cucco a regalare il primo “piccolo” vantaggio della Cesarano, subito però vanificato da una doppia realizzazione dalla lunetta del numero 10
ospite, Villani. Entra anche Daniele Monacelli, ma a far esplodere, per la prima volta, il Palamangano, è Biagio Sergio che con una tripla ferma il risultato sul 10-8 a 2’37’’ dalla fine del quarto. Dopo il pareggio
napoletano, è Marko Mlinar, proprio sotto canestro a mettere la palla dentro, mantenendo il vantaggio (+2). Dopo una serie di colpi, da entrambi i lati, la gara ritorna sull’equilibrio iniziale, e la prima
frazione di gioco terminerà sul 15-14 per gli ospiti.

Secondo quarto che inizia con l’entrata in campo di Roberto Malpede, di Fabio Sansone, e con il rientro del capitano Ernesto Carrichiello. È Napoli, però, che prova subito ad aggredire, cercando di imporre il
proprio gioco. Sarà proprio il neo entrato Malpede a stoppare l’incursione fisica avversaria. Gli azzurri, però, non mollano e, dopo 3 minuti di gioco, tengono fermo il vantaggio sul + 3. Sarà un’incursione
laterale del numero 18 ospite (fallo e canestro) ad allungare a + 6. Dalla panchina Coach Iovino prova a scuotere i suoi uomini con indicazioni mirate. Rientra anche Vincenzo Di Capua. Tanti però gli
errori dei gialloblù che, pur schierando il quintetto base, non riescono a recuperare lo svantaggio. Napoli prova la prima fuga con un + 10 parziale. Ridà fiato alla Cesarano, un tiro sotto canestro di Biagio
Sergio. È una tripla azzurra, però, a far ritornare il grigio sul Palamangano. Rientra in campo Marco Cucco. Il quarto terminerà 30-40 per gli ospiti. Alla pausa lunga, top scorer per i gialloblù è Carrichiello
con 6 punti (18.24 minuti in campo), mentre per gli azzurri è Villani con 8 (17.17 minuti).

Il terzo quarto inizia con il Coach Lugi Iovino che subito carica i suoi, sbracciandosi sin dal primo minuto: via anche il maglioncino, la grinta deve essere massima. È Berti, però, a firmare il primo canestro della ripresa. Gli animi si accendono e la gara si innervosisce. Un doppio tiro libero di Biagio Sergio ridà speranze alla Cesarano: sarà poi costretto dall’arbitro a lasciare il parquet a causa di una piccola ferita sanguinante sul ginocchio. Intanto il pubblico del Palamangano, si infiamma e spinge per il recupero dei gialloblù. Bellissima l’incursione centrale di Nik Petrucci a 4’ dall’inizio del quarto che
regala il -8 alla Cesarano. Il Napoli però non cede e con uno spettacolare canestro di Villani, migliore dei suoi, ristabilisce il vantaggio. La gara prosegue punto su punto, rimbalzo su rimbalzo, nessuna delle due formazioni prevale, il gap, purtroppo, resta uguale all’inizio di quarto. Un sensazionale sprint finale della Cesarano, con un mitico contropiede di capitan Carrichiello, porta i gialloblù a “solo” 1 punti dall’avversario: il pubblico è in estasi, show al Palamangano.

L’ultimo quarto parte fortissimo per la Cesarano, ed è ancora Carrichiello a firmare il vantaggio gialloblù. Il Napoli reagisce e con Iannone, riconquista il piccolo gap (52-53). Una magnifica tripla,
ancora del Capitano, infiamma definitivamente gli spalti. Adesso è sicuramente una bella sfida a Scafati. Anche il Napoli mette a segno una tripla, ora il risultato è fermo sul 57 pari. Sotto canestro si lotta su
ogni palla. È Villani, dalla lunetta, a guadagnare il +2. Passano i minuti e il finale diventa sempre più decisivo. Dopo un’incursione di Vincenzo Di Capua, la Cesarano è sul +1. Mancano 3’21’’ al termine. Un
tiro libero di Serino, per gli ospiti, ridà la parità (60-60). Un canestro di Villani, purtroppo, regala il + 2 agli avversari. Biagio Sergio guadagna due tiri dalla lunetta (entrambi vincenti): è ancora pari al Palamangano. Manca 1’ al termine. Tutto il pubblico è in piedi. Di Capua guadagna un fallo, due tiri liberi, entrambi vincenti: è +2 per la Cesarano. Dopo un altro tiro libero, questa volta di Cucco, il
risulato è sul 65-62 per i gialloblù: mancano 22 secondi. Timeout. Di Capua recupera la palla, guadagna un altro fallo, e mette a segno due tiri liberi. La gara terminerà con una grande vittoria della Cesarano
per 69-64.

Emozioni uniche a Scafati. #ForzaCesarano

UFFICIO STAMPA CESARANO SCAFATI BASKET – BIAGIO ADINOLFI

Commenta
(Visited 1 times, 1 visits today)

About The Author