La Genesi di un fenomeno: Cecilia Zandalasini

Il 16 marzo 2017 ha compiuto 21 anni e Tuttobasket.net l’ha omaggiata con un bel video creato dalla federazione stessa.

Lei è Cecilia Zandalasini, classe ’96, ieri ha giocato contro la sua squadra della sua città, Broni, con cui aveva giocato nella stagione 2012-2013,  e rifilando alle lombarde  con la sua Schio, un quarantello di differenza!
d5c31542fe68200848354a88d9c95bb6-10628-d41d8cd98f00b204e9800998ecf8427e

 

Ventidue minuti di permanenza sul parquet, 10 punti, 60% dal campo, 6 rimbalzi, un 20 di valutazione. Anni 21 e una leadership clamorosa alla sua età!

Ora stabilmente punto fermo della nazionale maggiore di coach Capobianco che in giugno si giocherà qualcosa agli Europei di categoria in Repubblica Ceca!

Ma questo non dice nulla! Sapete cosa non sa fare Cecilia su di un campo di pallacanestro?
Praticamente nulla!

Segnare, passare, rimbalzi, una fisicità fuori dal comune….

Non a caso nel 2014, l’ala classe ’96  ha avuto una valutazione di “5 stelle” nel Collegiate Girls Recruting Rankings della ESPN  classificandosi al quarto posto fra le 100 migliori giocatrici del mondo della sua annata, un gradino sopra ad un altro precoce fenomeno come Angela Salvadores, in forza alla Perfumerías Avenida di Salamanca, solo di un anno più piccola!

La Zanda, così viene chiamata ha dominato prima a livello giovanile dove è stata tra le protagoniste dei successi degli ultimi anni. Come dimenticre l’ultima cavalcata europea della nostra Under 20 nell’estate scorsa in Portogallo. Le ragazze, guidata da Massimo Riga, raggiunsero l’argento e a corollario di una carriera già in qui ricca, Cecilia fu premiata anche con il premio di MVP .

Mentalità vincente e sempre calata ad un miglioramento. Un step by step inesorabile!

Dedizione, umiltà, quella dose giusta di sfacciattagine e tanto, ma tanto duro lavoro che l’hanno riconosciuta come il talento più importante della pallacanestro italiana degli ultimi anni.

E lo dimostra in campionato, dove viaggia a 8.7 punti ad allacciata di scarpa in scarsi 22′ di utilizzo ma anche in Europa, dove con il Famila Schio, è arrivata tra le migliori otto d’Europa nell’Eurolega di quest’anno, fermata solo dalle campionesse in carica di Ekaterinburg, una macchina autentica di classe e canestri. Basti pensare al roster delle russe:  Taurasi, Griner, Nolan, Torrens, Little, Meesseman…

Un modo di giocare che si avvicina a quello di un uomo, con  doti di playmaking anche superiori alla media delle pari ruolo. E’ una giocatrice di assoluto livello, già da adesso!

Il futuro suo e della nazionale femminile del domani è sicuramente qualcosa di notevolmente radioso, ma ora con Schio c’è da ricucirsi di nuovo uno scudetto sul petto, Cecilia è pronta!

Voi siete pronti ad altre sue prodezze!?

 

Commenta
(Visited 321 times, 1 visits today)

About The Author