La Nova Virtus scatenatissima, schiaccia Catania per 97-76

Come un treno ad alta velocità… non rallenta mai, se non in prossimità della meta… così potremmo descrivere la Nova Virtus, che al Palapadua si impone, difende e sentenzia la vittoria… senza troppi scrupoli nei confronti del Cus Catania, ultima squadra in classifica.

 

I ragusani non vogliono perdere tempo e al fischio iniziale, è subito Mammana a sbloccare il tabellone.

Catania prova a ribellarsi con una timida tripla di Bonaccorsi, quasi a chiedere il permesso nel solcare l’area virtussina, murata ed impenetrabile se non per sporadiche conclusioni personali.

 

Guadalupi e i suoi sono a corto di idee e dinamiche di squadra, spaventati dalla freddezza avversaria, faticano in difesa, dove i ragusani sembrano moltiplicarsi e l’intesa perfetta tra Canzonieri e Licitra, permette al capitano Sorrentino di farne tre, chiudendo i primi 10’ sopra di dieci punti.

 

Precisione e coesione, elementi tutti made in Ragusa, decisamente scomodi per gli ospiti, in una partita sempre più ad unico senso.

 

A nulla servono i minuti di break per i catanesi, i quali, al rientro, tentano l’avvicinamento con Lo Faro e Abramo ma gli spazi difensivi si trasformano in voragini e Licitra sembra avere le molle sotto ai piedi, facendone due da tre, in scioltezza.

 

Il colore nero delle divise degli ospiti rispecchia l’umore e il gioco, impreciso, frettoloso e poco studiato.

I secondi scorrono veloci, tanto tempo con la palla tra le mani, nell’inutile ricerca di trovare un varco per avvicinarsi al canestro virtussino, e la sirena dei 24 secondi risuona forte e chiara.

 

La distanza dai padroni di casa diventa sempre più lunga, a maggior ragione quando le possibilità di centrare il canestro, si limitano ai liberi fischiati a favore.

 

All’intervallo lungo Catania ossigena, per poi ritornare sul parquet con uno spirito completamente diverso. Una perla di Lo Faro da metà campo, innesca una reazione inaspettata e lo svantaggio di ben 22 lunghezze, si accorcia progressivamente.

 

L’accellerazione dei catanesi, impensierisce i ragazzi di Di Gregorio, ma i timori durano pochi minuti, subito spazzati via dalle triple di Sorrentino e dell’inarrestabile Licitra.

Negli ultimi minuti di gioco la Nova Virtus si scatena, sfiora addirittura i 100 punti, e si proietta direttamente al big match della prossima settimana, contro la capolista Capo D’Orlando.

 

 

 

 

 

 

 

 

Asd Basket Club Ragusa-Cus Catania 97-76

 

 

Parziali: 28-18; 60-38; 80-61; 97-76

 

 

Tabellini:

 

Nova Virtus Ragusa:

Antoci, Gebbia L., Idrissou 5, Spatuzza, Dinatale 3, Licitra 27, Gebbia A. 18, Chessari 9, Ferlito 3, Mammana 6, Canzonieri 12, Sorrentino 16.

 

 

 

 

CUS Catania:

Lo Faro 17, Cicero 2, Vasta, Cantone 9, Bonaccorsi 21, Martello, Messina 3, Mazzoleni 2, Caltabiano 7, Abramo 16

 

Commenta
(Visited 72 times, 1 visits today)

About The Author

Marianna Triberio Autoironica e cocciuta. Ho 20 anni, studio Lettere Moderne. Amo la pallacanestro, la danza e il mare della mia Sicilia. Scrivo per ordinare i pensieri, ma puntualmente ne dimentico sempre qualcuno.