La Novipiù fa suo il derby con Omegna

Bella prova della Novipiù che, dopo un avvio lento, preme sull’acceleratore guadagnando un buon margine di vantaggio, per poi controllare il punteggio, superando Omegna 69-51, aggiudicandosi così il secondo derby consecutivo al PalaFerraris. Nella bella prova corale offerta dai ragazzi di coach Ramondino, spicca la prestazione di Brett Blizzard, autore di 21 punti con 7 triple realizzate.

 

LA PARTITA – Canestro iniziale di marca Paffoni grazie alla realizzazione di Moore, che segna da 3 punti prima dell’arcobaleno di Bray utile a riportare subito a contatto i rossoblu. Pochi punti nel freddo avvio delle due compagini, e Junior avanti 6-3 grazie al tap-in di Fall dopo 5’ di gioco. Smith interrompe il digiuno di Omegna, durato quasi 7’, riportando la Fulgor a -3. La prima sirena chiude una frazione iniziale a ‘polveri bagnate’ sul 10-9 per la Novipiù. Blizzard e Moore timbrano il canestro dalla lunga in avvio di secondo quarto, confermando l’equilibrio del match. Vangelov, Saunders dalla lunga e la bimane di Natali firmano il nuovo allungo della Novipiù che guadagna il massimo vantaggio provvisorio nel match, portandosi sul 20-12, dopo 13’ di gioco. Si accende la gara, sale l’agonismo e l’intensità della giocate sul parquet: recupera Omegna grazie all’apporto dei suoi due USA, ma Blizzard la riporta a distanza con la tripla del 25-19. Casella prima, Blizzard poi realizzano le due triple che, negli ultimi secondi della frazione, fissano il punteggio sul 34-27 per la Novipiù all’intervallo lungo.

Al rientro dagli spogliatoi, la Junior stringe le maglie difensive, concretizzando il parziale di 6-0 con cui guadagna il nuovo massimo vantaggio provvisorio (+13), grazie ai due liberi realizzati da Fall. Non si placa la vena realizzativa dei rossoblu, capaci di tenere la Paffoni ad un solo punto segnato dopo oltre 6’ di gioco nel terzo quarto (44-28). Poi tocca a Blizzard: in pochi minuti segna tre triple consecutive per i rossoblu, infiammando il PalaFerraris. Omegna, fatica, presta il fianco, ma non si arrende, riguadagnando il -11 sulla terza sirena: 53-42 per la Novipiù, dopo il canestro in sospensione di Smith. Tomassini segna la tripla del +14, dopo che Fall e Gurini avevano mantenuto il distacco invariato alla ripresa delle ostilità. Quatto punti di Bray riportano la Novipiù al massimo vantaggio di + 17 a meno di 3’ alla fine. I ragazzi di coach Ramondino controllano la gara, chiudendo avanti 69-51 sull’ultima sirena che sancisce la vittoria della Novipiù.

 

NOVIPIU’ CASALE – PAFFONI OMEGNA 69-51 (10-9, 34-27, 53-42)

 

NOVIPIU’ CASALE: Saunders 6, De Nicolao, Bray 9, Tomassini 6, Natali 6, Blizzard 21, Denegri ne, Martinoni 8, Vangelov 4, Ruiu, Fall 9, Valentini ne   All. Ramondino

PAFFONI OMEGNA: Moore 8, Zanelli 3, Iannuzzi 4, Vildera 2, Cappelletti 9, Terenzi, Galmarini, Casella 3, Banach ne, Gurini 10, Smith 12   All. Magro

 

Soddisfazione nelle parole post vittoria di Andrea Valentini, assistant coach rossoblu: “Una bella vittoria, siamo soddisfatti della partita che la squadra ha disputato. Un risultato largo nato da un’ottima difesa e da un innalzamento delle nostre percentuali nel terzo quarto. Sapevamo che sarebbe stata una partita difficile perché Omegna è una squadra che alterna molte difese, è molto preparata sui giochi e sulle chiamate, ma nel momento in cui siamo riusciti ad attaccare, a crearci degli spazi abbiamo trovato soluzioni molto importanti da fuori dall’arco dei tre punti, riuscendo ad aumentare il divario”. Una gara che si è definitivamente indirizzata sui binari della Novipiù anche grazie alle triple di Blizzard: “Naturalmente nel momento in cui Brett ha fatto 4 su 4 da 3 punti, la partita si è rotta e poi noi siamo stati bravi a mantenere il vantaggio”.

 

Protagonista del match, Brett Blizzard argomenta le chiavi della vittoria rossoblu: “Siamo stati bravi a costringere Omegna a prendersi tiri difficili, difendendo forte a tutto campo, facendo un buon lavoro di squadra sia a rimbalzo d’attacco che in difesa”. Sulla sua performance balistica, l’esterno rossoblu commenta: “Tiro sempre nello stesso modo, qualche volta i tiri entrano, altre volte no. E’ chiaro che quando possiamo tirare con più spazio i tiri sono più facili”. “Stiamo ripercorrendo la stessa strada dello scorso anno – chiude l’esterno juniorino -, sia in attacco che in difesa. Per le altre squadre è difficile giocare contro di noi perché non concediamo mai tiri facili, ed in attacco devono difendere per tutti e 24 secondi. Mi auguro che riusciamo a migliorare lungo la stagione, e di fare ancora meglio rispetto alla stagione scorsa”.

Commenta
(Visited 1 times, 1 visits today)

About The Author