La Novipiù si prende il derby contro Omegna

Prova di carattere quella dei rossoblu che riescono ad imporsi sul campo di Omegna grazie ad un ottimo Tomassini. Ma non è l’unica buona notizia questa, la partita di stasera ha infatti segnato il rientro in campo di Capitan Martinoni.

Primi canestri targati Fall e Tomassini e la tripla di Moore segna il 3-4 dopo 3’. Ancora una tripla di Moore e il canestro da sotto di Smith portano la Paffoni in vantaggio, ma il canestro di Tomassini tiene Casale in scia (11-9) a metà quarto. Moore va ancora a segno da 3, ma capitan Martinoni e Tomassini suonano la carica per i rossoblu: 14-15 quando mancano 2’. Il canestro di Iannuzzi non lascia però fuggire la Novipiù: 19-22 a fine primo quarto, con Tomassini già a quota 16.

Secondo quarto che vede un inizio impreciso per entrambe le squadre: è Vangelov a sbloccare la situazione e poi Martinoni da 3 infiamma i compagni e Casale alza il ritmo in difesa, 19-27 dopo 3’. Il primo canestro di Omegna arriva da Smith, ma la Novipiù continua a macinare punti portandosi sul +10 (21-31) quando mancano 4’. Gurini segna entrambi i liberi, ma Natali risponde con una tripla. Il ritmo di gioco si è alzato con i canestri di Saunders e Vangelov a cui seguono i liberi realizzati da Iannuzzi. La Novipiù continua a crederci e va all’intervallo sul 31-42.

Alla ripresa subito Natali da 3 ma Iannuzzi non si fa intimidire e risponde prontamente. Omegna prova a ricucire il gap con la tripla di Smith, ma Tomassini è una bocca fuoco e segna da tutte le parti: 36-49 dopo 3’. Iannuzzi e Smith vanno ancora a segno ma ancora una volta arriva la risposta casalese con Bray che riporta la Novipiù sul 42-52. Omegna le prova tutte con Casella e il solito Smith, ma i rossoblu sono infuocati e mandano a segno prima Vangelov e poi Bray. Il terzo quarto finisce 48-56.

L’ultimo quarto si apre con il canestro di un ispiratissimo Tomassini e con la Paffoni che dopo 2’ non è ancora riuscita a segnare (48-58). La Novipiù commette qualche ingenuità di troppo e Zanelli e Iannuzzi ne approfittano, ma Blizzard risuona subito la carica dalla lunga distanza: 54-63 a metà quarto. Ruiu va a segno da 3, ma Smith risponde inchiodando la palla a canestro. Omegna sembra rinata e rimane in scia alla Novipiù, ma Tomassini mette a segno 4 punti consecutivi e la tripla di Iannuzzi è solo per il punteggio, finisce 63-74.

PAFFONI OMEGNA– NOVIPIU’ CASALE: 63-74 (19-22, 31-42, 48-56)

PAFFONI OMEGNA: Moore 9, Zanelli 11, Iannuzzi 20, Vildera ne, Cappelletti 2, Galmarini, Casella 4, Banach ne, Gurini 4, Smith 13. All. Magro

NOVIPIU’ CASALE: Saunders 2, De Nicolao, Bray 4, Tomassini 32, Natali 6, Blizzard 7, Denegri ne,  Martinoni 7, Vangelov 7, Ruiu 3, Fall 6, Valentini. All. Ramondino

 

LE DICHIARAZIONI

 

Coach Ramondino: Devo fare i complimenti ai nostri giocatori perché hanno fatto una partita di durezza, disciplina, mostrando ancora una volta qual è il vero valore della Junior, che è la compattezza del gruppo, il grande altruismo e la grande disponibilità al sacrificio di tutti i giocatori. Siamo arrivati a questa partita potendo fare un paio di allenamenti competitivi, però già dalla settimana scorsa c’è stata una grossa mano che mi è venuta da tutti i giocatori che hanno alzato il livello di attenzione, hanno  avuto il grande coraggio di guardare in faccia i nostri limiti e affrontarli e limarli. Questo penso sia stato il punto di partenza di questa prestazione caratterizzata da durezza, carattere e disciplina e questo si è visto soprattutto nel gioco d’attacco dove abbiamo mosso bene palla e abbiamo costruito tanti buoni tiri. Omegna è stata brava a controbattere in un modo anche un po’ estemporaneo: hanno segnato tanti liberi con Iannuzzi che ha percentuali un po’ alterne e molte volte non arriva al 70%, oggi penso ne abbia sbagliato uno solo e con Smith che ha fatto un canestro da 3 in un momento importante. Anche con cose non in previsione, che ci hanno rallentato, siamo riusciti a tenere il nostro gioco e questo è la cosa più soddisfacente. Il recupero di Martinoni è importantissimo, siamo comunque in una buona posizione di classifica e questo deve esaltare quanto fatto prima. Il grosso rammarico è  quello di avere avuto tanti piccoli infortuni che hanno impedito di allenarsi con la durezza e la continuità per andare avanti”.

Coach Magro:Casale è nettamente la squadra che gioca meglio. Arrivava con molta fame perché senza Martinoni ha perso delle partite di misura e oggi ha ritrovato le sue qualità: passandosi bene la palla, distribuendo i possessi, giocando forte in difesa. Sono la miglior difesa del campionato e noi, che solitamente in casa segniamo 80 punti, abbiamo fatto molta fatica. In più Tomassini ha fatto una partita al di là di ogni pensiero anche quando avevamo provato a tenere botta, senza però avere la sensazione di agguantare la partita. C’è sicuramente molto rammarico perché con questa partita ne abbiamo perse due consecutive in casa e le cose si complicano. Il nostro obiettivo è salvarci e dobbiamo mettere insieme i cocci perché anche mentalmente non è facile. Complimenti a Casale che aveva bisogno, come noi, di questa vittoria ma ha avuto un pizzico di motivazione in più”.

Giovanni Tomassini:E’ stata una partita di nervi e rabbia, eravamo scossi a inizio settimana per come era avvenuta la scorsa sconfitta. C’era un po’ di smarrimento nei primi giorni, ma da giovedi è subentrata la rabbia e oggi si è visto. Abbiamo avuto buonissime percentuali e il ritorno di Martinoni ci dà più fiducia per il futuro. Anche perché noi di lunghi veri che sappiano giocare spalle a canestro non ne abbiamo e lui dà equilibrio e sa dove spaziarsi all’interno dei giochi ed è un importante rimbalzista, inoltre ci dà una grossa mano grazie alle sua esperienza. È stata comunque una gran partita per la mia fiducia e per la squadra che doveva uscire dalle 4 sconfitte: oggi la palla entrava e quando entrano anche i tiri più difficili sai che puoi tirare con più fiducia”.

Commenta
(Visited 2 times, 1 visits today)

About The Author