La Npc Rieti perde 77-75 la sfida contro la Briosa Barcellona.

I ragazzi di coach Nunzi partono bene e riescono a costruire subito un discreto vantaggio (14-2), ma la Briosa, con Fallucca, Maccaferri e Lobeau, rientra in partita portandosi a 18-19, quando mancano 1:26. Il periodo termina 21-22.
Nella seconda frazione si procede ancora punto a punto, finché Barcellona riesce ad allungare un pochino (39-33 a 3:14), ma Rieti con Parente, Pepper e Benedusi ricuce e si va negli spogliatoi in perfetta parità (39-39).
La Npc comincia bene anche il terzo periodo, all’inizio del quale costruisce un mini vantaggio di 5 punti, grazie alla bomba di Pepper e il tiro in sospensione di Parente, (39-44), poi Bianconi e Loubeau riportano Barcellona in scia e si procede punto a punto fino al termine della frazione che si chiude 54-57.
Nei primi minuti dell’ultima frazione Parente conduce i suoi fino al +8 (54-62 a 8:45). Loubeau realizza cinque punti di fila e riporta la gara in equilibrio. Si va avanti sul punto a punto fino all’ultimo secondo, Barcellona riesce a vincere di 2 (75-77).
Tabellini. Rieti. Buckles 11, Mortellaro 16, Benedusi 2, Parente 14, Pepper 16, Hidalgo ne, Della Rosa 8, Feliciangeli 2, Veccia 6, Longobardi, Ponziani ne. All. Nunzi, Ass. Rossi e Matteucci.
Barcellona. Centanni 17, Pellegrino 10, fallucca 16, Loubeau 21, Maccaferri 6, Varotta, Bianconi 7, Migliori ne, Porcino ne, Siracusa ne. All. Trimboli, Ass. Coppolino.
Post gara. Il commento di Coach Nunzi
“La sconfitta ci sta, abbiamo avuto una lezione di umiltà da parte di Barcellona, perché comunque loro hanno giocato in condizioni difficili, ma nei momenti cruciali della partita sono riusciti ad essere lucidi, ad essere una squadra, cosa che noi in alcuni momenti non siamo riusciti a fare. Chiaramente non c’è volontà in questo da parte dei ragazzi, ma è un dato di fatto che nei finali così noi purtroppo commettiamo sempre errori gravi. Purtroppo oggi non è successo solo nel finale. Abbiamo dilapidato un vantaggio iniziale, costruito con una buona partenza, anche lì con errori abbastanza gravi, subendo canestri in contropiede dopo canestri realizzati, oppure con delle banali palle perse. Oramai purtroppo sono ripetitivo, ma la realtà è questa: abbiamo perso troppe volte la palla, attaccando in maniera un po’ presuntuosa senza capire dove loro erano deboli a livello di pick and roll e invece noi “siamo andati dentro con tutte le scarpe. Sono contento per Ciccio, perché allenare nella propria città non è mai semplice, sono contento che abbia esordito e abbia vinto una partita in casa davanti al suo pubblico, mi dispiace che abbia battuto me”.
Commenta
(Visited 6 times, 1 visits today)

About The Author