La Pallacanestro Reggiana premiata dalla Regione “per una stagione straordinaria ed un risultato che va oltre quello del campo”

Una stagione straordinaria quella che si è appena conclusa e, nonostante si sia trattato di una ‘favola senza lieto fine‘ per i biancorossi, dopo il Comune di Reggio anche la Regione Emilia Romagna ha voluto celebrare con una targa la Pallacanestro Reggiana.

Alla delegazione biancorossa, composta dalla vicepresidente Maria Licia Ferrarini, l’amministratore delegato Alessandro Dalla Salda, il direttore sportivo e il team managerAlessandro Frosini e Filippo Barozzi, Gaia Spallanzani responsabile relazioni esterne e gli atleti Federico Mussini, Ojars Silins e Vitalis Chikoko, è stata consegnata dal presidente della Regione Emilia-Romagna con delega allo Sport, Stefano Bonaccini una targa  “per una stagione straordinaria, per un risultato che va oltre quello del campo, per una finale che ha unito gli atleti di entrambe le squadre nello scrivere una bellissima pagina di sport”.

Presenti alla cerimonia anche Pietro Bernardelli, presidente della Grissin Bon, azienda main sponsor della Pallacanestro Reggiana, il sottosegretario della Giunta regionale, Andrea Rossi, il sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi, il presidente della Provincia di Reggio Giammaria Manghi.

“Questo è un piccolo riconoscimento inusuale – ha commentato il presidente Bonaccini – perché non si premia la conquista di un titolo ma una straordinaria stagione sportiva condotta all’insegna del fair play, che ha accomunato tifosi di tutta l’Emilia-Romagna. Alla società e agli atleti vanno i più sinceri complimenti per questa cavalcata conclusasi a un passo dall’obiettivo e un grande in bocca al lupo per il futuro”.

Un riconoscimento accolto con “grandissimo piacere” dalla vicepresidente Ferrarini, che ha assicurato: “Ci riproveremo, insistendo su quelle che sono le nostre caratteristiche, puntando su una squadra fortemente italiana e sul nostro vivaio che ci dà così tante soddisfazioni”.

Il sindaco di Reggio, Luca Vecchi, ha quindi posto l’accento sulla “credibilità del gruppo dirigente, lo stile negli investimenti: tutto ciò ha permesso di vivere una vicenda sportiva in crescendo, in un mondo dove non sempre lo sport professionistico offre messaggi così positivi”.

Commenta
(Visited 1 times, 1 visits today)

About The Author