La Passalacqua cade a Vigarano e perde la testa della classifica

Come lo scorso anno, la Passalacqua cade sul parquet di Vigarano, interrompendo una striscia positiva che durava dalla sesta giornata del girone d’andata. La squadra di coach Nino Molino perde la testa della classifica, lasciando la prima posizione solitaria a Lucca ed assestandosi al secondo posto, a pari punti con Schio ma con lo scontro diretto a favore. Non sono bastati i 30 di Bruson e i 19 di Little, perché a mancare sono state soprattutto le esterne (13 punti in 5, al di là dell’assenza di Erkic, assente per problemi fisici) e la difesa. Alla fine Vigarano si è imposta con pieno merito, con il punteggio di 84-68. “Non siamo stati all’altezza delle nostre prestazioni abituali – commenta Molino – perché se in attacco avevamo a turno avuto sempre delle giocatrici come protagoniste, stavolta sul perimetro siamo mancati. Ma questo, a parte gli ovvi meriti di Vigarano, poteva essere compensato da una prestazione difensiva diversa, e invece non siamo stati in grado di contenere le iniziative delle loro giocatrici perimetrali, abbiamo perso troppi palloni e favorito i loro contropiedi. E in una giornata in cui hanno tirato con percentuali molto alte, poi alla fine questo si paga. È ovvio che ci dispiace avere disputato questa partita sottotono, per i nostri tifosi. Adesso dobbiamo voltare pagina e pensare alle due partite casalinghe prima della pausa, cercare di recuperare Erkic e ritornare a giocare sui nostri livelli”. Domenica prossima, alle 18,00 al Palaminardi di Ragusa, Nadalin e compagne saranno di scena contro Umbertide, unica formazione ad avere battuto le ragusane nel girone d’andata. Seguirà il match casalingo con Torino.

Michele Farinaccio

Commenta
(Visited 4 times, 1 visits today)

About The Author