La Passalacqua Ragusa vola in semifinale playoff, battendo in casa San Martino di Lupari (61-55)

Al PalaMinardi si corre e ad essere più veloce ed incisiva è la Passalacqua Ragusa, infatti, nonostante un inizio sottotono, che illude San Martino di Lupari, le ragazze di coach Recupido riescono a strappare la vittoria ai quarti di finale playoff, solo negli ultimi 4 minuti di gioco.

 

Forti della vittoria in Gara 1 tra le mura venete, conquistata per un soffio mercoledì scorso (81-82), le biancoverdi partono decisamente statiche e poco precise, l’assenza di Larkins, out per motivi familiari, si fa sentire, specie all’inizio, quando il tabellone segna un parziale di 0-6.

Le lupe iniziano forte, vogliono portare la serie alla bella e lo dimostrano i canestri di Ivezic che allunga sul timido tentativo ragusano firmato da Spreafico.

La difesa ragusana è poco brillante, concede spazi decisivi per far allontanare le avversarie sul tabellone.

È necessaria una reazione della Passalacqua per evitare uno svantaggio ancora più pesante, reazione che arriva solo a metà periodo con una tripla importantissima di Nicholls, non al meglio della sua forma questa sera, seguita da un canestro firmato Ndour che agganciano San Martino.

Da qui, per un paio di minuti è un botta e risposta tra le due squadre ma Ragusa sembra non riuscire a prendere la mira, la palla tocca il ferro troppe volte senza entrare, permettendo così alle Lupe di chiudere il primo quarto in vantaggio (14-19).

Come un copione che si ripete, sotto il canestro virtussino gli spazi sono ben accessibili dalle giallonere che catapultano la squadra di casa a 18-25.

Le ragusane sono bloccate dalla morsa difensiva avversaria che le costringe troppo spesso a conclusioni personali, lontanissime dall’anello.

Serve quindi un timeout per richiamare l’attenzione persa e tirare fuori il carattere, le Aquile provano di più, rischiano di più ma soprattutto giocano in postbasso, coprendo meglio la propria metà campo.

Gorini preme sull’accelleratore, impatta bene sulla seconda metà di partita ma il canestro sembra davvero stregato.

Ndour, migliore in campo e sul tabellone (doppia cifra con 17 punti) ristabilisce, seppur con non poche difficoltà, la parità di 41-41 a poco più di otto minuti dalla fine, in un PalaMinardi che adesso ci crede, ogni minuto un po’ di più.

Un pick & roll con Valoo, consente a Formica di segnarne due importantissimi.

Valerio allunga ulteriormente con tre punti fondamentali, a due minuti e mezzo dalla sirena ed infine una spettacolare tripla della Vanloo permette a Ragusa di ipotecare la vittoria (61/55) volando alle semifinali di playoff.
Ad aspettare le ragusane c’è la Famila Schio, (squadra vincitrice nei quarti contro Vigarano), avversario ostico, contro la quale coach Recupido e le sue, dovranno battersi in una serie al meglio di 5 partite.

 

Passalacqua Ragusa VS San Martino di Lupari: 61-55

Parziali: 14-19; 22-25; 39-41; 61-55

 

Tabellini:

 

Passalacqua Ragusa

Nicholls 5, Consolini 8, Gorini 8, Valerio 6, Spreafico 8, Formica 9, Rimi ne, Bagnara ne, Brunetti ne, Bongiorno ne, Vanloo 8, Ndour 17. All.: Recupido

San Martino di Lupari

Filippi 3, Fassina, Tonello3, Bailey 15, Keys, Ivezic 11, Sulciute 15, Gianolla 8, Sbrissa ne, Fabbri. All.: Abignente

Commenta
(Visited 70 times, 1 visits today)

About The Author

Marianna Triberio Autoironica e cocciuta. Ho 20 anni, studio Lettere Moderne. Amo la pallacanestro, la danza e il mare della mia Sicilia. Scrivo per ordinare i pensieri, ma puntualmente ne dimentico sempre qualcuno.