La Rekico Faenza alla prova del nove cerca il tris casalingo contro Rimini

Secondo derby casalingo in poche settimane per la Rekico. Dopo la sfida
contro i Tigers Forlì, arriveranno al PalaCattani i Crabs Rimini, match che
si disputerà mercoledì 1 novembre alle 18, nel primo dei tre turni
infrasettimanali della stagione. Una sfida di prestigio contro una delle
società più blasonate della pallacanestro italiana, andata in scena soltanto in
due occasioni nella stagione 2015/16, la prima dei Raggisolaris in serie B.
Il bilancio è di una vittoria per parte, con entrambe le squadre che vinsero
in trasferta.
L’AVVERSARIO I giovanissimi Crabs Rimini sono una delle rivelazioni
del primo mese di campionato, come dimostrano le tre vittorie conquistate,
tutte davanti al pubblico amico. Dopo il largo successo all’esordio contro
l’Under 20 di Lecco (i lombardi in quell’occasione non avevano tesserato i
senior), sono cadute al Flaminio anche Padova e Alto Sebino. I due ko in
trasferta sono invece arrivati a Lugo e a Vicenza. Uno dei punti di forza dei
Crabs è l’allenatore Marco Maghelli, per molti anni responsabile del settore
giovanile riminese, che può contare su un organico con molti prodotti del
vivaio e giovani di talento. I senior sono soltanto tre: il centro Francesco
Foiera, classe 1975 e chioccia del gruppo per il terzo anno consecutivo, la
guarda Joel Myers, figlio d’arte e miglior realizzatore dei suoi con 13.2
punti di media, e Andrea Sipala, ala/pivot classe 1995, lo scorso anno ad
Isernia in serie B. Tra gli under sono da segnalare il playmaker classe 1996
Paolo Busetto, secondo miglior marcatore dei suoi con 10.4 punti, il centro
Edoardo Tiberti (’97), l’ala Giacomo Signorini (’98) e la guardia Luca
Toniato (’98), tutti con un elevato minutaggio. A completare la batteria dei
giovani ci sono le ali Niccolò Moffa (’99) e Andrea Tartaglia, lo scorso

anno ad Agrigento in serie A2 e unico tra gli under e non essere stato
confermato, la guardia Giuseppe Altavilla (’97), il playmaker Borislav
Mladenov (2000), la guardia Simone Fusco (’99) e il playmaker Luca
Galassi (’99). Con un’età media così bassa, i Crabs sono tra i maggiori
candidati per vincere uno dei premi legati all’utilizzo dei giovani.
IL PREPARTITA “Ho già giocato da avversario contro i Crabs quando
ero a Cento – spiega la guardia Lorenzo Brighi -, ma questa partita è
sempre un’emozione, perché in quella società sono diventato un giocatore,
militando cinque anni nelle giovanili e debuttando in serie B. Ho anche
avuto come allenatore Marco Maghelli e conosco le sue qualità, mentre tra
i giocatori sono amico di Joel Myers. Mi aspetto una partita molto difficile,
perché Rimini è davvero imprevedibile e ha già messo in difficoltà molte
squadre con il suo gioco. Questo derby dovrà essere la gara del riscatto per
noi, perché vogliamo cancellare la sconfitta di Piacenza e iniziare ad avere
maggiore continuità di rendimento nell’arco dei quaranta minuti. Nel
secondo tempo con Piacenza abbiamo dimostrato di poter tenere testa ad
una delle squadre più forti del girone, ma purtroppo quei primi due quarti
sottotono, hanno poi influito su tutto il match. Dovremo quindi giocare al
massimo con lucidità e concentrazione, iniziando con l’approcciare nel
modo giusto la partita. Siamo tutti molto motivati e vogliamo regalare una
vittoria ai nostri tifosi”.
PROSSIMO TURNO La Rekico ritornerà domenica 5 novembre alle 18
in casa del Basket Lecco.

Commenta
(Visited 19 times, 1 visits today)

About The Author