La Scandone getta il cuore oltre l'ostacolo ma non basta: Cantù vince 83-73

L’Acqua San Bernardo Cantù vince il match interno contro la Scandone Avellino  con il punteggio di 83-73. Partita difficile per gli uomini di coach Vucinic che con solo 8 rotazioni, getta il cuore oltre l’ostacolo, senza però riuscire nell’impresa. Ottima partenza per gli uomini di casa che sfruttano le penuria offensiva di Sykes ( a secco nella prima frazione), ma soprattutto costruisce buoni tiri con Gaines e Tassone. Solo 5/18 per gli irpini che chiudono il primo quarto sotto di 6 (19-13). Cantù non riesce a trovare soluzioni alla zona di coach Vucinic, ma l’11/35 dal campo di Avellino non consente agli ospiti di recuperare. Filloy e Sykes provano a imbastire la rimonta ma il divario tra le due squadre non cambia. Al rientro dall’intervallo, Young e Filloy provano a scuotere la Scandone, Gaines e Udanoh però mantengono sempre stabilmente lo stesso vantaggio: prima dell’ultimo quarto Cantù guida ancora 61-51. Cantù nell’ultimo quarto decide di chiuderla, trascinata da uno strepitoso Gaines: il divario di uomini tra le due squadre si fa sentire, Avellino è costretta ad alzare bandiera bianca. Buona vittoria per Cantù, si ferma la striscia positiva di Avellino che è in piena emergenza ed avrà sicuramente bisogno di qualche intervento per risalire la china.

Commenta
(Visited 38 times, 1 visits today)

About The Author

Matteo Del Basso Matteo Del Basso, Laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli studi di Salerno ed iscritto alla magistrale in Corporate and Communication dello stesso Ateneo, appassionato di sport ma soprattutto di pallacanestro. Collaboratore negli scorsi anni per NBA24 e attualmente per SalernoGranata.it.
Per Info