La Sicoma parte in salita e deve arrendersi a Campli 58-73

Comincia in salita la partita della Valdiceppo che non riesce nel primo quarto ad esprimersi sugli stessi livelli visti appena sette giorni prima contro Monteroni e accumula un ritardo che si rivela decisivo per l’esito finale della gara. A più riprese nel corso del march i ponteggiani, ancora privi del loro capitano Casuscelli, sono riusciti a riavvicinarsi e non hanno mollato in centimetro, ma Campli ha sempre trovato la giocata giusta per replicare e arginare la rimonta avversaria.
Del resto gli abruzzesi sono squadra di vertice (una sola sconfitta fin qui) e lo dimostrano scendendo in campo con grande concretezza, appoggiando costantemente la palla sotto canestro e approfittando di una difesa che questa sera non riesce a trovare nei primi minuti la necessaria solidità. Al termine del primo quarto i punti sono ben 29 i punti realizzati dagli ospiti, trascinati soprattutto da Bottioni e Serafini immediatamente efficaci. Certamente una situazione non semplice da gestire quella di trovarsi subito a meno 19 con Meschini già gravato da 2 falli. Filippo Meccoli è il primo a reagire prima vanificando gli anticipi con il gioco in back-door, poi affidandosi insieme a Negrotti alle penetrazioni in palleggio, per sfruttare il maggiore dinamismo contro una squadra dotata fisicità e atletismo. Sugli scarichi sotto canestro, però, né Bracci né Giovagnoli riescono ad andare a segno, rendendo più agevole per gli avversari aiutare contro gli esterni. Bisogna far salire il ritmo, l’assist di Orlanti ancora per Meccoli fa ben sperare (17-29) e sigilla un parziale positivo di 7-0. Entra in campo anche Anastasi e si distende subito in campo aperto, il pubblico del PalaCestellini si accende complice una sbracciata evitabile in attacco di Gatti, che gli costa il fallo in attacco. Per Campli, già in bonus, ora è complicato fermare le penetrazioni di Burini e Meschini che dalla lunetta riportano il gap in singola cifra. Millina risponde con l’ingresso di Bruno Duranti che molla subito una stoppata ed è presente al rimbalzo offensivo, e di Ponziani, che aggiunge chili sotto canestro. Un’ ingenuità di Salafia (fallo + antisportivo) consente ai padroni di casa di tornare a meno 6 (28-34) prima del jumper di Duranti che manda le squadre nello spogliatoio sul 28-36.
Il parziale di 18-7 della seconda frazione conferma che la Valdiceppo, pur non riuscendo a tirare con le consuete percentuali dalla distanza, è ampiamente rientrata in partita.
Sull’asse Meschini-Orlandi la Sicoma prova ad accorciare, si liberano spazi per Panzieri ed il suo gioco da tre punti porta il punteggio sul 34-40. Alla tripla di Orlandi risponde subito Gatti e siamo sempre lì, con folate improvvise da una parte e dall’altra: Meccoli arriva al ferro, Petrucci però rientra in campo caldissimo, realizza 8 punti in un attimo e vanifica gli sforzi di Burini e compagni. Bastano poi un paio di palle perse e una tripla di Serroni per spostare il pallino decisamente nelle mani degli ospiti che allungano sul più 18 (46-64) al termine del terzo quarto. Sembra finita ma non la pensano così gli uomini di Pierotti, Orlandi e Negrotti vanno a bersaglio, Anastasi la mette dalla lunga, Giovagnoli in contropiede dimezza le distanze (55-64). Campli però dimostra ancora una volta capacità di disunirsi, gioca con grande intelligenza i minuti finali e porta a casa il risultato sul 73-59.

Commenta
(Visited 18 times, 1 visits today)

About The Author