La Virtus Arechi perde in casa di Palestrina ma esce a testa alta dal PalaIaia

Saranno il Basket Barcellona e la Citysightseeing Palestrina a rappresentare il girone D nella Final Eight di Coppa Italia di Serie B. Troppo forte, in questo momento, la compagine laziale per la Renzullo LARS Virtus Arechi Salerno che comunque non sfigura al cospetto di una squadra decisamente ben attrezzata. I ragazzi di coach Lulli si sono imposti per 86-72 al termine di un match condotto in lungo ed in largo e nel quale sono stati bravi anche a contenere la reazione dei viaggianti ad inizio ripresa. Il piano partita predisposto da coach Paternoster nel corso della settimana non ha funzionato a dovere, soprattutto dal punto di vista difensivo, visto che dopo 20 minuti i padroni di casa avevano già segnato 55 punti e dopo 30 minuti avevano già 5 uomini in doppia cifra (Visnjic, Alessandri, Barsanti, Paesano e Rossi). Per il club del patron Nello Renzullo, nato da pochi mesi, già il solo fatto di essere arrivato a giocarsi in un PalaIaia davvero gremito in ogni ordine di posti il pass per Jesi all’ultima giornata del girone d’andata deve rappresentare soltanto motivo d’orgoglio, così come il fatto di essere arrivato al giro di boa nelle zone nobili della graduatoria generale.

L’avvio di gara è equilibrato. Paesano sblocca il risultato, capitan Cucco risponde con una “bomba”. Con un parziale di 6-0 (con due canestri di Alessandri ed un altro centro di Paesano), i padroni di casa scattano avanti. Paci accorcia le distanze. Ma Barsanti inizia a scaldare la mano dalla distanza. Di Prampero subisce fallo mentre tira da fuori e segna i 3 tiri liberi che gli vengono accordati, poi Petrazzuoli pareggia i conti ancora dall’arco dei 6.75. Barsanti fa di nuovo centro da lontano, Paci segna da sotto. A Molinari, invece, risponde con la seconda tripla della sua gara Petrazzuoli. Si iscrive a referto anche Visnjic. Poi un libero di Paci e il primo canestro della partita di Leggio regalano a Salerno il secondo vantaggio (19-20), prima di un parziale di 9-0 grazie al quale Palestrina chiude avanti il primo quarto 28-20.

Il copione del secondo periodo  è similare. La squadra di coach Paternoster parte bene con 4 punti in fila di Babilodze (una schiacciata e un piazzato). Ma Rossi ristabilisce le distanze con una bomba. Capitan Cucco gli rende pan per focaccia. Poi segnano in successione Paesano, Bartolozzi ed Alessandri, prima della terza tripla di Petrazzuoli che regala il -3 (35-32) ai viaggianti. Paesano, Alessandri e Durante però, allargano nuovamente la forbice. Quindi torna in campo Visnjic che, con una tripla, regala il massimo vantaggio (+12) ai padroni di casa. Paci e Visnjic vanno a segno da sotto in successione. Quindi Alessandri va ancora a bersaglio da fuori e porta i suoi sul +15. Cucco va in penetrazione e prova a scuotere i suoi. Ma la bomba di Barsanti con la mano in faccia di Di Prampero pesa come un macigno. Di Prampero e Leggio segnano 4 punti dalla lunetta, mentre Duranti al quinto tentativo fa centro da fuori e fissa il punteggio sul 55-40 all’intervallo lungo.

Il terzo quarto si apre con tre canestri in fila da sotto di Paci (che sale a quota 13 punti), che mostra le unghie a Visnjic e riporta lo svantaggio della Renzullo LARS sotto la doppia cifra. Ad interrompere il digiuno dei laziali, che fanno fatica con una difesa finalmente efficacen, è proprio l’ex Cilento Basket Agropoli, che arriva a 10 punti personali. Di Prampero si sblocca dalla media distanza e segna il nuovo -9. Bartolozzi segna solo un libero e riporta i suoi a -8 ma Rossi in penetrazione ristabilisce le distanze. I salernitani sbagliano qualche tiro di troppo e dalla lunetta è ancora Visnjic a portare i suoi sul +12. Bartolozzi in penetrazione sigla il canestro del -10. Leggio fa 2/2 dalla lunetta, di nuovo -8, ma Paesano non ci sta e piazza una bomba. A pochi secondi dalla fine capitan Cucco segna il suo decimo punto e fissa il punteggio sul 64-55 dopo 30 minuti. Palestrina nel terzo periodo segna solo 9 punti, contro i 15 dei salernitani.

Il quarto periodo inizia con un bel canestro di Leggio, che sfida Paesano in uno contro uno ed ha ragione dell’avversario. La Virtus difende forte e recupera il possesso, ma perde palla in contropiede e sul ribaltamento di fronte Rossi segna la bomba del nuovo +10. Salerno non riesce a tirare, mentre Paesano segna da sotto. Dalla linea della carità Leggio segna un solo tiro libero e raggiunge la doppia cifra. Molinari piazza un’altra tripla, quella del +14. Piove sul bagnato in casa Virtus, Di Prampero esce dal campo per un problema alla caviglia, mentre Leggio commette fallo in attacco e Rossi va fino in fondo (parziale di 10-3 per i laziali in un PalaIaia “infuocato”). A 5’45 dal termine Leggio segna il canestro della speranza ma Visnjic aziona il killer instinct e chiude virtualmente la pratica, mettendo lo zampino in tutte le azioni del finale di gara, incluso il canestro del massimo vantaggio (82-62). Due bombe di Cucco e il canestro da sotto di Paci servono solo a diminuire lo svantaggio dei salernitani (anche nell’ottica del doppio confronto) fino all’86-72 con cui si chiude il match.

Domenica 7 gennaio alle ore 18 la squadra di coach Antonio Paternoster sarà impegnata al PalaZauli in casa della Treofan Battipaglia nel derby valido per la 1^ giornata del girone di ritorno del campionato di Serie B Old Wild West.

CITYSIGHTSEEING PALESTRINA vs RENZULLO LARS VIRTUS ARECHI SALERNO

PARZIALI: 28-20; 27-20; 9-15; 22-17

Palestrina: Visnjic 17, Paesano 17, Rossi G. 16, Alessandri 11, Barsanti 11, Duranti 8, Molinari 6, Fiorucci, Galuppi, Mattei ne, Cecconi ne, Rossi F. ne.

All. Lulli

Virtus Arechi Salerno: Paci 17, Cucco M. 16, Leggio 14, Petrazzuoli 9, Di Prampero 7, Bartolozzi 5, Babilodze 4, Beatrice, Datuowei, Mennella ne, Cucco A. ne.

All. Paternoster

Arbitri: Marzulli e Sironi di Milano

Note: Nessuno uscito per raggiunto limite di falli.

Commenta
(Visited 59 times, 1 visits today)

About The Author

SALVATORE MALFITANO Classe ’94, napoletano, studente di legge e giornalista. Collaboratore per Il Roma dal 2012 e per gianlucadimarzio.com, direttore di nba24.it e tuttobasket.net. Appassionato di calcio quanto di NBA. L'amore per il basket nasce e rimarrà sempre grazie a Paul Pierce. #StocktonToMalone