La Virtus Roma si prepara per la sfida con Treviso, Corbani: ''Le final eight grande premio, ora concentrati a vincere''

È arrivato il momento della Final Eight di Coppa Italia LNP targata Turkish Airlines per la Unicusano Virtus Roma che venerdì alle ore 15.30 scenderà sul parquet della Unipol Arena di Bologna per affrontare la De’Longhi Treviso. Sfida interessante e affascinante vista la formula dell’eliminazione diretta e l’incrocio con una squadra del girone Est che darà vita a una gara tra due squadre che quest’anno non si sono mai affrontate. Seconda nel girone Est per praticamente tutto il campionato, Treviso è stata una delle realtà più solide e piacevoli della Serie A2 di quest’anno, mettendo in luce un importante nucleo di italiani, molti dei quali giovani, che si sono resi protagonisti in un roster dove gli americani non svolgono la funzione dei catalizzatori del gioco (Decosey è stato tagliato dopo 20 partite). Per coach Pillastrini esordirà Zoltan Perl, guardia-ala ungherese classe ’95 in uscita da Capo d’Orlando, che prenderà proprio il posto di Decosey in una squadra che non vede nessuno superare i 12.7 punti di media di Perry e che oltre a Davide Moretti (12 punti) non ha nessun altro in doppia cifra per punti, a dimostrazione dell’equilibrio dei trevigiani. Sarà quindi una gara tutta da vivere tra due società che hanno messo gli italiani al centro della loro idea di squadra e che si daranno battaglia con grande intensità come sempre accade nelle sfide a eliminazione diretta. Queste le parole di coach Fabio Corbani alla vigilia del match: «Questa partecipazione è un premio per i ragazzi per l’impegno, l’attenzione e l’entusiasmo che mettono ogni giorno in allenamento; credo sia una cosa bellissima partecipare a questa manifestazione e lo è ancora di più se vinci, perché nella nostra testa c’è sempre l’idea di provare a vincere tutte le partite, come dico sempre, e siamo concentrati sulla sfida con Treviso. Venerdì sarà una partita diversa dal solito perché c’è l’eliminazione diretta ma anche perché c’è il primo incrocio con l’altro girone e quindi sono squadre che si conoscono poco non essendosi mai incontrate. È una situazione nuova che però sicuramente piace sia ai giocatori che allo staff tecnico, e siamo tutti impazienti di scendere in campo.»

Ufficio Stampa Unicusano Virtus Roma

Commenta
(Visited 19 times, 1 visits today)

About The Author