Latina capoccia! I nerazzurri vincono il derby con la Virtus Roma

L’immagine finale del derby di Natale, giocato al Palazzetto dello Sport di Roma, è l’abbraccio caloroso tra i tifosi nerazzurri e i giocatori della Latina Basket. Dopo aver superato la Npc Rieti e la Fmc Ferentino tra le mura amiche del PalaBianchini, laBenacquista Assicurazioni Latina Basket conquista il successo anche nel terzo derby del girone, superando a domicilio la storica formazione dell’Acea Virtus Roma con il risultato finale di 86-79 in proprio favore. Una sfida che i nerazzurri hanno meritato di vincere, per la grande prestazione offerta, per ilbuon gioco di squadra mostrato, per la tenacia di resistere a ritmi alti e difese aggressive, per aver messo a referto ben 5 uomini in doppia cifra, per aver distribuito 23 assist di squadra, pernon aver mollato mai, nemmeno di fronte al momento di grande difficoltà attraversato all’inizio dell’ultima frazione. Una Benacquista determinata, convincente, desiderosa di conquistare la vittoria e dimostrare al centinaio di tifosi arrivati nella capitale per assistere al derby e che hanno sostenuto la squadra per tutti i 40 minuti di gioco, il proprio attaccamento alla maglia e la grande volontà di far bene e di avere bene a mente l’obiettivo da raggiungere in questa stagione: la permanenza nella categoria di Serie A2.

Una vittoria del gruppo. Capitan Tavernelli che con i suoi 23 punti personali e 6 assist a indirizzato i suoi verso il giusto percorso da seguire. Stanback, con 17 punti, 2 assist e 5 rimbalzi è stato determinante in avvio di gara e lucido nei momenti fondamentali. Nicola Mei, 13 punti realizzati oltre ai 4 assist forniti ai compagni, fondamentale nella gestione di alcune azioni importanti e con una buona percentuale dalla lunga distanza (60%).Ihedioha dispensatore di 4 assist, incisivo nei momenti cruciali con il tiro dall’arco, ha messo a referto anche 10 punti personali. Il giovane latinense doc Andrea Pastore (classe 1994) che ancora una volta è risultato decisivo nel realizzare la tripla del nuovo vantaggio nerazzurro, dopo il break di 10-0 subito in avvio di ultima frazione. 10 punti, 6 assist e 4 rimbalzi per l’under pontino. William Mosley e Marco Tagliabue, che hanno difeso la propria area cercando di contenere le incursioni avversarie e Veccia, che nonostante non sia ancora al massimo della forma, ha dato il proprio contributo nei minuti di utilizzo. I sostenitori della Latina Basket tornano a casa soddisfatti del regalo di Natale ricevuto dai loro campioni.


Il commento di coach Gramenzi
–  Al termine del derby con l’Acea Virtus Roma, coach Gramenzi, ha dichiarato: «Siamo contenti di aver vinto questa partita che ci lascia molta soddisfazione. La gara è andata come l’avevamo pensata: abbiamo prestato molta attenzione sui due giocatori più importanti di Roma, a mio avviso, pur sapendo che avremmo rischiato qualcosa su Maresca, che del resto è stato bravissimo e, secondo me, è stato proprio lui a tenere Roma in partita. Nell’ultima parte del match abbiamo subito la pressione avversaria, sia per la stanchezza, e in questo si fa sentire l’assenza di Uglietti, che ci concede una rotazione in più, sia perché qualche errore lo abbiamo commesso. Vincere un derby fa sempre piacere e nel nostro caso, questa vittoria in trasferta ci consente di tornare a +1 nella media tra partite in casa e fuori e ci lascerà una certa tranquillità per il futuro. Ringrazio i ragazzi per la prestazione che hanno fatto e ringrazio tutti quei tifosi venuti a Roma, che ci hanno sostenuto per tutta la durata della gara, per noi è stata molto positiva la loro presenza, ci è sembrato di giocare in casa, nonostante il pubblico di Roma sia stato molto caloroso con la propria squadra. Dover giocare a questi ritmi elevati, che, a mio avviso è l’unica possibilità che abbiamo, c’impone rotazioni più lunghe e quindi, come dicevo precedentemente, subiamo molto l’assenza di Uglietti, ne è stata dimostrazione il calo avuto nel terzo e nel quarto periodo in cui le percentuali si sono abbassate. Siamo stati bravi, però, nel riuscire a reagire, e nel momento importante del match bravo Andrea Pastore, uno dei nostri under (classe 1994) che ha dato dimostrazione, ancora una volta, di avere grande carattere realizzando la tripla del nostro nuovo vantaggio, dopo la parità nell’ultima frazione (71-71) supportato poi da Ihedioha, che ci ha riportato sul +4, a seguire siamo stati bravi nel gestire gli ultimi minuti di gara. Adesso guardiamo avanti, giornata dopo giornata perché siamo una squadra che non può rilassarsi e che non pensa a lunga scadenza, perché il campionato è molto equilibrato e bisogna stare sempre attenti».

I tabellini – ACEA VIRTUS ROMA vs BENACQUISTA LATINA 79-86 (18-21, 41-48, 61-71, 79-86)

ACEA VIRTUS ROMA:  Olasewere 12, Maresca 27, Leonzio 5, Callahan 5, Mastrelli n.e., Benetti 4, Voskuil 14, Casagrande 7, Bonfiglio 5, Zambon n.e.,. Allenatore Caja.

BENACQUISTA LATINA:  , Guerra n.e., Veccia 2, Tavernelli 23, Tagliabue 4, Ihedioha 11, Mei 13, Pastore 10, Stanback 17, Di Ianni n.e., Mosley 6. Allenatore Gramenzi.

Percentuali: Roma tiri da 2:  57% (24/42) tiri da 3: 24% (6/25) tiri liberi: 72% (13/18); Latina tiri da 2: 70% (17/24) tiri da 3: 46% (13/24) tiri liberi: 72% (13/18)

Spettatori: 1000

Arbitri: Borgo Christian di Dueville (VI), Maschietto Chiara di Treviso, Marton Marco di Conegliano (TV).

La partita –  I primi punti del derby di Natale sono di marca Virtus Roma con Voskuil, al quale risponde prontamente Stanback (2-2 al 1^). Ancora botta e risposta: Maresca per la Virtus, ancora Stanback per Latina (4-4 al 2’). I padroni di casa provano ad allungare (8-4 al 3’) Latina tenta di ricucire il divario con la schiacciata di Mosley, ma Roma centra ancora la retina per il nuovo + 4 (10-6 al 4’).Ritmo abbastanza veloce, qualche conclusione sfortunata ambo le parti e al 5’ il tabellone segna 14-11 in favore dei locali. E’ ancora Stanback a ristabilire la parità: 14-14 a 4:30” dal termine del primo periodo.Grande equilibrio in campo  e a 2:40” dalla sirena è la tripla di Mei (la seconda dall’inizio del match) a stabilire ancora una volta la parità: 16-16. Pastore, entrato in sostituzione di Ihedioha, centra la retina dai 6.75 per il primo vantaggio nerazzurro 16-19 all’8’.  La Benacquista gestisce e incrementa il vantaggio fino alla sirena, mandando in archivio la prima frazione avanti di 3 lunghezze: 18-21.

In avvio di secondo quarto, Roma prova a ridurre le distanze, ma Latina recupera un buon pallone dal quale scaturisce il bel gioco da 4 punti di capitan Tavernelli (20-25 al 11’).  Il giovane latinense Andrea Pastoreruba un pallone altrettanto prezioso e, in collaborazione ancora con Tavernelli, realizza il canestro del + 7 nerazzurro (20-27 al 12’).  Casagrande, per la Virtus Roma prova ad accorciare le distanze, ma poi commette fallo antisportivo e Nicola Mei, preciso dalla lunetta, ristabilisce il + 7 (22-29 a 7:48 dal termine). Pastore continua a trovare buone soluzioni e Voskuil Olasewere e Casagrande, piazzando un parziale di 5-0 (27-32 al 14’). Aumenta l’intensità, Roma recupera palloni importanti e a 4:25” dal riposo lungo il divario è di sole 2 lunghezze (32-34). Coach Gramenzi chiama time-out. Al rientro in campo i padroni di casa riescono a trovare anche il canestro della parità, mentre Latina commette  qualche ingenuità di troppo, perdendo palloni preziosi (34-34 al 16’). E’ capitan Tavernelli a trascinare i suoi con la tripla del nuovo vantaggio nerazzurro (34-37) ma Olasewere, realizzando due liberi, consente alla Virtus di riportarsi sul – 1(36-37 a 2:51”). Ruotano gli uomini per la Benacquista e Stanback centra la retina dai 6.75” per il +4, ridotto a + 3 dal tiro libero messo a segno da Bonfiglio nell’azione successiva (37-40 al 18’). Ancora Stanback per Latina (37-42 a 1:40” dal termine del quarto). Ultimi minuti con ritmi molto elevati (41-45 a 40” dalla fine della frazione) e la Benacquista che, a fil di sirena trova la tripla del capitano per il + 7 con cui si va negli spogliatoi: 41-48.
Al rientro dal riposo lungo Latina, con un bel gioco da tre punti ancora del capitano, si porta nuovamente sulla doppia cifra di vantaggio (41-51 al 21’) Roma reagisce con Callahan, poi una schiacciata di Mosley e una di Benetti (46-53 al 22’). Si alza l’intensità, le due squadre trovano agilmente la via del canestro e al 23’ il tabellone segna 48-57 in favore degli ospiti. Incrementa il divario la Benacquista grazie alle triple messe a segno da Ihedioha e Stanback (48-62 al 25’). Dopo il time out chiamato da coach Caja, Roma reagisce con il canestro di Leonzio, ma Ihedioha risponde prontamente ancora dalla lunga distanza (51-65 al 26’). La Virtus riduce parte del divario con due liberi di Olasewere (53-65 a 3:46”).  Il tecnico fischiato a Mei, manda anche Voskuil in lunetta per il -11 capitolino (54-65 al 27’). Capitan Tavernelli su un lato e ancora Olasewere sull’altro e al 28’ il punteggio è sul 56-67 in favore della Benacquista. Andrea Pastore, chirurgico ai liberi, permette  a Latina di portarsi sul +15 (56-71 al 29’). I padroni di casa sono bravi ad approfittare di alcune imprecisioni nerazzurri e piazzano un break di 5-0, che fa terminare il quarto sul 61-71 in favore degli ospiti.

L’ultimo periodo si apre con l’inerzia ancora in favore della Virtus Roma, che realizza un ulteriore parziale di 4-0 (65-71 al 31’). Coach Gramenzi richiama i suoi in panchina per un immediato time-out. I nerazzurri rientrano sul parquet, ma perdono palla, mentre Roma incrementa ancora il parziale e a 8:24” il punteggio è di sole 4 lunghezze di svantaggio (67-71). La difesa dei romani diventa molto aggressiva, Latina non riesce a trovare la via del canestro, ma anzi perde troppi palloni ingenuamente (69-71 a 7:35”). Ihedioha non realizza i due liberi a disposizione per un fallo subito e Latina, dopo quasi tre minuti di gioco, non riesce ancora a smuovere il proprio punteggio. A 6:28” dal termine della sfida, l’Acea, fissando il break sul 10-0, riesce a trovare anche il canestro della nuova parità (71-71) con la Benacquista ancora a digiuno di punti.

Dopo il nuovo time-out di coach Gramenzi, Pastore realizza la tripla che sblocca il punteggio dei nerazzurri, ma sul fronte opposto è istantanea la replica dei padroni di casa (7-74 a 5:35” dalla sirena finale). Ihedioha recupera un pallone e subisce fallo, parzialmente preciso dalla lunetta consente a Latina di portarsi in lieve vantaggio (74-75 a 5:12”). Nell’azione successiva è ancora il numero 15 nerazzurro, Ihedioha, a trascinare i suoi(74-78 a 4:43”). Timeout Virtus Roma. La Benacquista prova a ad allungare con Mosley (74-80 al 37’) e poi ancora con il capitano (74-82 a 2:51”). I nerazzurri provano a gestire il vantaggio, ma Maresca punisce la difesa latinense, ma la risposta di Veccia, nell’area opposta decreta il 77-84 a 1:52” dalla fine.  Tavernelli realizza due liberi (77-86 a 1:15”) ma Roma risponde con Callhan (79-86 a 1:10”). Saranno queste le ultime due azioni del derby di Natale. Il cronometro scorre, il punteggio rimane invariato e Latina conquista il meritato successo con il risultato finale di 79-86.

Commenta
(Visited 5 times, 1 visits today)

About The Author