Latina cede a Omegna

Dopo un primo quarto scintillante, giocato a ritmi alti, con parziali importanti per entrambe le squadre, laseconda frazione fa registrare un calo delle percentuali al tiro e dei punti messi a referto, con Latina che fatica non poco a tenere testa a una Paffoni che, invece, dimostra rinnovata energia trascinata da Iannuzzi. Il terzo periodo è di marca totalmente piemontese. Omegna riesce, infatti, a portarsi anche sul +20 realizzando delle triple incredibili, mentre la Benacquista è in confusione e non riesce a reagire. L’ultima frazione vede i nerazzurri riportarsi anche sul -12, ma sono bravi i padroni di casa a gestire il vantaggio e a conquistare il successo con il risultato finale di 90-72. Coach Gramenzi al termine della sfida ha dichiarato: «Per noi non è stata ovviamente una buona serata se non nei primi minuti. Facciamo i complimenti a Omegna, che è stata grandissima, sono stati davvero bravi, anche se io guardo alla nostra responsabilità per aver subito cosi tanto l’avversario. Obiettivamente, abbiamo fatto bene fino a oggi, ciò non toglie che una prestazione così non mi soddisfa e non sono contento, l’ho detto anche alla squadra. Rispetto a quello che avevamo pensato, le distrazioni sono state troppe e non possiamo permetterci di lasciare cosi tanto spazio all’avversario, perché altrimenti si finisce col subire tanti canestri, come accaduto oggi».

Il prossimo appuntamento con i nerazzurri è in programma per domenica 29 novembre alle ore 18:00 tra le mura amiche del PalaBianchini, dove la Benacquista Latina riceverà la formazione siciliana della Moncada Agrigento.

I tabellini – PAFFONI OMEGNA vs BENACQUISTA LATINA 90-72 (26-27, 39-35, 70-54, 90-72)

PAFFONI OMEGNA: Moore 12, Zanelli 6, Iannuzzi 22, Vildera 2, Cappelletti 10, Terenzi 3, Galmarini 2, Casella 5, Gurini 16, Smith 12, Banach n.e.. Coach Magro.

BENACQUISTA LATINA: Pagano n.e., Veccia 3, Tavernelli 13, Tagliabue 4, Järveläinen 5, Ihedioha 9, Uglietti 9, Mei 17, Pastore 4, Di Ianni n.e., Piccinini n.e, Manzi n.e., Mosley 8. Coach Gramenzi

Percentuali: Omegna tiri da 2: 48% (24/49) tiri da 3: 47% (10/21) tiri liberi: 80% (12/15) Latina tiri da 2: 47% (17/36) tiri da 3: 33% (9/27) tiri liberi: 52% (11/21)

Spettatori:

Arbitri: Bonfante Luca di Lonigo (VI), Bramante Angelo Valerio di San Martino Buon Albergo (VR) Del Grego Stefano di Verona.

La partita – Parte forte Latina con Uglietti e Mei, che dopo 31” di gioco fissano il punteggio sul 5-0 in proprio favore. Prosegue l’egemonia nerazzurra con Ihedioha e Uglietti (0-9 al 2′). Inizio davvero complicato per Omegna che al 3′ esaurisce il bonus, mentreLatina allunga sull’11-0 grazie a una bella schiacciata di Mosley su assist di Tavernelli. Arriva la reazione dei padroni di casa, che in una manciata di secondo piazzano un break di 5-0 (5-11 al 3′). La Benacquista non si lascia intimidire e al 5′ conduce con 9 lunghezze di vantaggio (7-16). La Paffoni prende le misure ai nerazzurri e riduce il divario (16-21 al 7′). Coach Gramenzi chiama time-out, ma al rientro sul parquet è ancora la formazione di casa ad andare a canestro con Moore che concretizza un gioco da 3 punti che vale il -2 (19-21 a 2:14” dalla sirena). Subito dopo è Iannuzzi, con un altro gioco da 3 punti, a effettuare il primo sorpasso dei suoi (22-21) con un parziale aperto di 10-0. Ruotano gli uomini sulle due panchine, mentre Omegna incrementa il break (24-21 al 9′). Finalmente arriva la reazione pontina con Tagliabue che realizza 4 punti consecutivi per il nuovo vantaggio nerazzurro (24-25 a 40”). Un canestro per parte e il periodo va in archivio sul 26-27 in favore degli ospiti.

In avvio di seconda frazione Omegna si riporta in vantaggio (30-27 al 12′), mentre la Benacquista è sfortunata nelle conclusioni e non riesce a centrare la retina. Latina smuove il punteggio con Pastore, che realizza un tiro libero per il -2 (30-28 al 13′) poi è Mosley a ripristinare la parità (30-30 al 14′) sprecando subito dopo la possibilità del sorpasso, sbagliando due tiri liberi. Si segna pochissimo nel corso del secondo quarto con le percentuali al tiro che si sono abbassate notevolmente rispetto ai primi dieci minuti di gioco (34-30 al 18′). La Benacquista è in difficoltà, mentre Omegna incrementa il proprio vantaggio (37-30 a 1:38”). L’allenatore nerazzurro chiama time-out per scuotere i suoi ragazzi, che però continuano a non trovare agilmente la via del canestro. La tripla di Pastore a 12” dalla sirena, è l’ultimo canestro segnato nella seconda frazione, che si conclude con i padroni di casa in vantaggio di 4 punti: 39-35.

Sono di William Mosley i primi due punti realizzati al rientro dagli spogliatoi, seguiti da una stoppata su Smith e da un ulteriore canestro firmato Uglietti. E’ nuovamente parità (39-39 al 22′). Gurini mette a segno i primi punti del terzo periodo per la Paffoni (41-39 a 7:43”). Iannuzzi incrementa il vantaggio dei locali, ma risponde Mei con la terza tripla della serata (43-42 al 24′). Gurini per Omegna, ma stavolta è Järveläinen a rispondere dai 6,75 (45-45 al 25′). Smith e ancora Iannuzzi, migliore in campo per i padroni di casa, portano la formazione di casa sul +5 (50-45 a 4:17”). Il tecnico pontino chiama time-out e al ritorno in campo Nicola Mei realizza la quarta tripla personale per il -2 (50-48) ma è immediata la risposta del solito Iannuzzi (53-48 a 3:38”) imitato dal compagno di squadra Gurini (56-48 a 2:43”). Capitan Tavernelli concretizza due liberi (56-50 a 2:16”) ma la Paffoni è indiavolata dalla lunga distanza: prima Moore, poi Gurini e Omegna allunga sul +12 a 1:36” dal termine del quarto. Time-out per la Benacquista. Prosegue lo show dai 6,75 per i locali, che con Terenzi fissano il punteggio sul 65-50 a 1:09”. La Benacquista è in confusione, la Paffoni si porta sul +18 (68-50 a 45”). Il terzo periodo termina con i padroni di casa che, dopo essere stati in vantaggio anche di 20 punti, fissano il punteggio sul 70-54 in proprio favore.

Gli ultimi dieci minuti iniziano con la tripla di Ihedioha, ma i padroni di casa reagiscono prontamente con Cappelletti e Casella (75-57 al 32′). Due punti per Veccia (75-59 a 7:40”). Quando mancano 6:32” alla sirena finale, il capitano di Omegna, Gurini, è costretto a tornare in panchina per raggiunto limite di falli, mentre Veccia realizza uno solo dei liberi scaturiti proprio dal fallo di Gurini (75-60). Scorre il cronometro e a 4:26” il punteggio è sul 77-65 con 5 punti consecutivi messi a referto da capitan Tavernelli. Zanelli per la Paffoni, ma Nicola Mei, su assist di Pastore, centra per la quinta volta la retina dall’arco (79-68 a 3:16”). I padroni di casa non stanno a guardare e Cappelletti risponde per le rime (82-68 a 2:54”). Järveläinen conquista il nuovo -12 nerazzurro (82-70) ma Cappelletti, sul fronte opposto, realizza i due liberi dell’84-70 a 1:40” dalla fine del match. Scorrono i minuti con Omegna che incrementa ulteriormente il divario e chiude la sfida superando la Benacquista con il risultato finale di 90-72.

Commenta
(Visited 9 times, 1 visits today)

About The Author