L’Efes batte l’Olympiacos, il Barcellona vince contro il Maccabi

Nella 29° giornata di Eurolega i turchi vincono tra le mura amiche battendo i greci dell’Olympiacos con Heurtel autore di 18 punti. Per gli spagnoli arriva la dodicesima vittoria contro la squadra di Tel Aviv.

 ANADOLU EFES PILSEN – OLYMPIACOS 77-69

Nella gara delle 19.00 la spunta l’Efes che ottiene la vittoria numero diciassette della stagione battendo l’Olympiacos che colleziona la decima sconfitta.

IL PRIMO TEMPO – In avvio parte meglio la squadra ospite che allunga sul 10-2 con Spanoulis, ma i padroni di casa prima impattano sul 15-15 con Thomas, per poi trovare il vantaggio della gara grazie ad un canestro da due di Heurtel. L’inerzia della gara si sposta verso i turchi che ne approfittano per chiudere la prima frazione sul + 7 con un ispirato Heurtel. Nel secondo quarto la squadra di Istanbul mette la quarta e scappa sul 30-17 con Duston, provando a dare subito la mazzata decisiva. I greci però riescono a non subire il colpo del K.O e tornano sotto di quattro lunghezze con la tripla di Spanoulis. Al intervallo lungo si va negli spogliatoi sul punteggio di 43-36 in favore degli uomini di Perasovic, dopo la conclusione dalla lunga distanza di Granger.

IL SECONDO TEMPO – Ad inizio terzo periodo l’Olympiacos torna sul meno tre provando a rientrare in partita con un parziale di 5-0 firmato Printezis, ma l’Efes ritorna a giocare con la giusta concentrazione a scappa sul +10 con Osman. La squadra greca prova a riavvicinarsi ma al 30’ i turchi sono avanti di otto lunghezze. Nel quarto finale la squadra di Atene arriva anche ad un possesso di distanza con la bomba di Papapetrou, ma non basta perché l’Efes riesce a non subire cali mentali, e rimane sempre avanti. Il punto esclamativo lo mette l’ex Varese Dunston che vale il +10. Il finale è 77-69. Ai greci non bastano i 16 di Printezis per evitare la sconfitta.

Parziali (22-15,43-36, 58-50)

BARCELLONA – MACCABI TEL AVIV 76-71

Nella gara delle deluse di questa Eurolega, vincono i padroni di casa con un Tomic da 15 punti. Agli ospiti non bastano i 18 di Mekel per evitare la diciannovesima sconfitta.

IL PRIMO TEMPO – Nel primo periodo i catalani partono con la giusta grinte e piazzano un parziale di 10-0. Il Maccabi fatica a trovare la via del canestro e il Barça sfrutta il vantaggio per allungare ulteriormente sul 23-11 con la tripla di Renfroe. Nella prima parte della seconda frazione gli spagnoli controllano il ritmo e il vantaggio della gara senza patemi, ma sul finire del quarto arriva la reazione degli ospiti che con un 9-0 di parziale riducono il gap sul meno uno con Levi, che punisce dai 6,75. Gli uomini di Bartzokas però vanno negli spogliato sul 40-32 con la tripla di Vezenkov.

IL SECONDO TEMPO – Nella terzo quarto i padroni di casa rimangono sempre avanti, senza però mai allungare in maniere importante e decisiva, la squadra di Tel Aviv infatti ne approfitta per chiudere a 10’ dal termine sotto di quattro con un altro tiro da tre punti di Landesberg, provando a riaprire i giochi. Ad inizio quarto periodo il Barcellona riallunga sulla doppia cifra di vantaggio con Vezenkov provando a scappare in modo definitivo, ma non basta perché gli ospiti con il 2/2 di Mekel a cronometro fermo tornano sotto di una lunghezza, non basta però perché prima Oleson e poi Koponen sono molto freddi e fanno 4/4 dalla lunetta. Il finale è 76-71.

Parziali (23-13,40-32,58-54)

Commenta
(Visited 22 times, 1 visits today)

About The Author

Lorenzo Lubrano Nato il 22-08-1996 a Legnano (Mi), ho conseguito il diploma di liceo linguistico, frequento il primo anno di Linguaggi Dei Media (Università Cattolica Milano), ho giocato a basket per 8 anni, collaboro con la web radio milanese RadioBlaBla dove conduco una trasmissione dedicata al basket.