Legnano Basket Knights-Tezenis Verona 66-72: scaligeri ancora corsari al PalaBorsani

Dopo 48 ore dall’ultima sirena di Gara1, sono di nuovo in campo Legnano e Verona per il secondo capitolo della serie.
Formazioni senza defezioni (Martini a parte), e stessi quintetti di partenza con Poletti, Amato, Udom, Greene e Jones per Verona; Zanelli, Tomasini, Raivio, Pullazi e Mosley per Legnano.

Gara2 inizia con i primi attacchi a vuoto, fino alla tripla di Greene e la schiacciata volante di Mosley ad animare il PalaBorsani.
Greene ne mette un’altra da lontano, Tomasini va di rovesciata su rimbalzo offensivo e Udom con la schiacciata per una gara che corre veloce come nella sua prima edizione della serie.
Zanelli crea scompiglio in area veronese, ma Jones schiaccia in campo aperto e Verona rimane avanti sul 6-10, fino alla seconda schiacciata volante di Mosley.
Mosley schiaccia per la terza volta in fila con assist di Zanelli, poi Udom appoggia da sotto e Verona mantiene un possesso pieno di vantaggio sul 10-13.
Mosley è decisamente presente e cercato dai compagni, così da guadagnare due liberi che portano la FCL al minimo svantaggio.
Ci pensa Jones a respingere le velleità legnanesi con la tripla centrale, e Amato con l’entrata al ferro del 12-18 che costringe Ferrari a chiamare il primo timeout della gara.
Al rientro in campo il possesso veronese viene trasformato in due punti da Udom, ma un gioco da tre punti di Raivio tiene i Knights attaccati alla gara sul 15-20.
Il quarto si chiude poi sul 15-22 con i liberi di Ikangi.

La seconda frazione si apre con la tripla di Jones e il libero di Mosley, la zingarata di Amato e il tiro da lontano di Zanelli per un tabellone che segna il 18-27 con 7’30” all’intervallo.
Mosley schiaccia ancora e fa esplodere il PalaBorsani, ma la tripla di Amato da per la prima volta un vantaggio in doppia cifra alla Tezenis sul 20-30.
Il libero di Toscano e il contropiede di Maiocco fanno prendere fiato ai Knights e, dopo il timeout veronese, Amato risponde con la tripla del 23-33.
Toscano va a segno ancora con i liberi, cosi come Amato, tuttavia con la tripla di Toscano, i Knights tengono ancora la scia gialloblu.
Pullazi infila i liberi del 30-35, Poletti quelli del 30-37 e il primo tempo si chiude sul 32-40 con il canestro di Tomasini in fade-away e la tripla di Totè.

Al rientro dalla pausa lunga, Greene segna da due, Tomasini da sotto, ma sull’ennesima tripla di Greene Verona tocca il +11.
Tomasini in palleggio arresto e tiro fissa il 36-45, Mosley continua il suo show aereo con due super schiacciate per il 40-45.
Però quando la FCL arriva sul più bello, Amato blocca il break legnanese con la tripla; successivamente, Pullazi segna da due e per la prima volta nella serie, Verona inizia a pasticciare in attacco non trovando la sua solita fluidità.
Zanelli punisce con la tripla dall’angolo per il 45-48, e poi con la penetrazione del -1, riaprendo del tutto una partita che sembra andare sui binari della prima gara.
Udom spezza il digiuno veronese, e con la tripla di Greene in transizione, Legnano da un calcio al secchio di latte riempito a fatica.
Dopo l’inevitabile timeout legnanese, gli ultimi possessi non portano punti a nessuno e il terzo parziale si chiude sul 47-53

Legnano riparte con Toscano, e l’appoggio da sotto di Maiocco del 51-53, ma Jones con il libero, Totè con la tripla, Greene da centro area e Jones con la schiacciata in contropiede, rimandano Verona sul +10 del 51-61.
Ferrari prova a invertire la rotta con il timeout a 5’23” dalla fine, ma il solco sembra piuttosto tracciato. Al rientro, Zanelli infila due liberi, Toscano vola in contropiede, Zanelli ne mette altri tre dalla linea della carità e l’elastico si riaccorcia sul 58-61.
Raivio segna da vicino il 60-62, ma i liberi in successione di Jones allontanano i Knights sul 60-66.
Mosley segna un tiro contestato da sotto, Toscano i liberi del 64-66, ma: “History repeating” e il semigancio di Jones da ancora a Verona il +4 che, con poco meno di un minuto alla fine, sembra una buona ipoteca sul finale.
Raivio infila il jumper del 66-68 e la tattica del fallo sistematico è d’obbligo per gli ultimi istanti di gara.
Greene fa 2/2, Legnano sbaglia il possesso successivo e sui liberi di Ikangi la gara si chiude sul 66-72

Legnano perde anche Gara2, dimostrando di poterla giocare sempre fino in fondo, ma peccando nei momenti clou, dove un possesso positivo avrebbe potuto ribaltare l’inerzia della gara e dare un punto nella serie ai Knights.
Gara3 a Verona è in programma sabato sera alle 20.45, per una Legnano che avrà l’ultima occasione per allungare la serie.

FCL CONTRACT LEGNANO – TEZENIS VERONA 66-72 (15-22, 17-18, 15-13, 19-19)
FCL Contract Legnano: William Ralph Jr. Mosley 17 (7/12, 0/0), Alessandro Zanelli 14 (3/5, 1/8), Daniele Toscano 12 (2/5, 1/3), Simone Tomasini 8 (4/8, 0/6), Nikolas Thomas Raivio 7 (3/6, 0/3), Rei Pullazi 4 (1/2, 0/5), Federico Maiocco 4 (2/3, 0/2), Luca Gazineo 0 (0/0, 0/0), Francesco Biraghi 0 (0/0, 0/0), Edoardo Roveda 0 (0/0, 0/0), Paolo Tosi 0 (0/0, 0/0), Gabriele Berra 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 16 / 18 – Rimbalzi: 42 18 + 24 (William Ralph Jr. Mosley 16) – Assist: 9 (Alessandro Zanelli 4)

Tezenis Verona: Phillip Edward Greene IV 18 (2/3, 4/9), Jamal Jones 17 (3/4, 2/5), Andrea Amato 15 (2/3, 3/6), Mattia Udom 10 (4/5, 0/4), Leonardo Tote 6 (0/3, 2/2), Iris Ikangi 4 (0/0, 0/1), Mitchell Poletti 2 (0/2, 0/1), Matteo Palermo 0 (0/1, 0/2), Curtis Nwohuocha 0 (0/0, 0/0), Francesco Oboe 0 (0/0, 0/0), Davide Guglielmi 0 (0/0, 0/0), Omar Dieng 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 17 / 22 – Rimbalzi: 25 3 + 22 (Phillip Edward Greene IV, Iris Ikangi 5) – Assist: 15 (Andrea Amato 5)

Comunicato e foto a cura di Ufficio Stampa Legnano Basket Knights.

Commenta
(Visited 79 times, 1 visits today)

About The Author