Legnano Basket, vittoria difficile ma meritata contro Recanati

Anticipo della sesta giornata di campionato che vede i Knights tornare al PalaEuro Immobiliare dopo due turni esterni, in una gara difficile e con una diretta avversaria, almeno per quello che dice la classifica ora, per la salvezza.
Per Legnano potrebbe pesare l’assenza di Martini (fermo tutta la settimana per un problema al tendine d’Achille), in panchina, ma inutilizzabile.

La gara inizia con una gran giocata collettiva che porta Pacher ai primi due punti, ribaditi dallo stesso Pacher (23 punti, 12 rimbalzi) con il gancio in avvicinamento
E’ di Sollazzo, invece, il canestro di apertura per Recanati, così come il canestro del primo vantaggio sul 6-7.
Lawson (9 punti, 11 rimbalzi) inchioda la schiacciata, ma Pacher infila la tripla del 11-9 per i Knights; la gara si presenta subito molto veloce e le squadra giocano a viso aperto; Frassineti e Raivio provano a far scappare i Knights e sul 17-9, con il parziale ancora aperto, Zanchi chiama timeout.
Raivio trova la tripla del nuovo allungo, ma Lauwers, restituisce per il 22-16 che rimane sul tabellone qualche minuto, fino alla prima sirena, quando il punteggio è sul 24-17, con uno scatenato Pacher, già a 11 punti dopo il primo quarto.

Il secondo periodo inizia esattamente come la fine del precedente, con Pacher a segno per i Knights e il collettivo al lavoro per Recanati.
I canestri di Maspero e Lawson riportano Recanati al -5 e portano Mattia Ferrari al secondo timeout della gara.
Il ritorno in campo dopo la sospensione, non muta il trend, sempre a favore degli ospiti, che vanno ancora a segno dalla lunetta con Lauwers (7 punti, 5 assist) per il 30-37 a metà del secondo quarto.
Recanati pressa a tutto campo, ma Legnano subisce più le proprie imprecisioni rispetto alla pressione leopardiana, tanto da non avere più la fluidità del primo quarto e non arrivando spesso a buoni tiri.
Maiocco (7 punti, 3 rimbalzi, 4 assist) segna la tripla che da coraggio ai Knights, ma il +4 lascia ancora la gara decisamente aperta.
Alla fine del quarto, Traini (11 punti, 4 recuperi) infila il jumper che Palermo annulla con i liberi, per il 46-38 della metà partita

Pacher continua nella sua straordinaria partita, firmando i liberi e l’appoggio del massimo vantaggio dei Knights sul 50-40, quando mancano ancora 7’22’’ da giocare nel quarto.
Sollazzo (23 punti, 8 rimbalzi) rimane il più pericoloso dei marchigiani, ma Legnano trova sempre in Pacher, affidabilità e percentuale.
Il vantaggio della Europromotion oscilla tra gli 8 e i 6 punti, con la qualità del gioco che va sempre ad intermittenza.
Maiocco mette un’altra tripla di alto peso specifico per il 62-55, ma anche Maspero trova il fondo del secchiello per il canestro che, insieme a quello di Sollazzo, chiude il terzo periodo sul 63-59

Il bell’assist di Palermo per la schiacciata di Pacher apre l’ultima frazione, poi Maspero segna da sotto e dopo l’ennesimo riavvicinamento di Recanati, Palermo (13 punti, 6 rimbalzi, 5 assist) spara la tripla del nuovo +4.
Sollazzo si svita per il -2 e poi Maspero (9 punti, 4 rimbalzi) segna la tripla del +1 ospite, che gela il sangue dei tifoso biancorossi.
La freddezza però può essere anche positiva… Come quella di Frassineti, che mette a segno un personalissimo 5-0 e che trascina i Knights sul 73-69, sufficiente per far chiamare minuto a Zanchi, quando mancano solo 5’24” alla fine della gara.
Al rientro è Maiocco ad infilare il canestro dall’angolo per il +6, mentre Frassineti (28 punti, 5 rimbalzi, 6 assist) assisteggia con il no-look la schiacciata di Pacher per il +5, dopo un canestro ospite.
In un momento di difficoltà, Maiocco inchioda una stoppata che galvanizza i Knights, fino ai liberi di Frassineti per il 81-74, a circa 2’30” dalla fine.
E’ ancora Frassineti a segnare da sotto, imbeccato sul back-door da Maiocco e, con la gara che volge alla fine, Legnano sembra avere il piglio migliore, aiutata dal +7 che a 55” dalla fine vale il 83-76.
I punti della staffa, sono di Raivio (12 punti, 10 rimbalzi, 4 assist) che su rimbalzo offensivo segna il +9 e di fatto chiude la gara, difficile, combattuta, ma vinta con merito.

Dopo sei gare con un record al 50% di vittorie, si può dire che sicuramente la linearità di Frassineti e dei due USA legnanesi, è il punto di partenza di Legnano che, rispetto alla scorsa stagione, ha molto più facilità in attacco rispetto alla difesa, dove lo scorso anno costruì la salvezza.
Questa non è necessariamente una cattiva notizia, anzi, la grande qualità degli attaccanti legnanesi diverte il pubblico e anche i giocatori in campo, che però non possono mai perdere la concentrazione sul piano partita che, quando eseguito bene, ha sempre portato alla vittoria.
Calendario fitto per la Europromotion che, giovedì sarà in trasferta a Roseto, mentre domenica sarà di nuovo in casa contro Ravenna, in due gare che potranno dire molto sulle aspettative dei Knights sul campionato.
Europromotion Legnano – Basket Recanati 85-76 (24-17, 22-21, 17-21, 22-17)

Europromotion Legnano: Alberto Navarini, Giovanni Allodi 2 (1/2, 0/1), Federico Maiocco 7 (2/6, 1/3), Matteo Frassineti 28 (5/9, 4/7), Matteo Palermo 13 (2/3, 2/7), Michael Sacchettini, Andrew Joseph Pacher 23 (9/14, 1/3), Nicholas Thomas Raivio 12 (3/7, 2/4) N.E.: Alessandro Guidi, Matteo Martini, Edoardo Tognati, Luca Battilana
Tiri Liberi: 11/12 – Rimbalzi: 42 32+10 (Andrew Joseph Pacher 12) – Assist: 19 (Matteo Frassineti 6)

Basket Recanati: Attilio Pierini 7 (2/5, 1/3), Dimitri Lauwers 7 (1/1, 1/3), Andrea Traini 11 (1/4, 3/6), Alessandro Procacci 8 (2/4, 1/2), Daniele Bonessio 2 (1/2, 0/1), Giacomo Maspero 9 (3/4, 1/5), Kenny Lawson 9 (3/11, 0/1), Adam Sollazzo 23 (9/13, 1/4) N.E.: Salvatore Forte, Obinna Raphael Nwokoye
Tiri Liberi: 8/12 – Rimbalzi: 33 25+8 (Kenny Lawson 11) – Assist: 13 (Dimitri Lauwers 5)

Commenta
(Visited 10 times, 1 visits today)

About The Author