Legnano ci prova, ma cede alla distanza contro Bologna

Prima diretta Sky casalinga nella storia del Legnano Basket che, davanti al tutto esaurito (1800 posti), gioca contro la Fortitudo Bologna una gara difficile, per uscire dal tunnel di otto sconfitte consecutive.

Quintetti a sorpresa con i Knights a vestire la maglia speciale “Sunday White” realizzata per l’occasione e con Laudoni in quintetto, mentre per Bologna Flowers torna nei primi cinque, dopo qualche partita iniziata dalla panchina, per scelte, ma anche per qualche guaio fisico.
Il primo canestro è di Candi per Bologna, ma la risposta di Pacher, non in perfette condizioni per via di una caviglia malconcia, non tarda ad arrivare.
Bologna scappa in contropiede in un paio di occasioni e la schiacciata di Daniels (16 punti, 14 rimbalzi) segna il 4-10 dopo meno di 4’ di gioco.
La gara è piuttosto fisica e il fallo antisportivo (generoso) fischiato a Pacher, manda in lunetta Montano (12 punti, 3 rimbalzi) per il 6-12, perfezionato in 6-14, ancora da Daniels.
L’assist di Laudoni mette in moto Raivio (11 punti, 2 rimbalzi, 2 assist), anche se Bologna vede una vasca da bagno e ogni tiro, anche se difficile, è un canestro.
Pacher (12 punti, 9 rimbalzi) mette a segno un gioco da 3 punti, mentre le panchine iniziano svuotarsi con i primi cambi; la profondità della Fortitudo, sarà poi uno delle chiavi della gara.
Negli ultimi minuti del quarto, Legnano alza la difesa e Bologna perde qualche pallone che permette ai Knights, con i canestri di Martini, di ritornare sul 19-26 e poi, con i liberi di Raivio, sul 21-26.
I liberi di Italiano (8 punti, 3 rimbalzi) e quelli di Martini (10 punti) chiudono alla fine il quarto sul 23-30

Dall’inizio del secondo quarto, la gara viaggia sui binari dell’equilibrio con Daniels che rimane un fattore per Bologna, mentre Fattori (8 punti, 6 rimbalzi, 2 recuperi) segna i primi 4 punti in maglia Knights.
Bologna gioca sfruttando centimetri e tonnellaggio, anche se il canestro di Pacher, tende a riavvicinare i Knights sul 34-38.
Raucci (7 punti, 2 rimbalzi) infila la tripla del 34-41, e Ferrari vuole parlarci un po’ sopra, visto i Knights sprecano un paio di palloni invitanti per provare a riagganciare definitivamente la gara.
Raivio mette la tripla del 37-44, con Daniels che chiude il quarto con il libero che fissa il 37-45 del primo tempo.

Bella sfilata all’intervallo per le contrade del Palio di Legnano e secondo tempo che inizia come era finito il primo, cioè con una serie di falli che spezzetta da subito il gioco e non fa prendere il ritmo della gara alle due squadre, oltre che ad innervosirle.
La schiacciata in tap-in di Pacher da vigore ai Knights, anche se una stoppata non regolare di Laudoni (2 punti, 3 rimbalzi), convalida il canestro di Bologna che rimane avanti sul 39-47.
La bomba di Flowers (14 punti, 3 rimbalzi, 4 assist) e la persa dei Knights, danno la logica conseguenza di un timeout da cui Legnano e Bologna escono con il libero di Candi, e un canestro pazzesco da tre di Palermo allo scadere dei 24.
Italiano lucra un fallo antisportivo di Raivio, ma fa 0/2, e poi Montano commette infrazioni di passi per una partita sempre più nervosa in cui l’agonismo sostituisce la tecnica.
Palermo (15 punti, 2 rimbalzi), infila un altro canestro impossibile, poi Maiocco (7 punti, 7 rimbalzi) corregge da vicino un tiro di Martini e Legnano arriva al 47-54 a 3’44” dalla fine del terzo quarto, quando Boniciolli chiama timeout per spezzare l’inerzia legnanese.
Carraretto mette la tripla e Navarini il libero, poco prima del bel canestro di Fattori in svitamento per il 50-59, punteggio che viene modificato di due unità per parte prima del 52-61 del 30’

Nei primi possessi del quarto periodo, la Fortitudo, segna con facilità da sotto e dopo l’appoggio di Daniels del 52-65, la gara sembra abbastanza scontata, anche se mancano ancora 8’21” da giocare.
Il linguaggio del corpo dei Knights è abbastanza sfiduciato, anche se in campo i biancorossi non mollano nemmeno per un possesso. Semplicemente troppo lunga e troppo forte questa Fortitudo che, trova ad ogni possesso un protagonista diverso per fare canestro o un’azione positiva per i propri colori.
Il proseguo del quarto ha poco da dire dal punto di vista tecnico, con gli arbitri che non perdono occasione per fischiare dei falli e allungare una partita già chiusa.

Sempre alto l’impegno della Europromotion che esce a testa alta dal campo, ma ancora in mano un pugno di mosche. Se le prime cinque dell’andata furono quasi una sorpresa, le cinque del ritorno confermano le paure dell’inizio del campionato, con le sfide a squadre più attrezzate e con un roster da serie superiore.
Da domenica inizia un nuovo campionato per i Knights. Solo 10 partite, per provare a conquistare una salvezza senza playout che varrebbe come uno scudetto per Legnano.

 
 
 
Europromotion Legnano – Eternedile Bologna 67-76 (23-30, 14-15, 15-16, 15-15)

Europromotion Legnano: Alberto Navarini 2), Federico Maiocco 7 (2/3, 1/6), Matteo Palermo 15 (4/5, 2/6), Matteo Martini 10 (0/4, 3/4), Giovanni Fattori 8 (4/5, 0/4), Michael Sacchettini, Andrew Joseph Pacher 12 (5/8, 0/3), Nikolas Thomas Raivio 11 (2/5, 1/5), Stefano Laudoni 2 (1/2, 0/1) N.E.: Alessandro Guidi, Edoardo Tognati, Luca Battilana
Tiri Liberi: 10/14 – Rimbalzi: 32 22+10 (Andrew Joseph Pacher 9) – Assist: 8 (Nikolas Thomas Raivio 2) – Cinque Falli: Matteo Martini

Eternedile Bologna: Edward Lee Daniel 16 (3/9, 1/1), Francesco Quaglia, Leonardo Candi 4 (1/4 da tre), Luca Maria Campogrande, Matteo Montano 12 (3/5, 1/2), Gennaro Sorrentino 4 (2/4, 0/1), Davide Raucci 7 (2/3, 1/2), Marco Carraretto 3 (0/1, 1/4), Valerio Amoroso 8 (2/6, 1/4), Jermaine Jonte Flowers 14 (3/3, 2/5), Nazzareno Italiano 8 (1/2 da tre) N.E.: Andrea Rovatti
Tiri Liberi: 19/27 – Rimbalzi: 42 29+13 (Edward Lee Daniel 14) – Assist: 18 (Edward Lee Daniel, Jermaine Jonte Flowers 4) – Cinque Falli: Davide Raucci

Massimiliano Giudici
Commenta
(Visited 24 times, 1 visits today)

About The Author