Legnano Knights sconfitta all'ultimo secondo

Ultima gara per il 2015 dei Knights che affrontano in casa, Trieste, storica società italiana, tra le prime a praticare la pallacanestro in Italia.
Legnano parte priva (e lo sarà per circa per circa un mese) di Pacher, a causa di una brutta contusione subita a Imola e sostituito in quintetto da capitan Maiocco.
Lui stesso però non è nelle migliori condizioni dopo una settimana di influenza e, da ultimo, si aggiunge anche un fastidioso torcicollo per Palermo.

L’apertura, però, è proprio per Maiocco (8 punti, 6 rimbalzi, 6 assist) con la tripla al primo possesso, quasi pareggiata dall’appoggio di Parks.
I Knights lottano ma all’inizio non sono troppo precisi e Trieste prende qualche punto di vantaggio, grazie all’atletismo di Zahariev e a quello di Parks (24 punti, 11 rimbalzi), fino anche al +7, massimo vantaggio della gara per gli ospiti.
Dopo 7’ il motore della Europromotion inizia a carburare e la doppia tripla di Maiocco e Palermo (15 punti, 4 rimbalzi, 2 assist), lanciano Legnano sul 23-20, motivo del timeout di Dalmasson.
Al rientro Pecile mette la tripla del sorpasso per il 23-25, ma Sacchettini infila il libero che riporta Legnano al minimo svantaggio.
L’ultimo canestro è la tripla di Caronica che fissa il punteggio sul 24-28 dopo 10’ di gioco.

La riapertura è una bella palla recuperata di Navarini che Raivio trasforma nella tripla del -1, come conclusione di una bella azione corale biancorossa.
Sacchettini si guadagna e segna i liberi del +1 e poi il gancio del +3, con una ottima spinta di energia e sostanza sotto canestro.
Trieste reagisce con il gioco da tre punti di Coronica per il nuovo vantaggio ospite sul 31-33, dando spunto a Dalmasson per alzare la difesa a tutto campo, ma sempre a uomo.
Frassineti segna la tripla, poi Palermo i liberi, ma Pecile e Parks, riportano Trieste al +1 sul 37-38 a 4’ dalla fine del secondo periodo per una gara in costante equilibrio.
Palermo segna ancora dalla lunetta con i Knights che lottano su ogni pallone, e trovano un acrobatico canestro da Martini per il 41-38.
La gara è divertente e accesa e, mentre il pubblico alza il suo volume, Raivio la scalda con la tripla del 44-40 e Prandin con l’assist per Parks del 44-42.
Frassineti segna i liberi del +4 dopo il canestro di Prandin (8 punti, 5 assist), ma la gara non vuole avere un padrone definito e a metà tempo il punteggio è sul 48-47

Bello spettacolo di metà tempo per la B-Crew di Rachele Tarantino del B.Fit e poi tutti di nuovo in campo.

Sacchettini e Palermo aprono la ripresa per i Knights, ma la risposta di Parks e Pecile non fa allontanare nel punteggio nessuna delle sue squadre.
Legnano prova di nuovo a scappare con il +5 di Frassineti (12 punti, 2 recuperi), ma Parks e Landi fanno 0-7, il che costringe Ferrari al timeout e riporta in discussione il match.
Al rientro Legnano trova il pareggio, ma anche un brutto infortunio al ginocchio per Frassineti (che esce a braccia dal campo) e il quarto fallo di Palermo che complica la gara, ma forse anche la stagione di Legnano.
Martini (13 punti) segna in rovesciata, poi in schiacciata sull’assist di Raivio, ma Trieste non molla e con Pecile si porta sul 62-65, per poi chiudere 63-68.

Trieste va subito a segno in tap-in, tuttavia la tripla di Martini da un po’ di ossigeno ai Knights per il 66-70, nel momento tecnicamente ed emotivamente più difficile della gara.
Sacchettini è ben imbeccato sotto canestro da Maiocco per il -2 e Dalmasson ne ha viste troppe per non chiamare la sospensione.
Al rientro, Martini fissa il pareggio sul 70-70 dalla lunetta, ma Zahariev arriva al capolinea.
Un Sacchettini (17 punti, 6 rimbalzi) estremamente positivo, segna il nuovo pareggio, poi Raivio appoggia il +2 in un clima da bolgia dantesca.
Raivio arriva ancora fino in fondo per il +4, ma l’inchiodata di Zahariev (13 punti, 4 rimbalzi, 4 assist) e il suo successivo contropiede, valgono ancora il pareggio sul 76-76, con Ferrari che corre a chiamare timeout, dopo che la gara sembrava aver preso una buona piega.
Alla ripresa Raivio (19 punti, 9 punti, 7 assist, 3 recuperi) infila la bomba, e poi i liberi che permettono a Legnano di riallungare dopo il centro di Zahariev.
Parks segna due facili su un cambio difensivo che lo porta contro Navarini, ma i liberi di Martini tengono Legnano a +2, che diventa +4 con i liberi di Raivio quando manca 1’50” da giocare.
Legnano inizia ad intravedere lo striscione del traguardo, ma Parks mette la tripla (non la sua prima della gara), poi Pecile (18 punti, 3 assist) un fade-away di pazzesca difficoltà per il 84-85.
A pochi secondi dalla fine, viene fischiato un fallo su Maiocco che in lunetta fa 1/2 per il pareggio a 85.
Trieste sbaglia il tiro del possibile vantaggio, ma sulla transizione, Legnano perde palla e la rubata di Coronica (8 punti, 5 rimbalzi), si trasforma in un contropiede allo scadere che vale la vittoria per i friulani.

Troppo semplicistico ridurre la gara all’ultimo, seppur determinante episodio, più complesso spiegare una sconfitta in una partita giocata per 40′ con grande agonismo, ma senza aver avuto mai la forza di chiuderla definitivamente.
Certo le assenze, in partenza e in corsa, non hanno certo aiutato i Knights che sono alla terza sconfitta consecutiva, dopo una striscia di 3 vittorie. A guardar la classifica non poi così male, ma dopo il filotto coronato dalla vittoria con Treviso, forse le aspettative erano un po’ cambiate.
La prossima gara, la prima del 2016, sarà anche ultima del girone d’andata, a Treviglio, contro una squadra in netta ascesa nell’ultimo periodo.

Europromotion Legnano – Pallacanestro Trieste 2004 85-87 (24-28, 24-19, 15-21, 22-19)

Europromotion Legnano: Alberto Navarini, Giovanni Allodi 1 (0/2 da due), Federico Maiocco 8 (1/4, 1/5), Matteo Frassineti 12 (1/6, 2/4), Matteo Palermo 15 (2/2, 2/4), Matteo Martini 13 (3/3, 1/4), Michael Sacchettini 17 (7/9 da due), Nicholas Thomas Raivio 19 (3/6, 3/4) N.E.: Andreas Rinke, Luca Battilana
Tiri Liberi: 24/30 – Rimbalzi: 33 23+10 (Nicholas Thomas Raivio 9) – Assist: 17 (Nicholas Thomas Raivio 7)

Pallacanestro Trieste 2004: Jordan Parks 24 (8/13, 2/4), Stefano Bossi 3 (1/1, 0/1), Andrea Coronica 8 (2/4, 1/2), Andrea Pecile 18 (5/6, 2/3), Lorenzo Baldasso, Aristide Landi 9 (4/6, 0/2), Roberto Prandin 8 (4/4, 0/2), Vincenzo Pipitone 2), Matteo Canavesi 2 (1/3 da due), Hristo Zahariev 13 (5/10, 1/2)
Tiri Liberi: 9/13 – Rimbalzi: 29 20+9 (Jordan Parks 11) – Assist: 15 (Roberto Prandin 5)

Commenta
(Visited 13 times, 1 visits today)

About The Author