Legnano sfata il tabù derby e batte Treviglio

Dopo le vittorie contro Latina ed Agropoli ed avere blindato un posto nei prossimi playoff, i Legnano Basket Knights ospitano la Remer Treviglio per una delle partite più sentite della stagione. I biancorossi, ancora senza Frassineti e Navarini, si affidano al giovane Roveda in cabina di regia. Tutti disponibili gli ospiti, reduci dalla sconfitta contro Roma di una settimana fa.

Ad aprire le marcature alla TWS Arena è il canestro di Raivio, dopo la stoppata di Mosley che cancella il tentativo di layup di Sollazzo. Roveda prova a penetrare nel pitturato della Remer ma la difesa ospite si chiude bene e il tentativo del giovane playmaker viene respinto con perdite.
La replica di Treviglio è affidata alla bomba di Cesana che sigla i primi punti della partita per la formazione ospite. Entrambi gli attacchi faticano ad entrare in ritmo ma la Remer approfitta di un paio di palle perse di troppo dei Knights per colpire in contropiede con Sollazzo.
Per i Cavalieri segna il solo Raivio che mette a referto tutti i primi 9 punti di Legnano in un primo quarto a basso punteggio.
Anche Martini si iscrive alla partita con la bomba che riporta Legnano sul -1 (12-13) e, con i 4 punti in fila di Sacchettini, la prima frazione si chiude sul 16-14 per i padroni di casa.

Nwohuocha sblocca subito gli ospiti ad inizio secondo quarto e poi tocca ancora a Sollazzo punire un pigro rientro difensivo con la bomba del sorpasso.
L’attacco dei Knights è in rottura prolungata ed il parziale di 0-9 chiuso dal canestro di Pecchia costringe coach Mattia Ferrari a chiamare timeout. A fermare l’emorragia per i padroni di casa è ancora una volta Sacchettini che, prima segna i primi punti del quarto, e poi stoppa un tentativo di layup.
Raivio è il primo giocatore ad andare in doppia cifra e i suoi 5 punti in fila riportano i padroni di casa sul -3 (25-28). E’ la tripla di Palermo a fare pari e patta a quota 28 ma dall’altra parte Rossi approfitta di una transizione sbagliata per ridare subito il vantaggio ai suoi.
Il tap-in di Ihedioha illude i padroni di casa ma le due squadre vanno all’intervallo lungo sul 31-32 con il canestro di Sollazzo.

Legnano entra sul parquet con un’altra faccia e i 4 punti in fila di Ihedioha aprono subito le danze. Sorokas, tutto solo, fa di nuovo pari a quota 34, con un equilibrio sul parquet che non accenna a spezzarsi.
Nonostante il punteggio non decolli, ora Legnano gioca con la testa più libera e con maggiore determinazione e l’antisportivo fischiato a Rossi consente ai padroni di casa di tentare la fuga sul 43-37.
Sei punti in fila di Rossi, che deve farsi perdonare il fischio precedente, riavvicinano la Remer che poi rimette la freccia con la bomba di un Marino fin qui troppo silente. Tra le fila di Legnano sale in cattedra Matteo Palermo che chiude la terza frazione sul 50-46.

E’ un’altra bomba di Ihedioha ad incendiare la retina della TWS Arena ed a permettere ai Knights di dare un’altra spallata al match. Il gioco da tre punti di Mosley a fare letteralmente esplodere il pubblico di casa e consegna nelle mani dei Cavalieri il primo vantaggio in doppia cifra di serata (56-46).
Il tap-in ad altezze siderali dello statunitense numero 42 sembra poter far saltare il banco ma Treviglio è brava a rispondere con le triple di Marini e di un infuocato Genovese.
Gli ospiti perdono Marino per un problema al ginocchio ma, ancora una volta Genovese, firma il nuovo inatteso -4 (64-60) a 4 minuti dalla fine.
L’attacco dei Knights è in difficoltà e Marini regala il nuovo cambio di leadership a coronamento di un parziale di 0-13. Che dura però il tempo di un’azione visto che Martini riporta avanti i suoi.
Dopo l’1/2 di Palermo, il rimbalzo offensivo di Mosley, con tap-in vincente, mette due possessi di vantaggio tra le due squadre a 10 secondi dal termine e, sulla seguente palla persa di Treviglio, calano i titoli di coda. Alla TWS Arena finisce 72-67 per i Knights.

I Legnano Knights sono bravi ad aggiudicarsi la vittoria al termine di un match intenso, tirato, equilibrato e deciso solo nei possessi finali. Tra le fila della TWS spiccano le prove di Raivio, autore di 22 punti, di Martini, Palermo (che cattura anche 9 rimbalzi), ma anche quella dell’ottimo Sacchettini, utilissimo nel fare rifiatare Mosley, risultato decisivo nel finale con il rimbalzo offensivo più importante della partita.

TWS LEGNANO – REMER TREVIGLIO 72-67 (16-14, 15-18, 19-14, 22-21)
TWS Legnano: Nikolas Thomas Raivio 22 (5/8, 3/6), Matteo Palermo 13 (3/6, 2/8), Matteo Martini 11 (4/9, 1/5), Michael Sacchettini 10 (4/4, 0/1), Francesco Ihedioha 8 (2/6, 1/5), William Ralph Jr. Mosley 8 (3/3, 0/0), Edoardo Roveda 0 (0/1, 0/0), Federico Maiocco 0 (0/1, 0/3), Gabriele Berra 0 (0/1, 0/1), Filippo Secco 0 (0/0, 0/0), Luca Battilana 0 (0/0, 0/0), Edoardo Tognati 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 9 / 17 – Rimbalzi: 39 12 + 27 (Matteo Palermo 9) – Assist: 13 (Federico Maiocco 6)

Remer Treviglio: Salvatore Genovese 14 (1/1, 4/9), Emanuele Rossi 11 (5/6, 0/0), Adam Sollazzo 8 (2/5, 1/3), Tommaso Marino 8 (1/2, 2/5), Pierpaolo Marini 8 (1/3, 2/5), Paulius Sorokas 7 (2/5, 1/4), Luca Cesana 5 (1/4, 1/4), Curtis Nwohuocha 4 (2/4, 0/0), Andrea Pecchia 2 (1/2, 0/2), Nicholas Dessì 0 (0/0, 0/0), Andrea Mezzanotte 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 2 / 4 – Rimbalzi: 37 8 + 29 (Emanuele Rossi, Adam Sollazzo 7) – Assist: 21 (Adam Sollazzo, Pierpaolo Marini 5)

Commenta
(Visited 18 times, 1 visits today)

About The Author

Andrea Amato Studente di sociologia, giocatore di pallacanestro, napoletano dalla testa ai piedi ed innamorato dello sport più bello del mondo dal 1994. Devoto a Pete Maravich, ai San Antonio Spurs e alla pizza.