Leonessa Brescia: "Tagliandi venduti tenendo conto della capienza"

In relazione all’articolo pubblicato nell’edizione odierna del quotidiano ‘Brescia Oggi’, intitolato “Troppi biglietti al PalaGeorge”, la società Basket Brescia Leonessa intende precisare che la vendita dei tagliandi in occasione della partita di martedì 27 dicembre scorso contro la Dolomiti Energia Trento è avvenuta tenendo in considerazione la capienza dell’impianto di gioco, il PalaGeorge di Montichiari, e che i dati relativi all’affluenza sono stati forniti tempestivamente agli organi di stampa che ne hanno fatto richiesta.

Nel pomeriggio di martedì i botteghini del PalaGeorge sono stati aperti per la messa in vendita dei pochi tagliandi di tribuna che non erano stati acquistati in prevendita. Vista l’alta affluenza di pubblico all’esterno del botteghino e considerata la conformazione dell’impianto, è stata effettuata la vendita di alcuni tagliandi che garantivano la possibilità di seguire la partita in piedi in un’area che generalmente viene destinata ai membri del nostro settore giovanile, presenti in numero esiguo per l’occasione.

L’ingresso al palasport di un alto numero di persone in pochi minuti a seguito dell’apertura dei cancelli e la sovrapposizione tra il pubblico che aveva acquistato il tagliando per i diversi settori dell’impianto e quello che si era garantito la possibilità di seguire l’evento in piedi non ha permesso agli operatori che si occupano della sicurezza all’interno del palasport di intervenire sempre in modo efficace per evitare che alcune persone si sedessero in posti che non dovevano occupare, a discapito di chi aveva acquistato il titolo per poterlo fare.

Nel prendere l’impegno a potenziare il servizio di controllo in occasione delle prossime partite di campionato, la società sottolinea in ogni caso come sia limitata l’azione di intervento nei confronti di chi, molto sporadicamente, in maniera spesso deliberata e comunque secondo modalità non attinenti alla comune educazione, si siede in posti che non ha diritto di occupare, causando disagio a chi quel diritto lo ha acquisito comprando un apposito tagliando.

Il club, dunque, intende rispondere in maniera costruttiva alla sollecitazione ricevuta, pur convinto che la questione così come è stata posta avrebbe meritato un confronto privato e non pubblico attraverso le pagine di un quotidiano, salvo che non fosse un atto deliberato per farsi della pubblicità con la volontà di sostituirsi a chi è legittimato a occuparsi della questione.

La società, infatti, è in contatto costante con gli organi competenti in materia di sicurezza, con i quali si stanno valutando tutte le opportunità per aumentare la capienza del PalaGeorge a beneficio di tutti: di Basket Brescia Leonessa e, soprattutto, di tutti quei tifosi che esprimono il desiderio di partecipare, tenendo conto delle criticità di un impianto che non è nato con una vocazione idonea alle necessità di determinati eventi sportivi ma che oggi, in attesa di averne uno conforme alle legittime aspettative di tutti, rappresenta un’opportunità di cui comunque siamo estremamente grati, anche perché permette di accogliere le tifoserie ospiti senza l’utilizzo di gabbie che nulla hanno a che fare con lo spirito che contraddistingue la pallacanestro.

Questo aspetto è ben compreso da tutti coloro che manifestano la passione per questo sport e per la nostra società, non da chi al contrario la retrocede dietro la volontà di trovare a tutti i costi un problema. Il club, dunque, non nasconde la testa sotto la sabbia, affronta le criticità a testa alta e guarda in faccia problemi e persone proprio per amore di questo sport, condiviso dalla quasi totalità degli oltre 4.000 spettatori presenti alla partita di martedì scorso.

A tal proposito, Basket Brescia Leonessa desidera ringraziare tutti quei tifosi che sono accorsi martedì scorso al palasport e che, attraverso il loro ineccepibile comportamento, hanno meritato parole di elogio anche da parte della società ospite, manifestate anche pubblicamente dai dirigenti e dai membri dello staff tecnico dell’Aquila Trento.

Commenta
(Visited 20 times, 1 visits today)

About The Author