L'Erogasmet Crema di scena a Lecco

Dopo la bella vittoria contro Desio all’esordio in campionato, la Pallacanestro Crema si prepara alla prima trasferta in DNB, che la vedrà protagonista domenica alle 18 sul campo del Basket Lecco, dove tre stagioni orsono si infransero i sogni di promozione in un incontro duro e nervoso. Gli avversari dei biancorossi, allenati da quest’anno da Massimo Meneguzzo, hanno anch’essi iniziato bene la loro stagione, vincendo la prima partita per 72-68 sul campo di Bergamo, allenato dall’ex coach biancorosso Alessandro Galli, con un parziale di 40-21 nel secondo tempo, che ha permesso di ribaltare un punteggio negativo dopo un brutto avvio di match.

La squadra lacustre ha costruito un roster di qualità nonostante abbia puntato su diversi giovani, partendo dall’acquisto più importante dell’estate, il playmaker classe ’92 Giulio Mascherpa, ex Forlì, giocatore con un grande talento offensivo e MVP della vittoria contro Bergamo con 26 punti, 9 rimbalzi e 6 assist e una presenza da protagonista nel decisivo finale di partita. In posizione di guardia agisce un altro giovane, il classe 91 Andrea Dagnello, giocatore molto tecnico con un buon tiro dalla distanza. Il terzo esterno è il capitano, Andrea Negri, un giocatore completo su entrambi i lati del campo e con un ottimo tiro dall’arco dei 6.75m.

La coppia di lunghi titolare è formata dal centro Giorgio Piunti, giocatore molto solido e con una buona tecnica di base, e dall’ala Simone De Angelis, buon attaccante sia da vicino canestro che con il tiro da fuori. Il primo cambio, il centro Andrea Capitanelli arrivato da poco a Lecco, è un giocatore molto fisico e ottimo intimidatore sotto canestro. Dalla panchina, altro giocatore oimportante è il play Davide Todeschini, classe ’93, cresciuto nelle giovanili lecchesi, è un buon attaccante in particolare in 1vs1.

Completano il roster le giovani ali Farinatti e Pizzul, il cui ruolo è quello di dare minuti di qualità in caso di bisogno per far rifiatare i titolari.

I ragazzi di coach Baldiraghi sono dunque attesi da un match impegnativo in cui, per riuscire a portare a casa i due punti, saranno chiamati ad uno step in più soprattutto nella metà campo difensiva, piuttosto lacunosa in buona parte della vittoria di settimana scorsa con Desio.

Positive sono invece state le impressioni sul gioco offensivo, caratterizzato da 6 giocatori in doppia cifra, segno che diversi uomini hanno le capacità per far male alle difese avversarie. Ma la chiave di volta del match sarà sicuramente l’impegno, la cattiveria agonistica e l’attenzione durante tutte le fasi, particolari che potrebbero far pendere la bilancia a favore dell’una o dell’altra squadra.

 

 

Alberto Zani

Commenta
(Visited 8 times, 1 visits today)

About The Author