L'Happy Casa Brindisi si difende bene ed esce vittoriosa da Reggio Emilia

Happy Casa Brindisi infila la seconda vittoria consecutiva in campionato, bissando al successo interno con Roma, la vittoriosa trasferta in terra emiliana. Alla Unipol Arena di Bologna, i biancoazzurri si impongono 76-80 conducendo i giochi per quasi tutto l’arco dei 40 minuti. Reggio ha il merito di non mollare mai e provarci fino all’ultimo secondo ma è nel secondo tempo che Brindisi fa la differenza chiudendo tutti i varchi in difesa e blindando l’area pitturata.

Top scorer del match Darius Thompson, chirurgico con 8/11 al tiro per 19 punti totali e 23 di valutazione. Bell offre una prova totale da 13 punti (3/6 da 3) e 8 rimbalzi, Harrison si accende nei momenti clou (16 punti pur con 0/8 dalla lunga) e la panchina risponde presente con il solido apporto di Gaspardo, Krubally e Zanelli.

 

Coach Martino schiera inizialmente Taylor-Kyzlink-Bostic-Diouf-Elegar; coach Vitucci risponde con l’ormai classico starting five americano formato da Thompson-Harrison-Bell-Willis-Perkins. Willis e Perkins cercano subito di aprire il campo e sfruttare il tiro dalla distanza contro avversari prettamente interni come Diouf ed Elegar (12-17). Reggio non si scompone e si affida alle iniziative di Candi, sesto uomo dalla panchina (21-22 al 10’). Si scuote lo specialista da tre Blums in casa Reggiana a inizio secondo quarto; Happy Casa risponde con la fisicità di Krubally sotto le plance. Gaspardo entra con il piglio giusto puntando dritto il ferro ma la squadra di casa trova sempre con più frequenza il canestro dalla lunga distanza (34-30 al 16’). Si mette in moto a questo punto Thompson in cabina di regia con realizzazioni e assistenze procurando il break di 7-0 in chiusura quarto a favore dei biancoazzurri (36-37). Al rientro dagli spogliatoi Harrison prova a prendere ritmo nonostante l’asfissiante difesa degli esterni reggiani (41-46). La Happy Casa blinda il pitturato a inizio terza frazione costringendo la UnaHotels a diverse palle perse. Taylor sblocca i suoi con il gioco da 4 punti ma l’inerzia pende dalla parte dei ragazzi di coach Vitucci che raggiungono la doppia cifra di vantaggio (48-58 al 28’).

Coach Martino prova a ritrovare ritmo offensivo a inizio ultimo quarto affidandosi al doppio play Taylor e Candi (61-65 al 34’). Harrison si mette in proprio e respinge i tentativi di rimonta infilando 5 punti consecutivi . Willis e Bell giganteggiano a rimbalzo concedendo preziosi possessi ai suoi compagni. Reggio non molla fino alla fine ma il divario è troppo ampio per essere colmato.

Gioco, partita, incontro Brindisi.

 

Ritorno in campo domenica 11 ottobre in occasione della terza giornata di campionato. Turno casalingo al PalaPentassuglia alle ore 19:00 contro la De’ Longhi Treviso.

IL TABELLINO 

UNAHOTELS REGGIO EMILIA-HAPPY CASA BRINDISI: 76-80 (21-22, 36-37, 54-62, 76-80)

UNAHOTELS REGGIO EMILIA: Bostic 16 (0/3, 4/11, 7 r.), Candi 13 (2/3, 1/1, 3 r.),  Baldi Rossi 3 (1/2 da 3, 1 r.), Taylor 14 (2/4, 3/6), Elegar 7 (2/5, 6 r.), Bonacini ne, Giannini ne, Johnson 6 (2/4, 0/2, 2 r.), Diouf (0/1 da 3, 4 r.), Blums 3 (1/4 da 3, 1 r.), Kyzlink 14 (4/7, 2/5, 2 r.), Porfilo ne. All.: Martino.

HAPPY CASA BRINDISI: Krubally 6 (3/3, 5 r.), Zanelli 2 (1/1, 1 r.),  Harrison 16 (4/6, 0/8, 2 r.), Visconti, Gaspardo 9 (2/4, 0/2, 4 r.), Thompson 19 (8/9, 0/2, 3 r.), Cattapan ne, Udom (0/1 da 3), Bell 13 (0/3, 3/6, 8 r.), Perkins 5 (1/4, 1/1, 4 r.), Willis 10 (2/3, 2/4, 7 r.), Guido ne. All.: Vitucci.

 

ARBITRI: Manuel MAZZONI – Denis QUARTA – Federico BRINDISI.

 

NOTE – Tiri liberi: Reggio Emilia 16/18, Brindisi 20/25. Perc. tiro: Reggio Emilia 24/58 (12/32 da tre, ro 12, rd 22), Brindisi 25/59 (6/26 da tre, ro 17, rd 29).

Commenta
(Visited 26 times, 1 visits today)

About The Author

Gennaro Dimonte Nato a Barletta nel 1994. Prossimo alla laurea in Scienze della Comunicazione e aspirante giornalista. Si divide tra la palla a spicchi e il calcio, con i miti di Carmelo Anthony e Del Piero nel cuore. Grande appassionato di NBA, spera di rivedere i suoi Knicks tra le grandi.