L'Irtet Casapulla regge solamente un quarto ma poi è travolta ad Angri

Montoro Angri Pall. – Irtet Bk Casapulla 97-53

MONTORO ANGRI

Hankerson 16, Besedić 5, Di Capua 4, Di Lauro 15, Dimitriu 3, Annunziata 2, Somma 13, Scalera 5, De Martino 12, Forino 18, Ventura, D’Apice, Russo 4. All. Aramu

 

IRTET CASAPULLA

Rossacco, Di Lorenzo 12, Bonsignore 5, D’Orta 3, Olivetti 14, Damiano 3, Esposito M., Avella 6, Mastroianni, Lillo G., D’Aiello 10. All. Di Matteo

 

ARBITRI: Ariante e Morra di Napoli.

PARZIALI: 22-10, 45-20, 77-39, 97-53

 

La Montoro Angri si dimostra bestia nera dell’Irtet Casapulla e dopo il -40 del PalaNatale stavolta il divario è addirittura di 44 lunghezze, al termine di un match a senso unico (97-53 il finale).

Dopo tre sconfitte consecutive i grigiorossi presentano nuovamente lo statunitense Hankerson, autore del season high di categoria con ben 62 punti a referto nel match d’andata in in Terra di Lavoro. Stavolta si fermerà ‘soltanto’ a 16. In panca due coach esordienti: Aramu in luogo dello squalificato Iovino per i doriani e Di Matteo al posto di coach Monteforte, sottopostosi ad un piccolo intervento, tra i gialloviola.

Pronti via ed in poco più di due giri di lancette i padroni di casa – che si permettono il lusso di tenere Di Napoli fuori dalle rotazioni – volano 8-0 con 4 punti di Hankerson. Di Lorenzo inizia a muovere il tabellone per i viaggianti, sfidati spesso a concludere da lontano, ma senza fortuna. Angri è brava ad occupare l’area ed una tripla di Somma ed un Forino dominante in vernice costruiscono il primo vantaggio in doppia cifra (15-4 al 5’). I locali abbassano il quintetto quando Ciccio Forino spende il secondo personale e addirittura vanno ancora meglio a rimbalzo offensivo. L’ingresso di Di Lauro si rivela fondamentale nell’allungo (6 punti nel parziale) fino al 19-4, prima che un ‘and one’ di D’Aiello e un appoggio di Avella archivino la prima tranche sul 22-10 Montoro. Il copione non muta nel periodo seguente, anche se la partenza dei casapullesi è incoraggiante. D’Aiello e Olivetti siglano il -10, ma subito Dumitriu dall’angolo manda a bersaglio la tripla che ricaccia indietro gli ospiti. Che sprecano più di un’occasione per riavvicinarsi. I troppi turnover dell’Irtet danno linfa ai locali, che però perdono per infortunio Di Capua. Il rientro di un Hankerson non ancora al top della forma è una brutta gatta da pelare, ma D’Aiello e Di Lorenzo tengono botta (33-20). Poi però per il Casapulla si spegne la luce in attacco ed il perentorio 12-0, farcito dalle triple di Di Lauro e De Martino, chiude in pratica i giochi già a metà gara (45-20 al 20’) in favore dei salernitani.

Nella ripresa si assiste ad una grande performance balistica: Scalera e Besedic da un lato ed Olivetti dall’altro deliziano la platea a suon di canestri pesanti. Forino però domina su ambo i lati del campo ed assieme ai compagni di reparto mette in ginocchio l’Irtet (61-28 con 8 punti di fila del pivot di casa), nonostante la buona difesa di un positivo Avella. Bonsignore sgancia un missile dai 6,75, ma ancora Forino griffa il +30 (63-33 al 27’). Il Casapulla cala anche sul piano del ritmo e così Hankerson (7 degli ultimi 14 punti dei suoi nel quarto) – assieme a De Martino e Somma – trascina gli angresi all’ultimo mini-riposo sul 77-39. Il periodo conclusivo è per gli amanti delle statistiche, con entrambi i pini che danno spazio alle seconde linee e agli under. I padroni di casa hanno qualcosina da Russo che ben spalleggia il duo Somma-De Martino (12 punti in tandem), mentre per il team di stanza sull’Appia (che manda a referto ben sei atleti nel quarto) c’è l’esordio in ‘prima squadra’ del figlio d’arte Marco Mastroianni, classe 2001, il cui papà Sergio giocò in A1 con le canotte di Caserta ed Avellino, prima di chiudere la carriera nel 2008 con la casacca della Pallacanestro S. Maria a Vico in C1.

Commenta
(Visited 76 times, 1 visits today)

About The Author