L'Islanda dura un tempo, la Francia passa 115-79

La Francia, dopo la vittoria di ieri contro la Grecia, trova il secondo successo consecutivo.

I francesi partono subito forte piazzando un parziale di 6-0. L’Islanda, possesso dopo possesso, comincia ad acquistare fiducia ed infatti grazie ad un super Stefansson riesce a portarsi avanti.

Diaw e De Colo provano di nuovo ad allungare ma gli islandesi sono in fiducia e si scatenano da oltre l’arco. I primi dieci minuti si chiudono così sul 29-25.

Collet manda in campo ad inizio secondo quarto le seconde linee che prova di nuovo lo strappo decisivo ma Stefansson è irreale dalla linea del tiro pesante e l’ Islanda riesce a tornare in qualche modo sotto la doppia cifra di svantaggio. De Colo e compagni vanno sul +13 (48-35)  al 17′ ma il cuore degli islandesi è enorme e riescono a chiudere sul -7 per il 49-42 alla sirena di fine primo tempo.

Nel secondo tempo però la musica cambia completamente. La Francia, infatti, aumenta la pressione in difesa e dalle palle recuperate arriva il +16 a metà terzo quarto. L’ Islanda prova a riordinare le idee ma Lauvergne è implacabile e i francesi si presentano all’ultima frazione di gioco sul +39.

L’ultimo quarto è di puro garbage time per i transalpini che amministrano l’ampio vantaggio non concedendo comunque nulla agli avversari. Il divario, diventato però incolmabile, fa calare ulteriormente la pressione a Stefansson e compagni e la Francia arriva a toccare il +36 per il 115-79 finale.

 

FRANCIA – ISLANDA 115-79 (29-25; 49-42; 86-56)

Francia: Seraphin 14, Heurtel 9, Diot 6, Lauvergne 13, Fournier 7, De Colo 16, Diaw 2, Westermann 5, Poirier 10, Labeyrie 9, Toupane 10, Jackson 14. Coach: Collet

Islanda: Hermannsson 13, Steinarsson, Acox 10, Baeringsson 2, Stefansson 23, Fridriksson 3, Vilhjalmsson 8, Gunnarsson 2, Ermolinskij, Palsson 10, Hilnason 5, Bjornsson 3. Coach: Pedersen

Commenta
(Visited 25 times, 1 visits today)

About The Author

Mirko Pellecchia Nato e cresciuto ad Avellino. Studente, amo la pallacanestro in ogni sua forma essendo essa metafora della vita.