L’OraSì Ravenna continua a stupire, Verona è Battuta 72-64 al PalaCattani

OraSì Ravenna – Tezenis Verona 72-64 (17-17, 41-36, 56-46)

Ravenna: Smith 14, Scaccabarozzi ne, Sgorbati 6, Chiumenti 8, Marks ne, Raschi 6, Masciadri 9, Tambone 21, Crusca 3, Seck ne, Sabatini 4. All. Martino.

Verona: Diliegro 4, Robinson 4, Amato 7, Portannese 6, Guglielmi ne, Boscagin 7, Pini ne, Frazier 15, Rovatti, Brkic 19, Totè 2. All. Dalmonte.

 

È una grande OraSì Ravenna quella che batte Verona 72-64 in Gara 1 dei quarti di finale playoff, davanti a un PalaCattani gremito di tifosi giallorossi. I ragazzi di Coach Antimo Martino sopperiscono ancora al meglio all’assenza di Derrick Marks, vincendo la battaglia a rimbalzo (36-26) e sfruttando il gap di energia con un’avversaria reduce dal supplementare di Biella di mercoledì. Mattatore del match è Matteo Tambone che segna 21 punti, ma è la prova di tutta la squadra a permettere all’OraSì di portare a casa il match. Tra i padroni di casa Taylor Smith sfiora la doppia doppia con 14 punti e 9 rimbalzi e Sgorbati sorprende con un ottimo +19 di +/-, mentre per Verona i migliori sono Brkic (19 punti) e Frazier (15). Appuntamento per Gara 2 per martedì sera alle 20.30 sempre in un PalaCattani di Faenza che in questo primo appuntamento della serie il pubblico ha reso al meglio la nuova casa della pallacanestro giallorossa.

 

LA PARTITA

Parte subito bene Verona con Diliegro, ma sullo 0-4 per gli ospiti l’OraSì registra la difesa e con un parziale di 9-0 guidato dai 7 punti di Tambone si porta sul 9-4. Diliegro commette il secondo fallo, ma dalla panchina sale Brkic, che con 5 punti consecutivi impatta il match a quota 9. Ravenna torna avanti sul 13-9, ma ancora Brkic con un grande lavoro sotto canestro innesca il parziale del nuovo pareggio, firmato dalla tripla di Boscagin a poco più di 1’ dal primo intervallo sul 17-17. La partita resta in equilibrio anche in apertura di secondo quarto (21-21), poi la tripla di Frazier apre un parziale di 0-7 con cui gli ospiti trovano il massimo vantaggio sul 21-28. Ravenna torna sotto sul 27-28 e trovano il secondo fallo di Robinson, ma la tripla di Amato tiene a distanza i padroni di casa (27-31). Ancora Tambone con 5 punti apre un parziale di 8-0 chiuso dalla tripla di Crusca, che vale sorpasso e allungo sul 35-31. Il PalaCattani si scalda e l’OraSì chiude ancora bene il quarto portandosi a +5, con le squadre che tornano negli spogliatoi sul 41-36.

Ravenna rientra in campo con la concentrazione giusta e vola a +12 (50-38) in apertura di terzo quarto grazie alla tripla di Tambone e alla gran schiacciata in contropiede di Taylor Smith. Portannese si iscrive alla partita con la tripla che chiude il parziale di 9-2 con cui i giallorossi avevano cominciato il periodo (50-41), poi la difesa di Verona prende il controllo della partita nella seconda metà del quarto. Gli ospiti faticano però in attacco, accorciano -6 sul 50-44, ma vengono respinti a -10 quando Sgorbati firma il 56-46, con cui le squadre entrano negli ultimi 10’ di gioco. L’OraSì parte bene anche nel quarto periodo e con il canestro di Capitan Raschi trova il massimo vantaggio sul 62-48 (+14), ma Verona reagisce con un incredibile 0-11 di parziale che riapre la partita. Boscagin segna la tripla, Portannese con un canestro e fallo pesca il quarto di Tambone, poi la bomba di Frazier riporta gli ospiti a -3 sul 62-59. Sabatini con quattro punti consecutivi prova a tenere a distanza la Tezenis (66-59), ma ancora Frazier dalla lunga distanza riporta i suoi a -4 sul 68-64 a meno di 3’ dalla sirena finale. Ravenna soffre ma tiene, e a 1’30’’ dalla sirena il canestro e fallo a rimbalzo d’attacco di Chiumenti mette il sigillo sul match (71-64). Ancora la difesa dell’OraSì è sugli scudi nel finale e il libero di Tambone fissa il punteggio finale sul 72-64, davanti a un Pala Cattani in visibilio.

Commenta
(Visited 26 times, 1 visits today)

About The Author