Lucca troppo forte: Carispezia Arquati sconfitta 71-52

Pagato il break di 18-0 tra primo e secondo quarto. Prestazione tutto sommato discreta contro la capolista

Dopo la vittoria con Broni, la Carispezia Arquati non riesce a bissare il successo, e viene sconfitta 71-52 dalla capolista Lucca. L’impegno non era sicuramente dei più facili già sulla carta, e si sapeva, ma le ragazze di coach Barbiero sono comunque scese sul parquet con grinta, nonostante l’ampio divario tecnico tra le due compagini. I due pesantissimi punti conquistati da Broni contro Venezia mettono le lombarde in corsa verso una tranquilla salvezza, mentre la vittoria di Vigarano su Battipaglia lasciamo intatte le speranze spezzine, almeno in vista dei playout.
Il primo canestro è di Lucca, precisamente di Harmon con un 2+1 con fallo di Linguaglossa. La Gesam spinge sull’acceleratore già da subito, e piazza un break di 9-2 in apertura di quarto che costringe coach Barbiero al timeout. Le ragazze rispondono bene, ricuciono fino al -4 con De Pretto, Brezinova e Premasunac, prima che Lucca dia la seconda spallata, questa volta molto più decisa. Il quarto finisce 28-11 per le toscane.
Nella seconda frazione si segna poco, ma la Carispezia Arquati non riesce proprio a sbloccarsi: tra i due quarti d’apertura, infatti, la Gesam Gas costruisce un break consistente di 18-0, chiuso dalla cinque punti consecutivi di Striulli, per il 33-16. Le spezzine rosicchiano ancora qualcosa con Premasunac e migliorano la fase difensiva, mentre si abbassano le percentuali al tiro delle lucchesi. All’intervallo lungo è 38-22 per Lucca, ma le bianconere si aggiudicano il quarto con un parziale di 11-10, tenendo a pochi punti segnati le locali.
Nella ripresa i ritmi rimangono bassi, Premasunac e una tripla da distanza siderale di Striulli portano le spezzine sul -12, prima che Pedersen e Wojta tentino il riallungo. Lucca esce così con la sua maggiore qualità, mentre Spezia si sfilaccia e perde quella coesione difensiva che l’aveva portata ad avvicinarsi alle toscane. Harmon è protagonista assoluta della terza frazione con ben 8 punti e trascina la Gesam Gas al +22. Da far notare che il primo tiro libero della Cestistica arriva soltanto al 27′ di gioco. Il terzo parziale termina 55-36.
L’ultimo quarto inizia con tanti canestri, da una parte e dall’altra, forse complice anche il risultato già in ghiaccio e saldamente nelle mani lucchesi. Arrivano anche minuti per Olajide, che segna una tripla e battezza così i suoi primi punti in serie A1, e per Aldrighetti. Il pilota automatico della Gesam Gas funziona bene e guida la partita fino al 71-52 finale. Premasunac top-scorer Spezzina con 15 punti seguita da Striulli a quota 12 e De Pretto a 11.
GESAM GAS LUCCA 71-52 CARISPEZIA ARQUATI LA SPEZIA (28-11, 38-22, 55-36)
LUCCA: Battisodo 6, Landi, Tognalini, Pedersen 5, Dotto 14, Wojta 16, Harmon 23, Crippa, Miccoli 3, Silvestrini, Ngo Ndjock 4, Mandroni. ALL. Diamanti.
LA SPEZIA: Bocchetti, Striulli 12, Nori 4, Aldrighetti, Corradino, Premasunac 15, De Pretto 11, Brezinova 7, Benic ne, Linguaglossa, Olajide 3, Carrara ne. ALL. Barbiero.
Ufficio Stampa Carispezia Arquati Cestistica Spezzina
Commenta
(Visited 18 times, 1 visits today)

About The Author