L'Efes a cerca di conferme contro il Maccabi Tel Aviv

Settimo turno di EuroLeague

Continuiamo ad analizzare le altre partite in programma in questo settimo turno di EuroLeague dove troviamo infatti il sorprendente Maccabi di Norris Cole sfidare un Efes a caccia di continuità.

 

Il Maccabi vuole fare sul serio

Il Maccabi Tel Aviv dopo la passata, deludente, stagione in EuroLeague quest’anno vuole fare le cose sul serio. Gli israeliani infatti hanno iniziato in maniera fortissima questa rassegna europea centrando ben 4 vittorie in sei incontri. Settimana scorsa poi si sono imposti poi contro il Real Madrid di Doncic e Campazzo; vincere contro la corazzata spagnola ha dato sicuramente un’iniezione di fiducia al team di Spahija che oggi affronta un Efes molto cambiato dalla passata stagione ed ancora in cerca dei suoi equilibri.

La squadra di Tel Aviv gira intorno al talento dei vari Norris Cole, grande colpo dell’estate Maccabi,  Deshaun Thomas, Roll e Jackson. A livello offensivo è una squadra di prim’ordine capace di avere soluzioni praticamente infinite. Il cervello del team è Cole che è in grado tanto di organizzare per gli altri quanto di creare per se stesso con il suo grande talento. Roll e Jackson sono uomini d’esperienza in grado di risolvere da soli le partite così come Thomas. Il talento poi di Di Bartolomeo e di Joah Bolden sembra poter esplodere da un momento all’altro.

Gli israeliani sono, come detto, un attacco molto prolifico; a livello difensivo sono spesso una squadra ordinata che però fatica a rimanere attenta nell’arco di tutti e 40 i minuti. L’Efes, allo stato attuale, non è certamente il più temibile degli avversari ma limitare la fansia di Errick Mccollum e di Kruno Simon sarà decisivo per le sorti dell’incontro. Sotto canestro molto fisico sarà lo scontro tra Dunston e Parakhouski; da questa situazione dipenderà molto dell’efficacia del Maccabi nel pitturato e a rimbalzo.

Efes, via gli incubi ora serve continuità.

L’Efes di certo non si aspettava questo inizio in EuroLeague. La squadra è molto cambiata dal roster in grado di centrare i playoff la passata stagione ma, complici molti infortuni, i turchi stanno faticando non poco. Il team di Perasovic ha centrato tuttavia la prima importante vittoria della stagione europea in trasferta contro il Barcellona. Mattatori della gara sono stati Ledo ( 21 punti) McCollum ( 21 punti) e Stimac ( 22 punti); oggi l’Anadolu cerca un’altra preziosa vittoria in trafserta contro una squadra ostica come il Maccabi prima di tornare, tra qualche giorno, davanti al proprio pubblico.

I turchi fanno del talento offensivo di giocatori come McCollum, Ledo e Simon il loro principale punto di forza. Nel pitturato a fare la voce grossa ci pensa spesso il serbo Stimac; il problema del Maccabi è che spesso la difesa non brilla per intensità ed infatti, con più di 85ppg subiti, l’Efes è tra le peggiori difese della EuroLeague. Oggi però questo lusso non sarà concesso; il Maccabi, sopratutto in casa, è una squadra temibile e molto cinica. Tutti saranno chiamati ad offrire il loro contributo compresi i vari Muric, Doellman, Adams e Motum apparsi sottotono nelle primissime uscite. La squadra tira molto male da 3 ( appena il 28%) e questo fattore sta spesso incidendo in negativo sulle sorti degli incontri. Oggi contro il Maccabi servirà una vera e propria impresa ma i turchi ne hanno già compiuta una vincendo a Barcellona, perchè non provarci di nuovo?

 

Commenta
(Visited 27 times, 1 visits today)

About The Author

Nicola Garzarella Studente ed aspirante giornalista. Un giorno ho incontrato il mondo della palla a spicchi e da lì non l'ho più mollato. Cerco di coniugare la scrittura con la mia grande passione per lo sport e il basket in particolare.