Maddaloni con tenacia si arrende a Cassino

Pall. San Michele Maddaloni- Virtus Cassino 69-80

Parziali: 15-18; 35-46; 52-68.

Maddaloni: Ragnino 2, Perillo n.e., Caceres 23, Desiato 12, Marini 13, Mandato n.e., Garofalo 7, Rusciano 12, Chiavazzo n.e., Pascarella, All. Monda, Ass. Palmisani, Ass. De Maria.

Cassino: Pondri n.e., Grilli 14, Castelluccia 16, Ausiello 11, Gonzalez, Ianes 14, Carrizo n.e., Lovatti 10, Dri 15, Cerniz, All. Vettese, Mastrangelo.

Arbitri: Nicola Tammaro di Giffoni Valle Piana (SA) e Pietro Rodia di Avellino (AV).

Cronaca: La Pallacanestro San Michele Maddaloni perde in casa contro Cassino, una sconfitta nata a causa di un parziale da parte degli ospiti sul finire del primo tempo. E forse una sconfitta per i maddalonesi che hanno da recriminare, purtroppo, le assenze dei vari Florio, Chiavazzo e Listwon che sono un vantaggio davvero non da poco per qualsiasi avversario.

La partita inizia su ritmi piuttosto blandi, le due squadre commettono tanti errori al tiro e così a metà primo quarto il punteggio è basso: 4-8 per Cassino. A fermare il gioco ci pensa un minuto di sospensione dal quale escono meglio i padroni di casa che infilano un 6-0 di parziale che li porta a condurre il match. La partita resta comunque molto equilibrata, e mentre i ciociari effettuano il sorpasso, dall’altra parte inizia a metteresti in moto Juan Manuel Caceres che con diverse azioni in post basso ed anche una tripla mandata a bersaglio tiene a debita distanza i biancazzurri che chiudono al primo mini break con tre lunghezze di svantaggio.

Nel secondo quarto le squadre ribattono colpo su colpo, e questa stabilità sembra poter venir meno al 13′, sul 19-23, quando sulla prima protesta viene fischiato un fallo tecnico a Desiato. La stessa intransigenza la coppia arbitrale non la dimostrare strada facendo, visto che più volte i frusinate vengono risparmiati con il semplice rimprovero. Maddaloni allora si rimbocca le maniche e con tanto agonismo impatta in 2′ il punteggio a quota 26 grazie ad una tripla di Marini dall’angolo e ad un gioco da tre punti di Rusciano. L’inerzia della sfida sembra del tutto cambia, e quando vanno a bersaglio in rapida successione le bombe di Garofalo e Caceres i biancazzurri mettono la freccia (34-30) e costringono Cassino a chiamare timeout. Gli ospiti aggiustano il proprio attacco ed infilano un parziale di 0-11, che al riposo lungo sarà addirittura di 1-16. Questo è il momento chiave della gara.

Al rientro dagli spogliatoi i maddalonesi provano a riaprire l’incontro, ma ogni tentativo è vano perché gli avversari o difendono bene oppure replicano immediatamente ai canestri dei ragazzi di coach Giovanni Monda. In questo però, comunque, sale letteralmente in cattedra Giovanni Marini, che con un paio di arresti e tiro dallo spigolo diventa letale. E quando poi allo scadere dei 24″, da oltre dieci metri, Luciano Rusciano realizza un’incredibile canestro (48-61 al 27′), il palazzetto scoppia per incitare i propri beniamini.

Il leit movit della gara comunque non cambia neppure ad inizio ultimo quarto. Il San Michele non alza bandiera bianca, ed il gioco da tre punti di Caceres rilancia le velleità dei locali. Cassino per paura di un possibile rientro degli avversari chiama timeout, ma il canestro di capitan Nino Garofalo in transizione (59-69 al 35′) sembra poter riaprire la gara, che invece si avvia verso la conclusione su questo andazzo. Eppure l’ultimo giro di lancette si apre con la bomba di Caceres (69-77), e se fosse andata a bersaglio anche quella di Desiato a 40″ dalla fine, si sarebbe potuto vivere un finale in apnea, che purtroppo non c’è stato.

Giovanni Bocciero

Commenta
(Visited 6 times, 1 visits today)

About The Author