MD Discount Quarta Caffè Monteroni : i gialloblù salentini sbancano Porto Sant'Elpidio

Un’ottima prova di squadra della MD Discount Quarta Caffè Monteroni nella quale sono emerse le prestazioni dei singoli che hanno capitalizzato il lavoro di tutti. Ottimo contributo degli Under iscirtti a referto.

MD Discount Quarta Caffè Monteroni 87  : Ingrosso (9), Paiano (,), Ianuale (11), Stefanizzi n.e., Lorenzo n.e., Prete (,), Pinto (,), Mocavero (40), Martina (,), Rodriguez (27)

 

PSE Basket 84 : Torresi (9), Andreani (13), Boffini (27), Tortù (22), Vallasciani (,), Caridà (9), Rossi (4), Cavoletti (n.e.), De Leo (,) Totò (n.e.)

Arbitri : Balducci (PN) e Almerigogna (TS)

Parziali               22-18 ;17– 20;29–20;16–29

Progressivi         22-18; 39- 38; 68-58; 84-87

Entusiasmante  successo esterno per la MD Discount Quarta Caffè Monteroni  che si impone per 87 a 84  sul difficile parquet di Porto Sant’Elpidio rimanendo aggrappato, con 8 punti  alle capoliste Montegranaro e Falconara ancora a punteggio pieno (10 punti 5/5) . Coach Manfreda  dovendo  far di necessità virtù, considerato il forfait di Potì e l’utilizzo di Ianuale non in perfette condizioni riesce a motivare adeguatamente il gruppo e a tirare dal cilindro un piano partita che alla lunga capitalizza al massimo l’impegno e le risorse a disposizione

Lo scout parla di un’asse Rodiguez(27)-Mocavero(40)  (67 punti in due) che non danno giustizia alle buone prestazioni di Ianuale (11) e Ingrosso (9) quest’ultimo praticamente 40 minuti in campo oltre che a quella di Capitan Paiano (,) che pur non iscrivendosi a referto per lo scoore ha contribuito alla causa  nei frangenti di gara in cui è stato utilizzato.

Un Ottima  prestazione di squadra, nella quale va dato anche risalto ad Andrea Pinto, Matteo Martina, entrambi classe 99  utilissimi nelle rotazioni a disposizione  e Angelo Prete, quest’ultimo ancora lontano dalla forma migliore e dall’autorità con cui si è espresso la scorsa stagione a Francavilla ma nonostante tutto (anche lui giovanissimo :classe 1996) capace di fare il suo.   I padroni di casa nella prima frazione provano a  partire forte e  l’accelleratore  pigiato al massimo  e  riescono a trovare soluzioni di gioco apprezzabili. Monteroni tiene botta e risponde colpo su colpo riuscendo anche a rimanere avanti nello scoore grazie a Manuele Mocavero che sfrutta al meglio le soluzioni di gioco dettate da coach Manfreda. La prima mini frazione scivola via con le squadre che si studiano. I viaggianti che devono centellinare le rotazioni e i padroni di casa che con Boffini (27) comincia a fare la voce grossa . Al 7′ pari a quota 17 per poi concludere in vantaggio alla sirena per 22 a 18.

Nella seconda minifrazione, i salentini  entrano determinati a non far scappare i padroni di casa che,  preso  fiducia con le buone percentuali da  tre colpiscono ancora con Boffini (a fine gara ne metterà a segno 6 su 13 tentativi) imitato da Caridà (9), Tortù (22) e Rossi (4). Monteroni trova l’ancora di salvataggio nei giochi che la squadra conduce finalizzati per il “Monumentale”, in tutti i sensi Manuele Mocavero che tiene a galla i suoi  facendoli rimanere attaccati allo scoore.

Nel periodo buona prova anche di Ianuale e Rodriguez, vera spina nel fianco della difesa bianco-azzurra.

Al riposo lungo si va sul 39 a 38 con Paiano & C che si aggiudicano la mini frazione per 17 a 20.

Al rientro in campo coach Schiavi striglia i suoi, mentre Monteroni cade in un torpore inspiegabile. “La maledizione del terzo quarto” è diventata una costante che la squadra salentina dovrà, prima o poi sfatare e/o eliminare del tutto per non rischiare di rovinare l’andamento delle gare.

Il periodo è in totale controllo dei padroni di casa che infiammano la buona cornice di pubblico presente al Palasport di Via Ungheria con le fiammate di Boffini, Andreani (13) e Tortù.

Partita che sembra aver preso la direzione di Via Svevo e ai presenti, di sponda, gialloblù non rimaneva che auspicare una improbabile prova di orgoglio gialloblù quando il gap tra le squadre arrivava a segnare anche 12 punti di divario.

Monteroni comunque riesce, nonostante tutto a contenere e al 30° il tabellone recita 68 a 58 per i padroni di casa.

Coach Manfreda  aveva chiesto una prova di carattere alla propria  squadra,  di combattere per tutta la gara,contro una squadra in fiducia. L’ultimo mini-riposo è utile al team del presidente Leucci per  ricompattarsi e, l’auspicata riscossa si  concretizzava fin da subito  quando  l’orgoglio dei ragazzi veniva  finalmente palesato. Monteroni, quindi si accende e a differenza dell’ultima uscita di Senigallia,  ancora trascinato da Mocavero,  “padrone” incontrastato del Pitturato, alla fine farà annotare  40 punti 40    e dalla mai sopita vena di Rodriguez (27 punti totali conditi da 5 triple e 8 rimbalzi ), ritrova il bandolo della matassa e annichilisce i marchigiani.

Complici anche le  percentuali da tre dei locali che si abbassano notevolmente, quasi fisiologicamente, (a fine gara 11/36) mentre fisiologicamente si alzano quelle dei viaggianti (a fine gara 11/34), ne viene fuori un finale in cui i salentini ricuciono lo strappo, piazzano un invadibile break e  impattano a diverse quote  fino all’ 80. con una gara ad elastico.

Sembra che l’inerzia favorisca i viaggianti ma negli ultimi 24 secondi succede di tutto.

Prima il canestro che riporta col naso avanti i piceni, poi a 7 secondi dalla sirena finale è Federico Ingrosso che infila la tripla del sorpasso dopo un’azione ben costruita di squadra con lo scarico finale sul n° 4 gialloblù.. La gara termina con il fallo antisportivo su Rodriguez (veramente fuori luogo) e i tiri dalla lunetta che sanciscono il risultato finale di 84 a 87 per gli ospiti.

Da domani, l’unico pensiero della settimana, dovrà essere la gara in programma al Pala “Quarta-Lauretti” contro il Montegranaro di Romeo Trionfo squadra ancora a punteggio pieno insieme a Falconara.

Commenta
(Visited 5 times, 1 visits today)

About The Author