Milano, Banchi: “Ad Atene servirà un briciolo di incoscienza”

da sito ufficiale Olimpia Milano:

Banchi: “Ad Atene servirà un briciolo di incoscienza”

L’EA7 Emporio Armani Milano gioca venerdì 7 novembre alle 20.45 italiane ad Oaka contro i sei volte campioni d’Europa del Panathinaikos. E’ la quarta gara della regular season di Eurolega, la terza trasferta per l’Olimpia.
Così Coach Luca Banchi alla vigilia della gara: “E’ la nostra terza trasferta di Eurolega, contro il Panathinaikos davanti ad una cornice di pubblico straordinaria. Troveremo un’avversaria in grande forma che una settimana fa ha letteralmente distrutto il Fenerbahce sotto i colpi dell’asse Diamantidis-Fotsis e una serata strepitosa dei tiratori. Il Panathinaikos ha costruito il proprio organico attorno ad un nucleo esperto e affidabile accompagnandolo con giocatori di indubbio talento e molto atletici che hanno dimostrato di avere subito grande feeling con il sistema del nuovo coach Ivanovic. Noi, rinfrancati dalla vittoria di Monaco, dovremo guardare a questa partita con atteggiamento determinato, coraggioso e quel briciolo di incoscienza che potrebbe servire per riuscire nell’impresa di vincere su un campo che sembra inviolabile”.
Linas Kleiza ha giocato ad Atene ma nell’Olympiacos: “E’ una partita difficile contro una squadra che specialmente in casa sa crearsi tiri aperti, tiri in transizione ed è ovviamente molto forte. Dovremo controllare il ritmo fin dall’inizio”.

 

Olimpia On The Road: Atene

Atene ormai è una tappa fissa di qualsiasi campagna europea. Due anni fa l’Olimpia era nel girone dell’Olympiacos, lo scorso anno nelle Top 16 trovò sia Olympiacos che Panathinaikos. Contando solo gli ultimi tre anni questa è la trasferta ad Atene numero 4. Solo Istanbul fa meglio: lì nello stesso arco di tempo ci siamo stati cinque volte. Atene di fatto è stata la capitale continentale dei canestri negli ultimi 20 anni. Dal 1996 ad oggi, 18 anni, Atene ha vinto 9 volte il titolo europeo sei con il Panathinaikos e tre con l’Olympiacos. In media uno ogni due anni.
Lo scorso anno ad Atene l’Olimpia giocò la prima partita delle Top 16, la prima in Eurolega di Daniel Hackett con la maglia EA7, e venne battuta piuttosto nettamente. Sarebbe un ricordo molto amaro ma la verità è che da quel momento si sarebbe vista un’altra squadra. Nelle successive 12 gare di Eurolega ne avrebbe vinte 10 perdendo solo a Istanbul a causa di un fortunoso canestro da 25 metri e a Barcellona entrando nel quarto periodo in vantaggio (l’ultima gara di Top 16 a Malaga non aveva significato).
Il palasport di OAKA è stato costruito per le Olimpiadi del 2004 accanto allo stadio olimpico. È più grande, bello e tenuto meglio di quello del Pireo. È tutto bianco, imponente. Il verde del Panathinaikos che qui chiamano tutti Pao è richiamato negli stendardi che ne celebrano la storia. Che in qualche momento si è intrecciata con quella dell’Olimpia da dove il club greco prese Nando Gentile e Dejan Bodiroga, due figure chiave dello scudetto vinto nel 1996. Insieme portarono il Panathinaikos alla vittoria europea del 1999, la seconda della sua storia dopo quella del 1996 quando in campo c’era il grande Dominique Wilkins. Per andare all’allenamento si passa dall’elegante sobborgo di Kifissià. Ad un certo punto si staglia imponente un edificio stile liberty. E’ la scuola internazionale, la prima scuola frequentata da Alessandro Gentile quando viveva ad Atene. In quella scuola ha frequentato i primi tre anni di scuola elementare.
L’Olimpia arriva verso le 20.30 a OAKA, la seduta comincia con qualche minuto di anticipo sul previsto e vista l’ora è un bene. Verso le 21.30 termina la parte di allenamento gestita da Danesi ed entra in scena il basket. Prima 4 contro 0 a tutto campo quindi 4 contro 2 difensori ma usando al massimo un palleggio. Alle 21.55 arriva anche il 5 contro 5 con le correzioni del coach. Alle 22.20 si continua a lavorare 5 contro 5 ma su metà campo. L’allenamento di squadra finisce alle 22.30 ma prima della doccia servono 10 tiri liberi segnati di fila. Poi una giornata lunghissima volge al termine.

Commenta
(Visited 6 times, 1 visits today)

About The Author