Olimpia Milano, Dell'Orco: "Puntiamo a Scudetto e Playoff di EuroLeague"

E’ un momento di grande fermento in casa Olimpia Milano. Il finale di stagione, non certo soddisfacente con l’eliminazione in regular season in EuroLeague e il ko pesante (0-3) in semifinale Playoff con la Dinamo Sassari, hanno reso effettivo l’addio di Simone Pianigiani, sostituito da Ettore Messina.

Ma anche in altre posizioni dell’organigramma societario ci sono stati avvicendamenti, come la nomina a Presidente di Leo Dell’Orco, il quale ha rilasciato le seguenti dichiarazioni al Corriere della Sera: “Mi assumerò tutta la responsabilità di questa opportunità che mi è stata data, cercando di ottenere i risultati per questa bellissima squadra. Come obiettivi, per la prossima stagione puntiamo ovviamente allo Scudetto, oltre che ad entrare nei Playoff di EuroLeague. Sarebbe un primo passo verso un sogno chiamato Final Four, che prima o poi speriamo di raggiungere“.

Il budget? Sarà quello necessario per riportare a Milano il fascino del successo ma comunque ragionevole ed in linea con quello speso in questi anni. In generale vogliamo una squadra che metta anima e corpo in campo” – continua Dell’Orco – “L’ultima stagione ci ha visto meno performanti, ma comunque competitivi. Il signor Armani si stanca di non vincere ed è conosciuto per non aver mai abbandonato una attività da lui iniziata“.

Conclude Dell’Orco: “Pregi e difetti dell’ultima stagione? A mio parere, il pregio è stato quello di mettere insieme una grande squadra di campioni e aver permesso all’Olimpia di portare a casa dei trofei. Per quanto riguarda i difetti, sinceramente non ne vedo. Pianigiani? E’ stato fondamentale nel portarci a vincere uno scudetto e due Supercoppe, ma con l’arrivo di Messina abbiamo deciso di voltare pagina“.

Commenta
(Visited 98 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.