Milano e Sassari, ora o mai più!

Vietato sbagliare. Adesso è proprio il caso di dirlo, perchè la quinta giornata della Regular Season di Eurolega mette Milano e Sassari davanti ad un bivio, ed è il caso che le due nostre squadre imbocchino il sentiero giusto, per continuare a sperare nell’accesso alle Top 16.
Crocevia di stagione non solo europeo per Milano, che viene da 3 sconfitte consecutive tra campionato e coppa e non può permettersi altri passi falsi, contro una squadra, il Turow, che ruota tutta attorno a Damian Kulig: centro polacco classe 1987, 205 cm per 105 kg, è il vero “go to guy” della squadra di coach Rajkovic, coi suoi 20.3 punti, 6.5 rimbalzi, 1.8 assist, 1.5 recuperi e 1.5 stoppate di media fin qui. Sicuramente Kulig è l’opzione primaria, ma non dimentichiamoci di Mardy Collins, il braccio destro del centrone polacco. Esperienza italiana a Montegranaro (7 partite la scorsa stagione, prima di fuggire al Pireo), è un giocatore che può dar man forte, a suon di punti, sia in penetrazione che al tiro da fuori. In tema di vecchie conoscenze il Turow propone anche Filip Dylewicz (Avellino, 2009/2010), Vlad Moldoveanu (Treviso, 2011/2012) e Nemanja Jaramaz (Biella, 2012/2013), ed un occhio va dato anche all’ultimo arrivato, l’ala americana Chris Wright, che con la sua energia può creare grattacapi.

Appuntamento da non fallire anche per Sassari, che ancora deve festeggiare la prima vittoria, della sua storia, in una coppa europea. Al Pala Serradimigni arriva lo Zalgiris Kaunas, autentica sorpresa di questo avvio, europeo, di stagione, visto che i lituani sono secondi, nel girone A, e hanno battuto, oltre al Niznhy, anche Efes Pilsen e Unics Kazan, oltre ad aver perso, solo nel finale, contro il Real Madrid. Anche in questo caso lente d’ingrandimento su un giocatore in particolare, James Anderson: 15 punti, 6.3 rimbalzi e 2.8 assist per uno degli MVP di questo primo mese d’Eurolega, un giocatore che sta facendo la differenza nello scacchiere di Krapikas, fenomenale, con 27 punti, 11 rimbalzi e 4 assist, nella vittoria contro l’Unics. I ritmi alti e il “run & gun” di Sacchetti possono esaltare la mano caldissima di Arturas Milaknis, tiratore da 69% da 3 fin qui, ma lo Zalgiris può fare pieno affidamento, in vernice, sui sempreverdi, e sempiterni, Robertas Javtokas e Darius Songaila, autentici totem del basket lituano.

Il quinto turno, che è anche l’ultimo di andata, propone alcune sfide molto interessanti, tra le quali spicca la trasferta, insidiosa, dell’ancora imbattuto, Liga ACB compresa, Real Madrid ad Istanbul, sponda Efes. Se parliamo di fascino e storia nessuno può battere Barcellona-Panathinaikos, sfida clou nel girone C, ed è interessante anche la trasferta del Maccabi a Malaga, contro un’Unicaja che è incappato nelle prime due sconfitte, in Eurolega e in campionato, dopo un Ottobre praticamente immacolato.

Commenta
(Visited 12 times, 1 visits today)

About The Author