MNB 2012, l’Under 19 eliminata in semifinale dopo un supplementare

Si ferma in semifinale il sogno di poter bissare il titolo di campioni regionali Under 19 conquistato lo scorso anno nella finale con Trinitapoli del Pala Pinto. Serve un supplemtare per la resa nella grande sfida con l’Aurora Brindisi ma siamo orgogliosi di questi ragazzi che hanno lottato da autentici campioni, regalandoci ancora una volta emozioni fortissime. Sconfitti solo per i tabelloni luminosi, siamo i vincitori del cuore. Quell’immenso cuore che hanno tenuto nel palmo delle proprie mani per gli 85 minuti di queste due partite.

Quarti di finale, c’e’ Lecce vincitrice del girone salentino ed e’ la prima gara delle quattro di lunedi’ 23. Avvio di marca molese, 10-2 con Mazzarano e Palazzo in cattedra, saranno loro I mattatori molesi. I ragazzi leccesi alzano intensita’ difensiva e ricuciono il gap, gara punto a punto con il buon impatto di Feruglio e la determinazione di Giannulo. Nel terzo quarto Lecce prova la fuga anche in doppia cifra, ma Mola non ci sta e coach Alba allunga le rotazioni pescando punti e rimbalzi da Lioce. Piu’ sei Lecce a 10 dal termine, nel quarto e decisivo parziale i salentini accelerano ancora e Mola soffre e subisce sul perimetro. Massimo vantaggio salentino (+11) a 4 minuti dal termine, sembra finita, ma con questi splendidi ragazzi non lo e’ mai. Ci si guarda negli occhi, cenno d’intesa e si riparte: coach Alba mischia la difesa e i soliti Mazzarano e Palazzo prendono per mano l’attacco bianco blu e si ritorna a contatto. Ultimo minuto al cardioplama: bomba di Palazzo per il 55 pari, poi ancora Roberto freddissimo ai liberi regala vantaggio e vittoria ai campioni in carica per una semifinale fantastica contro l’Aurora Brindisi che nell’altro quarto si sbarazza dei Lions Bisceglie (84-67)

Semifinale. Di sicuro abbiamo assistito alla gara piu’ bella di queste final eight, i campioni in carica molesi abdicano a testa altissima sfiorando il colpaccio con la piu’ quotata Aurora Brindisi. Palla a due e subito Mola sprint, pressing, contropiede, tiro da tre per un 16-8 a fine primo quarto che vede ancora Palazzo e Feruglio a dettar legge (26 e 24 punti a fine gara per i due). Coach Patera sfrutta le ampie rotazioni mentre Alba perde prematuramente Lioce per problemi intestinali e Napoletano per un’anca ammaccata. Break Aurora e piu’ 1 all’intervallo per i brindisini con capitan Giannulo a suonare la carica per i molesi. Ad inizio terzo periodo Aurora in allungo guidata in maniera egregia dal play classe 1999 Colucci, il vantaggio tocca anche il piu’ 17 e il quarto si chiude con una tripla di Feruglio che riduce il gap.

Ancora una volta i ragazzi di Alba dimostrano di mollare mai e riversano cuore e grinta nel rettilineo decisivo:Palazzo e Mazzarano onnipresenti, pressano ed attaccano, il folletto Sabato indovina due triple e coach Patera e’ costretto a chiamare il time out sul piu’ 6. Mola e’ in ritmo ed in trance agonistica, ancora Palazzo impatta il punteggio e 4 lunette – 2 Palazzo e 2 Napoletano – la portano a un passo dall’incredibile impresa. L’Aurora pero’ ha stoffa da vendere e trova la tirpla con Colucci, 1 su 2 dalla lunetta di Mazzarano e +2 Mola con 33 secondi da giocare. Attacco di Perugino che trova un fischio molto genoroso-ed inesperto aggiungiamo noi-e dalla lunetta glaciale fa 2 su 2, l’ultimo possesso molese con il ferro che dice no a Feruglio. Overtime e coach Alba perde per falli due pedine fondamentali, il capitano e trascinatore Giannulo e Feruglio preziosissimo nelle aree, si resta punto a punto, a 30 secondi dalla fine Centrone sul -2 ha nelle mani il tiro del sorpasso ma ancora il ferro a dire no e sputare indietro il tiro. Aurora con una lunetta si porta a +3 e Palazzo non riesce ad insaccare il tiro dell’ennesimo aggancio. Brindisi in finale, Mola si conferma unica squadra sul podio rispetto allo scorso anno,con dei ragazzi fantastici che hanno entusiasmato e lottato su ogni pallone contro le condizioni fisiche precarie dimostrando di avere un cuore grandissimo ed una crescita che rende orgogliosi tutti noi.

Le parole di coach Alba alla fine della gara: “Direi che e’ stato un anno travagliato: l’ inserimento all’ultimo momento dei 4 nati nel 1997 tesserati con Action Now Monopoli, l’infortunio di un atleta e ragazzo importante come Michele Fiore, la mancanza di allenamenti , cose che devono insegnarci quanto una programmazione adeguata sia fondamentale per un settore giovanile comunque nuovo e in crescita. Sono contento di aver fatto delle finali alla mia prima esperienza come allenatore di un’Under 19, prima di tutto per la gestione di un gruppo maturo fatto di ragazzi intelligenti e che fuori dal campo si costruiscono obiettivi sociali e lavorativi. Dall’altro per motivi tecnici che hanno, spero, migliorato le mie conoscenze. Della partita c’e’ poco da dire, abbiamo dato tutto e rispettato a tratti un piano gara preparato e comunicato ai ragazzi in mattinata, lottando testa a testa con un avversario che merita la finale per il cursus sportivo degli ultimi anni. Chiudo ringraziando i miei colleghi ed amici: Alessandro Lotesoriere e Massimo Cazzorla, la societa’ Leo Losito, Luigi Lonigro e Luigi Mazzafaro, Simone Quaranta, Angela Demetrio e Roberto Losito (Cicerone ovunque) i grandi Gigi Gallo e Tommaso Stimolo che in questi due giorni hanno lasciato il lavoro per essere al fianco degli altleti, i genitori sempre vicini e per ultimo il mio assistente, Massimo Dell’Edera, prezioso sotegno nei momenti difficili della stagione. Ora sotto con gli allenamenti per concludere al meglio la stagione di serie D e programmare il futuro insieme”

Rammaricato ma comunque orgoglioso del lavoro e dei ragazzi coach Alessandro Lotesoriere, responsabile delle attivita’ giovanili: “Sono davvero dispiaciuto per i ragazzi che per me hanno dimostrato di meritare la finale, sono stati fantastici e sono orgoglioso di ciascuno di loro, anche di chi e’ rimasto fuori ed era in tribuna ad urlare e ad incitare i compagni. Complimenti all’Aurora che si conferma top societa’ giovanile, siamo anche orgogliosi di come stia diventando un classico questa sfida per i titoli giovanili (qualche settimana fa quella per il titolo Under 17), con l’augurio di poter vincere i prossimi. E’ bello stare al top con realta’ come Brindisi e Taranto che hanno sicuramente bacini demografici piu’ ampi del nostro. Rafforzo comunque l’idea che l’aggregazione che stiamo provando a creare con Monopoli, Rutigliano e le realta’ del Sud Est barese che vorranno stare con noi non puo’ che migliorare la qualita’ del lavoro e la crescita dei ragazzi, per far qualcosa di realmente proponibile ed utile al movimento, e renderci cosi’ una realta’ stabile per le giovanili nell’intero bacino pugliese.”

Questa sera la finale con Aurora a sfidare il favoritissimo Cus Jonico Taranto che ha spazzato via Calimera e Ruvo. Palla adue alle ore 19.00. Noi non ci saremo ma siamo stati grandissimi lo stesso.

Commenta
(Visited 7 times, 1 visits today)

About The Author