Mola Basket, stop casalingo contro Ecoelpidiense

GEOFARMA MOLA 57
PORTO SANT’ELPIDIO 72

GEOFARMA MOLA: Musci 19, Didonna, Bastone 23, Calo’ 9, Angelini, De Leone 4, Biasich, Pavone 2, Stimolo, Feruglio NE

All. Cazzorla

PORTO SANT’ELPIDIO: Torresi 9, Tortu’ 14, Andreani 18, Rossi 11, Boffini 5, Carida’ 9, Del Brocco 4, Vallasciani 2, Cavoletti NE, De Leo. All. Schavi

Arbitri: Francesco Di Luzio, Marcello Martinelli
Parziali: 18-7; 28-28; 37-42; 57-72

 

 

Una pessima ripresa consegna ancora uno stop alla Geofarma che si arrende anche a Porto Sant’Elpidio. Seconda metà di gara che è lo specchio di una condizione mentale più che fisica davvero delicata per questa squadra, la serie ancora aperta di sconfitte e il fondo della classifica stanno destabilizzando un gruppo giovane, troppo giovane, che al primo passaggio a vuoto smarrisce tutte le poche certezze conquistate a tabellone fino a quel momento, la pressione e l’ansia crescono e la gara puntualmente sfugge dalle mani per recarsi dagli avversari, lesti ad approfittarne e chiudere i giochi senza pietà.  Il tempo stringe e le chances salvezza si assottigliano Domenica prossima ci sarà il crocevia della stagione, nello scontro diretto a Martina Franca, dove il roster visto ieri avrebbe poche chance, auguriamoci che questa settimana sia decisiva in meglio per ritrovare un gruppo che si gioca la vita sportiva o quasi in 40 minuti.

E dire che, come con Giulianova, l’avvio al fulmicotone aveva illuso: Geofarma sul parquet con Angelini ,Didonna, Bastone, Calò e Musci e a farsi strada nella difesa ospite prima con il pivot di Fancavilla poi con il suo numero 7 ispirato (10 punti nel primo quarto). Primo break scavato con i marchigiani molto imprecisi al tiro e fermi a 7 punti contro i 18 dei bianco azzurri al minuto 10.

L’illusione è effimera, subito un parziale di 8-0 per i passanti in avvio di seconda frazione, Mola si inceppa e trova i canestri solo da due uomini fino a metà gara, Musci e Bastone, mentre gli ospiti si riavvicinano gradualmente e sul finire del primo tempo agguantano la parità con Torresi e Andreani(28-28) dopo aver perso Vallasciani per un problema al ginocchio, giovane al quale auguriamo una pronta guarigione. La gara punto a punto destabilizza Mola, che senza due punti da troppo tempo, si ritrova macchinosa, ansiosa e con pochissimo ossigeno al cervello: errori in serie, Sant’Elpidio così senza impressionare nel finale di terza frazione si ritrova per la prima volta davanti con la tripla di Caridà e due liberi di Torresi, in un terzo quarto che vede i padroni di casa subire sempre la lunetta per bonus falli esaurito dal minuto 23’. Si va all’ultimo pit stop in panca con l’Ecoelpidiense davanti 42-37. La Geofarma non regge la tensione e sciupa possessi in serie, Sant’Elpidio si ritrova servita su un piatto d’argento la gara e complice gli ampi spazi castiga: Carida’, Tortu’, Del Brocco, Rossi  e Andreani dai 6,75 mandano alla deriva i bianco azzurri di coach Cazzorla, che al minuto 36 gettano la spugna (46-61) per il decimo stop di fila. Mola getta al vento l’ennesima gara, un paniere consistente di rimbalzi (49-31 nel testa a testa tra i due roster, 14 Musci e 12 Bastone) con una condotta scellerata e con la spina staccata in fase d’impostazione, lo testimoniano solo due nomi capaci di andare a canestro per tre quarti di gara.  Le due triple di Calò, i punti di De Leone e Pavone arrivano a discorso chiuso con gli ospiti a controllare in scioltezza il risultato con i liberi di Torresi e l’ultimo canestro della gara di Andreani.
Donatello Biancofiore

Commenta
(Visited 9 times, 1 visits today)

About The Author