Nazionale, Jack Galanda: "Vestire l'azzurro è un onore irrinunciabile"

Mercoledì scorso è stata diramata la lista FIBA dei 24 convocati dalla Nazionale, in vista delle partite Italia-Croazia (Trieste, 28 giugno 2018) e Olanda-Italia (Groningen, 1 luglio 2018).

Dell’Italia e dell’importanza di giocare con la maglia Azzurra abbiamo parlato con Giacomo Galanda, che con la Nazionale ha vinto la Medaglia d’Oro agli Europei di Francia 1999, la Medaglia d’Argento agli Europei di Spagna 1997, la Medaglia di Bronzo agli Europei di Svezia 2003, oltre alla Medaglia d’Argento alle Olimpiadi di Atene 2004, venendo inserito nel quintetto ideale.

Galanda, che con l’Italia ha giocato dal 1997 al 2007, è oggi Consigliere Federale FIP, Rappresentante dei giocatori professionisti espresso dalla GIBA.

Giacomo, cos’è per te la Nazionale?
«È una istituzione, qualcosa di intoccabile. Per me ha rappresentato il massimo in carriera e ogni volta che l’Italia mi ha chiamato ho risposto presente, perché vestire l’Azzurro è un onore».

Un onore che costa sacrificio?
«Sarei un ipocrita se affermassi che negli anni non mi è pesato rispondere sempre presente, sacrificare le vacanze, lavorare duro anche a scapito della stagione successiva nel club dove la mancanza di riposo si sarebbe sentita, ma ricordo che nel momento in cui indossavo la maglia dell’Italia e giocavo per difendere i nostri colori ogni stanchezza svaniva. E l’energia clamorosa che la maglia dava a me l’ha sempre data a tutto il gruppo, perché l’Italia crea un fortissimo senso di appartenenza».

E vincere indossando l’Azzurro ha un sapore particolare?
«Assolutamente sì. Quando vinci in Azzurro rappresenti la tua Patria. Gli emigrati in Argentina sono felici, così come gli italiani che vivono in Australia e Canada. Potrebbero anche togliere il cognome dalle canottiere, perché siamo tutti pezzi di una Nazione. Io non ero Galanda, ero il Numero 6 e sono stato il Capitano dell’Italia».

Un messaggio forte, da un veterano ex Nazionale, destinato ai giovani?
«Indirizzato alla totalità del movimento della pallacanestro italiana. Tutti quelli che giocano per la Nazionale devono sentire nel profondo l’orgoglio di farlo. Un orgoglio che non può e non deve essere messo in discussione. In Nazionale non ci sono differenze contrattuali, né si parla di soldi: si gioca per la maglia e si è tutti uguali, lavorando per la gloria sportiva di una Nazione».

Il tuo impegno per l’Italia continua. Prima in campo, ora in Consiglio Federale…
«Svolgo con onore il compito di Consigliere Federale che, seppur gravoso, mi riempie di orgoglio perché è un servizio dato credendo nel futuro delle giovani generazioni della nostra scuola italiana. Io, la Federazione, la GIBA, le leghe LBA e LNP: tutti lavoriamo affinché ci sia la piena valorizzazione delle nostre risorse. Anche attraverso il nuovo ranking per i settori giovanili, che mostrano segnali importanti circa la comprensione dell’importanza di lavorare sulla crescita di giocatori italiani. Per questo chiedo a tutti gli atleti che vestono l’Azzurro di crederci con forza e di dare tutto per aiutare la Nazionale a conquistare nuovi allori».

Cosa pensi del lavoro di coach Sacchetti?
«Ho apprezzato molto il suo voler aprire le porte della Nazionale, dicendo agli atleti che lui avrebbe dato una possibilità a molti. Sta ai giocatori, lavorando duro, dimostrargli che possono stare in campo meritando l’Azzurro. Non ci sono preferenze: bisogna soltanto provare al coach di valere la convocazione e questo credo sia un grande messaggio per chi ha voglia di dare tutto per la Nazionale».

Commenta
(Visited 40 times, 1 visits today)

About The Author